<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2012/09/29

Il Senso della Vita


Titolo emblematico che deve far pensare.
Non voglio scomodare i pensatori dello scorso secolo tutti impegnati a mostrarci la via per una vita a senso orientata verso i classici valori che possano includere la famiglia i figli e creare valori materiali per i propri discendenti.

Oggi voglio parlare di cosa è lecito aspettarsi dalla vita nel momento in cui qualcuno - i genitori - decide che è venuto per voi il momento di nascere fino a quando qualcun altro - la vita - deciderà che è venuto il vostro momento. Non sono fatalista, ognuno si costruisce mattone per mattone la propria vita che in parte è già disegnata da quel bagaglio biologico che il DNA assegna e che difficilmente si potrà modificare.

Perché questo pensiero?
Difficile da tradurre in semplici parole, sono una persona che legge molto, in questo periodo leggo i forum, sono uno scrittore, penso e vivo a contatto della gente e ho notato che il pensiero comune oggi in Italia è quello di fuggire dal bel paese per cercare un lavoro umile, dignitoso. Perché umile o dignitoso o perché entrambi?
Leggo sul mio dizionario preferito online la definizione di umilta':
umiltà[u-mil-tà] s.f. inv.
1 Mancanza di orgoglio, di superbia, virtù di chi riconosce e accetta i propri limiti SIN modestia
2 Atteggiamento rispettoso, sottomesso SIN deferenza: comportarsi con u. verso un superiore
3 Bassa estrazione sociale: vergognarsi dell'u. dei propri natali
4 Caratteristica, condizione di ciò che è semplice, modesto, povero: u. del tenore di vita
• sec. XIII[/quote]
e poi quella di dignitoso:
dignitoso[di-gni-tó-so] agg.
1 Di persona, che ha il senso della dignità e che, quindi, non si abbassa a comportamenti volgari o arroganti: un uomo molto d.; estens. di aspetto, atteggiamento e sim., che denota compostezza, misura: dolore d.
2 Che rispetta il valore, i meriti della persona SIN decoroso: paga d.
3 estens. Di qualità intermedia tra l'ottimo e lo scadente, tra il misero e il lussuoso SIN accettabile, passabile: albergo d.
• avv. dignitosamente, in modo d.
• sec. XIII
a cui aggiungiamo quella di dignita':
dignità[di-gni-tà] s.f. inv.
1 Considerazione in cui l'uomo tiene se stesso e che si traduce in un comportamento responsabile, misurato, equilibrato SIN rispettabilità, decoro: d. umana; dimostrare una grande d.; estens. compostezza, decoro che denota rispetto per sé e per gli altri: volto, pieno di d.
2 Importanza che viene a una cosa dal significato spirituale, culturale, sociale che l'uomo le annette, e che la rende degna di rispetto: lo richiede la d. dello Stato
3 Carica, ufficio importante
• sec. XII

Una volta chi lasciava l’Italia emigrando sostanzialmente nelle Americhe, o in Europa oppure in Australia lo faceva per andare a cercar fortuna che, tradotto in un linguaggio moderno, significava andare a guadagnare di più di quello che si potesse mai aspirare restando in patria. È chiaro, ma non è chiaro per quale motivo gli italiani che desiderano oggi andarsene, debbano per forza aspirare a posizioni dignitose o umili, per quale motivo si cerca una condizione la più bassa possibile in una scala di valori assolutamente senza limiti?

E qui torniamo al senso della vita.
Prole, continuare “il genere umano”, creare i valori materiali per i discendenti. 
È inutile dilungarsi sui valori della famiglia come è inutile parlare dela prole, non necessariamente vanno intesi con la famiglia, qui parliamo del creare valori materiali per i discendenti.

Einstein dice: “Colui che considera la sua vita destituita di qualsiasi significato, non solo è infelice, ma è anche incapace di vivere”.  Egli parte dal presupposto che il conoscere il perchè delle cose e soprattutto il senso della vita è l’assillo che affiora spesso nella ricerca dell’uomo. Nell’esperienza del singolo, nel suo impatto con la nascita, la morte, la sofferenza, l’interrogativo si ripropone, magari con veemenza. Pertanto, è ragionevole e importante trovare un orientamento per la vita.

Perché vivere dunque? Ogni uomo volendo ragionevolmente progettare la sua vita, va alla ricerca di un senso, di una ragione per agire. La domanda fondamentale è: Perchè vivere? Essa si fa ancora più pressante di fronte alle diverse  situazioni “insensate” ed assurde della creazione (la condizione transitoria delle creature: nascono, soffrono, muoiono, si eliminano a vicenda in nome dell'ecosistema, soccombono a causa di eventi catastrofici della natura) e della storia (le contraddizioni degli uomini espresse nel male che essi compiono: guerre, violenze, ingiustizie).

Il saper creare valori materiali per i discendenti potrebbe anche includere avere successo, una vita di successo che mal si adatta all'umiltà' e ancor meno al dignitoso.
Perché' ne con una ne con l'altra si riesce a emergere in questa nostra società fatta, composta, di individui che vogliono venir fuori dalla melma primordiale che li avvolge e diventare un qualcuno, non importa se ricco o povero, un qualcuno riconosciuto, additato e perché no, ricordato nei secoli. E questa è la vera ricchezza.
Restando al presente che cos’è la nostra vita? E' un gioco? Il bene e il male sono null’altro che sogni. Il lavoro, l'onestà sono fiabe per donnette? la verità è che il senso della vita esiste. Esso è lo sviluppo della coscienza qualitativo e quantitativo.
Lo sviluppo qualitativo comprende il perfezionamento intellettuale ed etico, nonchè l'affinarsi della consapevolezza. Quello quantitativo è l’accrescimento diretto della quantità dell’energia della consapevolezza fine. 
Qualitativo e quantitavo non vanno d’accordo con umiltà e dignitoso.
Non vanno nemmeno d’accordo con il ricercare un lavoro decisamente inferiore a quello che potremmo trovare utilizzando semplicemente le nostre conoscenze e l’esperienza (per chi ne possiede in quantità apparentemente illimitata).
Il sospetto che si fa strada nella mente riporta alla ragione dell’emigrare, non già espatriare per cercar fortuna ma per sopravvivere in questa Italia che a torto viene considerata in declino, forse siamo noi suoi abitanti a essere in declino e fuggire è solo non voler riconoscere di quanto in basso siamo arrivati.

Quando ero giovane, imberbe e di belle speranze pensavo che solo attraverso lo studio si potesse trovare la chiave della felicità, della fortuna, della ricchezza. Il concetto mi era chiaro pur nella sua complessità: un buon titolo di studio porta un buon lavoro che a sua volta porta a diventare ricco in tempi relativamente brevi.
Giusto e sbagliato.
È pur vero che lo studio apre a maggiori probabilità di ambiziosi posti di lavoro, da manager, direttore, CEO e via discorrendo, ma è altresì vero che per essere imprenditori non occorre essersi laureati a Harvard. Che poi essere colti serva anche nel mondo imprenditoriale non è un concetto ma una realtà, basterebbe guardare a chi conduce oggi la Fiat, la Pirelli, le grandi industrie italiane che hanno origini “familiari” sono gestite da managers con almeno un master in una università di prestigio.
Ritornando al nostro senso della vita rimane evidente che a decidere di partire sono per la maggioranza quegli italiani che in patria non hanno saputo dare un senso alla propria vita, che si rendono conto degli errori compiuti in passato, da loro stessi o dai parenti da cui discendono. È però necessario analizzare questa esigenza, questo desiderio come ultima spiaggia, mollare tutto e partire alla ricerca di un’altra vita, non importa se meglio o peggio di quella attuale, o forse si, sicuramente meglio perché è quello che si crede, tanto peggio dell’Italia non sarà mai, dimenticandosi che lasciare la propria Italia è come fare un salto nel buio, senza sapere dove si atterra.

2012/09/23

Paris, Paris!


È illusorio pensare di poter conoscere Parigi. Nemmeno dopo tanti anni, dopo averci vissuto per lunghi o brevi periodi. Nemmeno i parigini la conoscono veramente, si limitano a convivere con la città, la sopportano e l’amano ma nessuno la conosce veramente. Sembra che nessuno voglia effettivamente approfondire la conoscenza, forse hanno paura di essere respinto?
Parigi, lo sappiamo, è la Francia. Non c’è nessun altra nazione al mondo la cui capitale identifica un intero Paese. Tutto ruota attorno a Parigi e se a qualcuno può venire in mente che ci sono altre città, anche importanti e anche lontane da Parigi, dove apparentemente la vita scorre in modo indipendente, ecco che le cifre intervengono in aiuto.
Nell’Ile de France vive poco più di un sesto della popolazione della Francia metropolitana, secondo l’ultimo censimento erano 65 milioni gli abitanti nel 2011. Anche aggiungendo i territori d’oltremare e le colonie il rapporto non cambia. Se confrontiamo Parigi con Roma notiamo subito la differenza. Roma vanta circa 2,8 milioni di abitanti, vale a dire 1/21o della popolazione italiana. Niente a che vedere con Parigi. L’Île de France e’ la regione dove tutto ruota attorno alla capitale. Tutto il resto è “provincia” una parola pronunciata non con disprezzo ma con distacco. Gli altri francesi subiscono malvolentieri questa condizione di sudditanza, ma non riescono a ribellarsi, l’accettano come fosse una legge naturale alla quale possono opporre soltanto un fiero sentimento di antipatia verso i fratelli apparentemente piu’ fortunati.
Apparentemente, perché Parigi soffre dei mali tipici delle megalopoli, la delinquenza, il sovraffollamento, il traffico di superficie che genera alti tassi di inquinamento atmosferico e acustico, gli ingorghi a volte impossibili che lasciano sul campo immobili serpentoni di autoveicoli. La spocizia, in particolare nelle banlieue, c’è sempre nonostante i grandi sforzi di tutte le amministrazioni municipali per mantenere una abilita’ decorosa.
Ma allora perché Parigi è la meta preferita, nonostante questi tempi di crisi, di orde di turisti dal mondo intero che l’affollano, la rigirano come un calzino per cogliere tutte le sue peculiarità da poter ricordare assieme agli amici o forse vantarsene?
La prima sensazione che si prova arrivando in città e quella di essere capitati in un luogo dove la vita scorre più in fretta. Per la strada, nella metro, nei grandi magazzini, all’Opera, la gente è sempre di corsa, li avete mai incontrati i parigini in un giorno qualsiasi? Se non fate attenzione vi urtano, vi calpestano, vi guardano come se foste marziani, venuti da un altro mondo. Ed è realmente un altro mondo, nessuna altra città regge il paragone con Parigi, è angosciante lo so, viverci non attenua questa sensazione, nemmeno dopo anni riesco a liberarmene.

2012/09/19

Diritti e doveri


Che differenza c'è fra le foto rubate a Kate Middleton e le vignette satiriche di Charlie Hebdo?
Nessuna, sono entrambe libertà di stampa e opinione, estrema certamente, punibile eppure...

Eppure abbiamo assistito a due diversi comportamenti della giustizia francese.
Da una parte a seguito di una denuncia dei reali inglesi quelle fotografie sono state immediatamente ritirate dal magazine francese, oggi poi gli scatti "rubati" sono stati consegnati alla famiglia reale britannica. Una vittoria di Pirro questa, perchè quelle fotografie erano già state rivendute a moltissime testate di scoop e gossip dell’intero pianeta, una classica vittoria di Pirro perchè di fatto nasconde una sconfitta. È vero che il giornale francese non potrà vendere né diffondere ulteriormente gli scatti incriminati, ma è innegabile che ormai quel seno l'ha visto tutto il mondo, internet ha ripreso la notizia in lungo e in largo. Il danno ormai è stato fatto. Un danno di immagine dunque, l’immagine di una famiglia in declino. La giustizia francese ha quindi condannato il giornale al divieto di diffondere o cedere le immagini a seno nudo della duchessa di Cambridge e a restituire, entro 24 ore, tutti gli originali, pena una multa di diecimila euro ogni giorno di ritardo.
Kate Middleton, Principessa di Cambridge
Ma la giustizia francese non si è comportata allo stesso modo con le vignette satiriche di Charlie Hebdo, anzi, il premier Jean-Marc Ayrault ha sottolineato che la Francia è "un Paese in cui la libertà di espressione è garantita, compresa quella di caricatura". "Se ci sono persone che si sentono offese nelle proprie convinzioni” ha detto il premier alla radio RTL, “e ritengono che siano state violate delle leggi, e noi siamo in uno Stato in cui le leggi vengono fatte rispettare, possono rivolgersi a un tribunale”.

Ma come?

Le fotografie a seno nudo della Principesa di Cambridge forse faranno inviperire i sudditi di sua maestà la regina d'Inghilterra, siamo certi che a qualcuno verrà in mente di gettarsi nudo nella Senna o nel Tamigi per protesta, qualcun altro boicotterà i prodotti francesi per qualche tempo, poi tutto cadrà nel dimenticatoio.
Le vignette satiriche no, quelle alimenteranno l'odio del mondo islamico nei confronti di quello cristiano. Un odio recentemente riacceso dopo quel filmetto blasfemo, e diciamocelo, inutile e dannoso che un cretino qualsiasi ha prodotto negli Usa.
La Francia si era già attirata notevoli critiche dopo la legge che aboliva l'uso del velo integrale in pubblico, nelle scuole, nei luoghi pubblici.
Adesso siamo punto e a capo.

Adesso ricomincerà la caccia alle streghe, viaggiare tornerà a essere pericoloso, assisteremo a piani di emergenza codice rosso in tutte le ambasciate francesi nel mondo, in particolare in quei paesi dove l'estremismo islamico gode ancora, e nonostante tutto, di quelle protezioni politiche e ideologiche che noi nemmeno possiamo immaginare.
Charlie Hebdo fondatore dell'omonimo giornale satirico

Ne vale la pena? Assolutamente no.
Credo che certi diritti vadano limitati, non è giusto che si possa dire quello che si vuole se la nostra azione mette a rischio la vita di altri individui.

Viviamo fortunatamente in un mondo libero, ma la nostra libertà finisce dove comincia quella degli altri, anche se si tratta di altri popoli, altre religioni, che siano i fratelli dell'Islam o i Buddisti indiani.

La pace si crea attraverso piccoli passi, la convivenza fra popoli e religioni si fonda sulla reciproca comprensione e rispetto, nessuno può e deve permettersi di rompere questi sottili equilibri, nemmeno in nome di una presunta libertà di espressione.

2012/09/12

Fuga dall'Italia!

Leggevo su un forum la richiesta di consigli di una coppia di italiani decisi a trasferirsi all'estero, innamorati della Grecia, si tanto da sorvolare sui tanti problemi a cui il paese sta tentando di porre rimedio, fra dubbi e perplessita'.

Premesso che chiunque abbia il diritto di andare a vivere dove preferisce esprimo qui un mio personale punto di vista che, spero, sia finalmente condiviso dalla massa (ormai e' tale) degli Italiani che hanno
deciso o stanno decidendo di lasciare lo stivale per svernare e magari piantar radici in uno dei Paesi esteri di cui e' composto questo sterminato pianeta.
Premessa ovvia perche' -udite udite- non esiste una nazione dove potersi trasferire che sia inadatta a quello che ci siamo prefissati di fare.
Mi spiego, andare in Grecia in questi tempi non e' molto diverso dal restare in Italia e nemmemo dall'andare in Spagna, Portogallo, Irlanda e mettiamoci pure la Francia che per risolvere il problema del PIB (PIL) hanno deciso di tassare i super ricchi al 75%.
In Italia, e qui torniamo allo stivale nostro, non vanno tutti male, lo sappiamo, molti si lamentano, tirano la cinghia (hai poco da tirare se hai perso il lavoro), piangono miseria, si abbattono e suicidano e poi...
E poi insieme ad altri diciotto milioni se ne vanno in ferie ad agosto perche' allo shopping si puo' anche rinunciare ma alle ferie no.

La Grecia, grandissimo paese, gente onesta, simpatica, cordiale, disponibile. In particolare quelli delle isole, sempre rispettosi verso lo straniero, mai invadenti. Sono stato a Rodi, a Creta, di Santorini ho ricordi stupendi. In Grecia ho amici, gente che sta bene, a cui la crisi passa come un soffio di vento, gente che si lamenta come tutti per non passare da superbo.

Volete andare in Grecia? Andateci, scoprite tutto il bello che il Paese sa offrirvi perche', tranquilli, il brutto della crisi non vi tocchera' mai nemmeno da lontano, voi pagherete le vostre tasse e nulla piu'.
Solo non aspettatevi favori, adesso in tempi di vacche magre favori non se ne fanno piu' ma l'opportunita' di vevere intensamente la vostra vita come l'avete pensata non vi ricapitera' mai piu'

Andate dunque e siate felici!

2012/09/08

VICENDEVOLMENTE


Vicendevolmente, reciprocamente. Quello che io ti regalo tu lo regali a me. In altre forme altrimenti si tratta solo di un mero passaggio di idee da un individuo all’altro. Stiamo parlando di idee o di situazioni o forse di oggetti? Parliamo di idee e pensieri scaturiti dall’anima? Che idee potremmo mai avere ora che siamo all’ultima spiaggia, quale reciprocitá potrá esistere ora che non abbiamo piú nulla da dividere fra noi se tu vuoi andartene e io restare? Qui non si tratta di famiglie ma di popoli, di un popolo vissuto giorno dopo giorno con la certezza che ognuno era l’ultimo e adesso che siamo praticamente alla fine ci illudiamo che forse qualcosa possa ancora esser salvato e sperare e tornare a un recente passato.
Illusioni?
Vicendevolmente abbiamo diviso anche la ricchezza? Il pensiero corre veloce come una goccia di sangue che scivola via lungo uno stretto canale di pensieri, i pensieri dell’anima che sceglie la libertá. Mi libero da questo stato d’incoscenza voglio viaggiare lontano nel tempo. Chi siamo? Non abbiamo diviso la tua ricchezza materiale come io non ho diviso la mia ricchezza mentale con te. Io sono povero con la pretesa e  forse desiderio, ma è solo un sogno che potrebbe avverarsi, di diventare ricco fuori, dentro lo sono già. Tu puoi continuare a essere ricco di tutto il materialismo che la tua condizione permette, ma della mia ricchezza non potrai aver nulla. Sarà solo mia e a te nemmeno le briciole.
Chi siamo?
Siamo pedine in una scacchiera non solo di bianchi e di neri ma di gialli, verdi, rossi, blu. Le regole non sono le stesse e quello che va bene a te non vale per me e reciprocamente è tutto capovolto e ritorniamo alle origini. Tutto deve andar male affinché tu possa rimanere in un mondo diverso dal mio. Sei realmente in un mondo di desideri o è frutto solo della mia mente?
Vivo con la consapevolezza che il mio status vivente serva solo a permettere a gente come te di vegetare, vivo con la certezza che un giorno tutto questo cambierà e i neri saranno bianchi e tutto girerà al contrario.
E vicendevolmente io sarò ricco e tu povero.