<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/02/25

Un cavallo per cena

Per secoli Il cavallo è stato l'animale che si più radicato nelle tradizioni e nella memoria d’ogni popolo della terra. 
Non possiamo dimenticare tutta quella serie di simbolismi spesso in contrasto, a seconda delle culture, dei miti, delle leggende e persino dei significati magici di cui è stato investito presso le varie popolazioni.

Non dimentichiamo inoltre il significato che alcune correnti di pensiero che spaziavano nella psicoanalisi hanno voluto dare a questo fiero e imponente animale. Un significato che trascende l'umanità, altre culture l’hanno poi collegato alla manifestazione dell’impetuosità dei desideri e delle passioni racchiuse nell'inconscio. Secondo l’ottica archetipica, il cavallo è connesso sia al fuoco, come spesso è indicato in gran parte della mitologia nordica ed europea continentale, che all'acqua, come nella mitologia classica greca.

Nel primo significato, l'animale si eleva in alto verso la dimora degli dei, è il veicolo principale del trasporto delle anime degli eroi nel Wahalla, il paradiso dei popoli Nordici vichinghi, esso è un posto ben definito da spazio e tempo, si trova sulle nuvole e da qui deriva anche il concetto popolare secondo il quale il paradiso sia sulle nuvole, perciò, per raggiungerlo, il cavallo diviene la cavalcatura preferita dalle Valchirie solari. 

Nel secondo significato, invece, il cavallo diviene animale ctonio, tenebroso e lunare, è considerato figlio della notte e del mistero, significante di morte e di vita insieme. 

E qui bisogna aprire una parentesi per spiegare il significato di “ctonio”. Lo spiego affinchè poi qualcuno non venga a dirmi che c’è un errore grammaticale. In verità il termine mi è giunto attraverso la lettura di testi che lo utilizzavano.  Siccome sono curioso e mi sembrava adatto allora l'ho aggiunto al mio sperando lo possiate ricordare in futuro, magari per dissertare su argomenti profondi che non sarebbe nemmeno male. 

La Treccani Enciclopedia, leggendaria opera italiana, fornisce una spiegazione del termine che ritengo soddisfacente e sufficientemente chiara: Ctonio, nella mitologia classica, attributo di divinità sotterranee il cui culto o mito era collegato con la vita terrestre o sotterranea; divinità ctonia per eccellenza fu Ade per i Greci, Dite per i Latini. E cavallo per noi? Il termine è usato in storia delle religioni per indicare la stessa connessione con la terra anche per figure di altre civiltà religiose. 
Questo nostro cavallo è quindi un alleato primario e prezioso delle divinità del sonno eterno, poiché diviene il mezzo di trasporto delle anime dei morti nell'Ade greco, negli Inferi, nella profondità delle viscere della terra.

Mi devo documentare per fornirvi scritti che possano sollecitare la vostra approvazione, proseguo quindi in questa mia ricerca cercando di non perder troppo di vista l’argomento di cui si tratta, vale a dire il cavallo, per cena.

La simbiosi tra l'uomo e il cavallo si concretizzò, già in epoca greco-classica, nel mito dei Centauri, esseri con la testa, busto e braccia umane ed il resto del corpo completamente equino. Il cavallo ebbe parte integrante nei riti dionisiaci greci e mediorientali, principalmente nelle liturgie che ebbero attinenza con il concetto di possessione e di iniziazione. Troviamo il cavallo-alato Pegaso, che regge i fulmini di Zeus.
Troviamo il cavallo anche nelle lasagne Buitoni e Findus e il tanto fidato Ikea, quello della filiera a km zero, che ci propina la carne di cavallo nelle polpette saporite, magari con un contorno di purea di patate e marmellata di mirtilli, alzi la mano chi non le ha mai mangiate! 

La carne di cavallo è dunque un problema?

In se il problema non esiste. Si macellano da sempre cavalli e si consuma da sempre, anche in Italia e in buona parte d’Europa la carne di cavallo. Lo scandalo nasce tuttavia da molto lontano, e non pensiate che sia storia recente, tutt'altro! Per avere un’idea sulle dimensioni raggiunte dallo scandalo della carne di cavallo, basta citare un paio di numeri. Quello dei prodotti di vari marchi ritirati dalle aziende alimentari in seguito allo scandalo della carne di cavallo: sono 58 (in coda pubblico l'elenco completo) quello dei Paesi coinvolti nella vicenda sono venti.
L’effetto domino ha costretto alcune tra le più grandi multinazionali (ABP, Spanghero, Findus per citare i marchi più celebri, in attesa che altri si aggiungano alla lista) a rivelare cosa c’era dentro i propri prodotti a base di carne, dopo che gli esami di laboratorio hanno dimostrato che confezioni con messaggi a caratteri cubitali del tipo “100% Manzo” in realtà contengono tra il 60% e il 100% di carne equina.
Pochi giorni fa, il governo britannico - seguito da quello francese – hanno aperto un’inchiesta, dopo avere ammesso di non essere in grado di affermare quante confezioni di prodotti surgelati contengano carne equina a dispetto di quanto riportato sulle etichette. 

A Londra non si sa nemmeno se i prodotti falsificati siano finiti nelle mense di scuole e ospedali. E soprattutto, non si sa se anche animali malati siano finiti nel circuito dell’industria alimentare. Quello che si sa, al momento, è che il problema della carne equina era già stato sollevato da un parlamentare nel 2011, ma il governo ignorò la denuncia. Intanto i cittadini britannici potrebbero avere consumato carne di cavallo per anni senza saperlo.
Benché allo stato attuale delle cose – e contrariamente al vox populi - tali alimenti non risultano essere avariati o avvelenati, ma semplicemente diversi da quelli che avrebbero dovuto essere, non si può dunque escludere che oltre all’imbroglio etico sussista anche un potenziale pericolo per la salute dei consumatori.

Allora il problema da dove nasce?

La carne di cavallo costa meno di quella di manzo. E quindi il rischio è la possibilità che a qualcuno venga in mente una frode per risparmiare. La carne di cavallo, cruda, è diversa da quella di manzo o di maiale, si vede ad occhio nudo perchè molto rossa, scura rispetto alle altre di manzo o maiale; quando tuttavia la carne di cavallo viene cotta e mescolata con le altre due ecco che sia dal punto di vista colore che sapore non sussistono differenze. Diventa quindi difficile capirlo, sia visivamente che olfattivamente a meno di rocorrere a analisi che identifichino con certezza il DNA equino. 

La carne di cavallo è pericolosa per la salute umana?

No, assolutamente no se la macellazione avviene secondo le regole, le stesse che vengono utilizzate per la macellazione bovina e suina, purtroppo non sempre questa è la prassi e allora si incorre in violazioni della legge. Approfondisco l’argomento che si fa interessante. Dal punto di vista legale sostituire la carne bovina con altra equina senza menzionare la presenza di quest’ultima sulle etichette è, in ogni caso, sofisticazione, dato che conterrebbe carne diversa da quella indicata sulla confezione. E quindi, qualora venisse mischiata carne di cavallo, ci sarebbe un comportamento illecito e penalmente perseguibile. 
Ma esiste un secondo aspetto da tenere in considerazione. Non credo che i produttori considerino i consumatori bisognosi di sostanze nutritive come la carne di cavallo possiede, la vera ragione per cui viene utilizzata quella del possente destriero della nostra atavica memoria è puramente economico. La carne di cavallo infatti costa meno di quella di manzo e, paradossalmente più di quella di maiale ma, quest’ultima non verrebbe consumata da una certa fetta di popolazione di credo islamico, quindi, per ridurre il costo, il cavallo è la soluzione, alla faccia del consumatore che ignora completamente.

Ho affermato qualche riga sopra che la carne di cavallo non rappresenta un problema per la salute umana. Vero, e lo confermo tuttavia il discorso diventa più complesso da giustificare tout court. Perchè, in teoria, non ci dovrebbe essere alcun problema, il cavallo passa, come i bovini una visita veterinaria e se la supera lo si macella. Ma questa è la procedura ordinaria. Purtroppo non sempre è così. La realtà è che spesso allevatori di cavalli con pochi scrupoli cercano di smaltire carne di cavalli vecchi, inadatti a correre e non di tale valore da essere trasformati in stalloni da monta. E chiaramente quei cavalli non passano alcuna visita veterinaria. E noi sappiamo che, in particolare in certi ambienti agonistici, gli animali subiscono il doping, alimentati a steroidi per sviluppare la resistenza e la muscolatura e se tutto questo finisce nello stomaco dei consumatori che non sono assolutamente informati, ecco che diventa un problema per la salute, in particolare dei bambini. Potrei dirvi che il rischio è solo qui, nell'accertare la provenienza delle carni. Il problema è che non viene mai eseguita seriamente: nella maggior parte dei casi questi controlli sono affidati all'autocertificazione e alla fine ci si deve affidare, in ciascun passaggio, all'onestà della singola ditta. Se un anello della catena decide di essere disonesto, ecco che il prodotto è compromesso. E non si sa con quali risultati.

Naturalmente, con questo non voglio dire che i prodotti Buitoni, Findus o Ikea siano taroccati,  il discorso che sto facendo è assolutamente generico e comprende qualsiasi prodotto preparato e congelato. Anche quando compriamo altri tipi di proddotti a base di carne o di pesce, noi non sappiamo che carne o che pesce viene usato. Ci dobbiamo fidare della filiera delle società che l'hanno prodotto e del marchio che la mette in scatola e se il marchio è famoso ecco che la nostra fiducia contribuisce anche come esempio per altri consumatori.

Il caso monta in queste ore, e sta scatenando il panico tra produttori e consumatori in mezza Europa. Sono molti quelli che affermano che non si tratta di un un problema di ordine sanitario, ma sono anche molti che sottolineano come questo evento sia solo un sintomo di un più largo affare di gruppi senza scrupoli che macellano carne senza controlli e tracciabilità per fare il cosiddetto “pastone, un miscuglio di carne da rivendere a prezzi concorrenziali. Se la carne di cavallo di per se non fa male alla salute c'è da stabilire in realtà perché è stata etichettata come carne bovina e dunque da dove provenga. Il problema è, come detto sopra, la macellazione dei cavalli da corsa che per legge sono dichiarati non destinati alla produzione di alimenti anche perché per loro è concesso l'uso di farmaci non possibile per animali da macello. A pesare sul fenomeno la crisi degli ippodromi. Questo fenomeno già diffuso da tempo ha avuto un'accelerazione negli ultimi anni con la crisi degli ippodromi e dei maneggi perché mantenere un cavallo costa e molti preferiscono sbarazzarsene illegalmente invece che aspettare la morte naturale degli animali. 

A questo punto si inseriscono nella trattativa gruppi criminali che prendono in carico le bestie le macellano spesso illegalmente per poi formare un pastone di carne con certificazioni fasulle. Il rischio è che ne risenta tutto il settore perché come lamentano alcuni commercianti ‘Si sapeva ormai da anni che all'estero giravano carni equine con fenilbutazone, qualcuno sperava che lo scandalo scoppiasse, in modo da denunciare gli avventurieri. Ma adesso c'è il rischio che a pagare sia tutto il mercato e anche chi in realtà non ha nulla da spartire con quelle pratiche.

In America tutto questo non sarebbe successo!

"Cameriere c'è un cavallo nelle mie lasagne?": scherza così il Daily Beast, per sdrammatizzare quello che Oltreoceano non poteva che chiamarsi horsegate, lo scandalo della carne di cavallo. È infatti arrivata anche negli Stati Uniti l'eco dei ritrovamenti di carne equina non dichiarata nei prodotti di note multinazionali, dal ragù delle lasagne surgelate della Findus in Francia, ai ravioli della Buitoni in Italia (sempre Findus, ovvero Nestlè), fino agli hamburger di Burger King in Irlanda, da dove è partito lo scandalo. Ma la reazione in America è stata ed è totalmente differente rispetto all'Europa. Non fosse altro perchè negli States mangiare carne di cavallo è una sorta di tabù. in America infatti il problema è più culturale che reale, gli americani non ci si pongono gli stessi interrogativi di fronte agli ingredienti dei numerosissimi piatti pronti che si trovano negli immensi corridoi dei surgelati del WalMart. Bisogna notare tuttavia che in alcuni Stati è vietato servire nei ristoranti carne equina. Per esempio in  California, dove a decidere per l'eliminazione della carne di cavallo fu un referendum nel 1998. E lo stesso discorso vale per l’Oklahoma e lo Stato del Mississippi, mentre in Texas non si può vendere carne equina, tuttavia è permessa la macellazione, viene il sospetto che poi la carne finisca nelle crocchette preparate per cani e gatti, e nell'Illinois la si macella solo per venderla all'estero. Insomma, lo scandalo della carne di cavallo negli Sytati Uniti non sarebbe mai accaduta, non fosse altro perchè da quelle parti non si consuma. Che poi non è comprensibile tanta reticenza per tutto ciò che è equino. Certo, sono molti quelli che ancora lo considerano, e a ragione, un animale a cui affezionarsi, grossomodo come da noi il cane, e quindi suona come un'eresia l'idea di mangiarlo. E comunque per molti, in particolare negli Stati del sud, i cavalli rappresentano ancora un mezzo di spostamento come lo erano ai tempi delle mitiche guerre fra pellerossa e cowboy. Per farla breve da loro non sarebbe mai successo perchè il cavallo, nell'immaginario collettivo, rappresenta un simbolo delle radici americane.

LISTA DEI PRODOTTI A BASE DI CARNE DI CAVALLO NON MENZIONATA NELL'ETICHETTA


REPUBBLICA CECA

TESCO
Nowaco Lasagne Bolognese (400g; Country of Origin Luxembourg; Expiry dates 24.2.2014 and 18.10.2013; Batch codes 24/02/14 240/12 8:30 and 18/10/13 111/12 17:03, respectively)

FINLANDIA

LIDL
Coquette Premium Canned beef goulash (500g; manufactured by Dreistern)
Combino Penne bolognese, frozen (750g; manufactured by Copack)

FRANCIA

AUCHAN
Lasagnes à la bolognaise surgelées (1 kg; UPC 3596710034307)
Moussaka surgelée (350g; UPC 3596710275236)
Moussaka surgelée (850g; UPC 3596710275618)

CARREFOUR
Lasagnes bolognaises surgelées (600g; UPC 3245411440176; Lots #029/13, 030/13, 009/13, 010/13, 341/12, 340/12, 331/12, 332/12; Expiry dates 29/07/2014, 30/07/2014, 09/07/2014, 10/07/2014, 05/06/2014, 04/06/2014, 26/05/2014, 27/05/2014)
Lasagnes bolognaises surgelées (1 kg; UPC 3270190020073; Lots #007/13, 008/13, 355/12, 338/12, 339/12, 317/12, 318/12; Expiry dates 07/07/2014, 08/07/2014, 19/06/2014, 02/06/2014, 03/06/2014, 12/05/2014, 13/05/2014
Cannelloni bolognaise surgelés (600g; UPC 3560070398515; Lots #014/13, 317/12, 318/12; Expiry dates 14/07/2014, 12/05/2014, 13/05/2014

CASINO
Hachis parmentier surgelé (300g; UPC 3222474411862)
Hachis parmentier surgelé (500g; UPC 3222471975367)
Hachis parmentier surgelé (1 kg; UPC 3222471975336)

CORA
Lasagnes à la bolognaise surgelées (300g; UPC 3257981314818)
Lasagnes à la bolognaise surgelées (1 kg; UPC 3257980974440)
Spaghettis à la bolognaise surgelées (300g; UPC 3257981314832)
Cannellonis à la bolognaise surgelées (900g; UPC 3257983875997)
Hachis parmentier surgelé (300g; UPC 3257981314801)
Hachis parmentier surgelé (1 kg; UPC 3257980974433)

FINDUS
Moussaka (600g; UPC 3599740007969; Lots #2257 BN, 2258 BN, 2272 BN, 2354 BN, 2355 BN; Expiry dates 09/2014, 12/2014)
Lasagnes Bolognaise (600g; UPC 3599740004517; Lots #2252 BN, 2255 BN, 2282 BN, 2283 BN, 2293 BN, 2294 BN, 2299 BN, 2300 BN, 2319 BN, 2320 BN, 2327 BN; Expiry dates 09/2014, 10/2014, 11/2014)
Lasagnes Bolognaise (1.2 kg; UPC 3599740007983; Lots #2240 BN, 2251 BN, 2252 BN, 2259 BN, 2261 BN, 2262 BN, 2283 BN, 2294 BN, 2300 BN, 2320 BN, 2327 BN, 2328 BN, 2339 BN, 2340 BN, 2346 BN, 2347 BN, 2356 BN, 3004 BN, 3005 BN, 3015 BN, 3016 BN, 3023 BN; Expiry dates 08/2014, 09/2014, 10/2014, 11/2014, 12/2014, 01/2015)
Hachis Parmentier (600g; UPC 3599740004500; Lots #2220 BN, 2241 BN, 2242 BN, 2256 BN, 2278 BN, 2279 BN, 2280 BN; Expiry dates 08/2014, 09/2014, 10/2014)
Hachis Parmentier (1.2 kg; UPC 3599740007990; Lots #2249 BN, 2258 BN, 2259 BN, 2265 BN, 2266 BN, 2348 BN, 2349 BN; Expiry dates 09/2014, 12/2014)

GRAND JURY
Lasagnes bolognaise surgelés (600g; UPC 3245390157911; Lot #341/12; Expiry date 05/06/2014)
Cannelloni bolognaise surgelés (600g; UPC 3560070398522; Lot #318/12; Expiry date 13/05/2014)

MONOPRIX
Hachis parmentier surgelé (300g; UPC 3350030180652)
Hachis parmentier surgelé (1 kg; UPC 3350030180669)

NESTLÉ PROFESSIONAL
Lasagnes à la Bolognaise Gourmandes (produced for catering businesses)

PICARD
Lasagnes à la Bolognaise “Formule Express” (300g pkg; Lots 314/12 and 315/12)
Chili con Carne “Cuisine Evasion” (350g pkg; Product code 7280.6)

SYSTÈME U
Cannellonis à la bolognaise de la marque U (1 kg; UPC 3 256 221 660 876)
Moussaka de la marque U (850g; UPC 3 256 220 258 524)

HONG KONG

FINDUS (Imported by PARKnSHOP)
Beef Lasagne (360g; Manufactured by Comigel (Luxembourg); Imported from Britain)

IRLANDA

ALDI
ALDI Today’s Special Frozen Beef Lasagne (Country of Origin – Luxembourg; All batch codes; All best before dates)
ALDI Today’s Special Frozen Spagetti Bolognaise (Country of Origin – Luxembourg; All batch codes; All best before dates)
FINDUS
Lasagne, frozen (320g, 360g, 500g packs; Country of Origin – Luxembourg; All batch codes; All best before dates)
RANGELAND FOODS
Rangeland Foods Frozen Burgers (Various product names; Country of Origin – Ireland; Contains beef supplied from Poland)

ITALIA

BUITONI (Nestlé)
Ravioli Brasato (230g; UPC 8000300301960; Product code 12193853; Best before dates up to and including 8 April 2013)
Ravioli Brasato (230g promo; UPC 8000300316292; Product code 12203205; Best before dates up to and including 8 April 2013)
Ravioli Brasato (450g; UPC 8000300301984; Product code 12193854; Best before dates up to and including 8 April 2013)
Tortellini alla Carne (450g; UPC 8000300302004; Product code 12193878; Best before dates up to and including 8 April 2013)
Tortellini alla Carne (230g; UPC 8000300301946; Product code 12194028; Best before dates up to and including 8 April 2013)
Tortellini Carne (230g pacco doppio/twin pack; UPC 8000300306859; Product code 12193872; Best before dates up to and including 8 April 2013)
Tortellini Carne (230g promo; UPC 8000300316308; Product code 12203207; Best before dates up to and including 8 April 2013)

SPAGNA

BUITONI (Nestlé)
Beef Ravioli
Beef Tortellini

SVEZIA

AXFOOD
Eldorado Lasagne Bolognese (1 kg)
Willys Lasagne Bolognese (400g)
Hemköp Lasagne Bolognese (400g)
COOP
Coop Lasagne (400g)
FINDUS
Findus 1-Portion Lasagne (375g)
ICA
ICA Basic Lasagne (400g)
LIDL
Coquette Premium Canned beef goulash (500g; manufactured by Dreistern)
Combino Penne bolognese, frozen (750g; manufactured by Copack)

INGHILTERRA

ALDI
ALDI’s Today’s Special Frozen Beef Lasagne (400g; All date codes)
ALDI’s Today’s Special Frozen Spaghetti Bolognese (400g; All date codes)
FINDUS
Frozen Beef Lasagne (320g, 360g, 500g; All date codes; All batch codes)
TESCO
Everyday Value Spaghetti Bolognese





2013/02/23

La violenza è una malattia prevenibile

La violenza è una malattia prevenibile

Nessuno Stato o individuo può essere sicuro in un mondo insicuro. I valori della nonviolenza negli intenti, nei pensieri e nella prassi da un’alternativa sono diventati una necessità. Questi valori si esprimono nella loro applicazione tra stati, gruppi e individui.

Siamo convinti che il rispetto dei valori della nonviolenza introdurrà un ordine mondiale più civile e pacifico, in cui sistemi di governance più equi, efficaci e rispettosi della dignità umana e della sacralità della vita possano diventare una realtà.
Le nostre culture, le nostre storie e le nostre vite individuali sono interconnesse e le nostre azioni sono interdipendenti. Oggi come mai in passato ci troviamo davanti una verità: il nostro è un destino comune, che verrà definito oggi dalle nostre intenzioni, decisioni ed azioni.

Siamo inoltre convinti che creare una cultura della pace e della nonviolenza, pur essendo un processo lungo e difficile, sia utile e necessario. Affermare i principi enunciati in questa Carta è un primo passo, di importanza vitale, per garantire la sopravvivenza e lo sviluppo dell’umanità e realizzare un mondo senza violenza.

Noi Premi Nobel per la Pace e Organizzazioni Nobel per la Pace,

Riaffermando il nostro impegno verso la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo;

Preoccupati dalla necessità di porre fine alla diffusione della violenza a tutti i livelli della società e soprattutto alle minacce a livello mondiale, che mettono a rischio l’esistenza stessa dell’umanità:

Riaffermando che la libertà di pensiero e di espressione è alla radice della democrazia e della creatività;

Riconoscendo che la violenza si manifesta in molte forme, quali conflitti armati, occupazione militare, povertà, sfruttamento economico, distruzione dell’ambiente, corruzione e pregiudizio basato sulla razza, la religione, il genere e l’orientamento sessuale;

Riconoscendo che il culto della violenza espresso nelle forme di intrattenimento commerciale può contribuire all’accettazione della stessa come una condizione normale ed ammissibile;

Convinti che quelli maggiormente colpiti dalla violenza sono i più poveri e vulnerabili;

Rammentando che la pace non è soltanto l’assenza di violenza, ma anche la presenza della giustizia e il benessere dei popoli;

Prendendo atto che un inadeguato riconoscimento da parte degli Stati delle diversità etniche, culturali e religiose è spesso alla radice della violenza esistente nel mondo;

Consapevoli del fatto che il mondo ha bisogno di efficaci meccanismi globali e di metodi nonviolenti per la prevenzione e la risoluzione dei conflitti e che questi hanno maggiore successo quanto prima sono adottati;

Affermando che coloro che sono investiti del potere hanno maggiore responsabilità per porre fine alla violenza dove essa si manifesta e per prevenirla dovunque sia possibile;

Convinti che i valori della nonviolenza debbano trionfare in tutti i livelli della società, così come nei rapporti tra Stati e tra popoli;

Invitiamo la comunità internazionale a portare avanti i seguenti principi:

Primo: in un mondo interdipendente, la prevenzione e la cessazione dei conflitti armati tra gli Stati e all’interno degli Stati può richiedere un’azione collettiva da parte della comunità internazionale. La sicurezza dei singoli stati si ottiene con una maggiore sicurezza globale ed umana. Per questo è necessario rafforzare la capacità di implementazione del sistema ONU e delle organizzazioni di cooperazione regionale.

Secondo: Per realizzare un mondo senza violenza, gli Stati devono rispettare lo stato di diritto ed onorare i loro impegni legali.

Terzo: E’ necessario muoversi senza indugi nella direzione dell’eliminazione universale e verificabile delle armi nucleari e delle altre armi di distruzione di massa. Gli Stati in possesso di tali armi devono intraprendere passi concreti verso il disarmo e un sistema di sicurezza che non sia basato sulla deterrenza nucleare. Allo stesso tempo gli Stati devono fare ogni sforzo per consolidare il regime di non proliferazione nucleare, prendendo misure come il rafforzamento delle verifiche multilaterali, la protezione del materiale nucleare e l’aumento del disarmo.

Quarto: Per contribuire all’eliminazione della violenza nella società, la produzione e la vendita delle armi leggere devono essere ridotte e sottoposte a rigorosi controlli a livello internazionale, regionale, statale e locale. Inoltre gli accordi internazionali per il disarmo, come il Trattato per la messa al bando delle mine del 1977, dovrebbero ottenere una piena ed universale applicazione. I nuovi sforzi volti ad eliminare l’impatto delle armi indiscriminate ed attivate dalle vittime, come le bombe a grappolo, vanno sostenuti. E’ necessario un ampio ed efficace trattato sul commercio delle armi.

Quinto: Il terrorismo va sempre condannato, perché la violenza genera violenza; nessuna causa può giustificare gli atti terroristici contro la popolazione civile di qualsiasi paese. La lotta al terrorismo

non può tuttavia giustificare la violazione dei diritti umani, del diritto umanitario internazionale, delle norme della società civile e della democrazia.

Sesto: Porre fine alla violenza domestica e nelle famiglie esige il rispetto incondizionato dell’uguaglianza, della libertà, della dignità e dei diritti delle donne, degli uomini e dei bambini da parte di tutti gli individui e le istituzioni dello stato, della religione e della società civile. Tali tutele vanno inserite nelle leggi e nelle convenzioni locali ed internazionali.

Settimo: Ogni individuo e ogni Stato condividono la responsabilità di prevenire la violenza contro i bambini e i giovani, il nostro futuro comune e il nostro bene più prezioso. Tutti hanno diritto ad un’istruzione di buon livello, all’assistenza sanitaria di base, alla sicurezza personale, alla tutela sociale, alla piena partecipazione alla vita sociale e ad un ambiente che rafforzi la nonviolenza come stile di vita. L’educazione alla pace, la promozione della nonviolenza e la valorizzazione dell’innata qualità umana della compassione devono far parte dei programmi educativi a tutti i livelli.

Ottavo: La prevenzione dei conflitti derivati dall’impoverimento delle risorse naturali, in particolari delle fonti energetiche ed idriche, esige che gli Stati svolgano un ruolo attivo ed istituiscano sistemi giuridici e standard finalizzati alla protezione dell’ambiente ed incoraggino le popolazioni a contenere i loro consumi in base alla disponibilità delle risorse e ai reali bisogni umani.

Nono: Facciamo appello all’ONU e agli Stati membri affinché promuovano il riconoscimento della diversità etnica, culturale e religiosa. La regola d’oro di un mondo nonviolento: Tratta gli altri come vuoi essere trattato.

Decimo: I principali strumenti politici per realizzare un mondo nonviolento sono delle istituzioni democratiche funzionanti e il dialogo basato sulla dignità, la conoscenza e il compromesso e condotto sulla base dell’equilibrio tra gli interessi delle parti coinvolte, tenendo anche presente l’umanità nel suo complesso e l’ambiente naturale.

Undicesimo: Tutti gli Stati, le istituzioni e gli individui devono sostenere gli sforzi volti a risolvere l’ineguaglianza nella distribuzione delle risorse economiche e le iniquità che creano un fertile terreno per la violenza. Lo squilibrio delle condizioni di vita porta inevitabilmente alla mancanza di opportunità e in molti casi alla perdita della speranza.

Dodicesimo: La società civile, compresi i difensori dei diritti umani e gli attivisti per la pace e l’ambiente, va riconosciuta e protetta come parte essenziale nella costruzione di un mondo nonviolento, dato che i governi devono servire le esigenze della gente e non il contrario. Vanno create le condizioni per permettere ed incoraggiare la partecipazione della società civile, soprattutto delle donne, nei processi politici a livello globale, regionale, nazionale e locale.

Tredicesimo: Nell’implementare i principi di questa Carta lanciamo un appello perché tutti lavorino insieme per costruire un mondo in cui ognuno abbia il diritto di non essere ucciso e la responsabilità di non uccidere gli altri.

Per contrastare ogni forma di violenza incoraggiamo la ricerca scientifica nei campi dell’interazione umana e del dialogo e sollecitiamo la partecipazione della comunità accademica, scientifica e religiosa per aiutarci nella transizione verso una società nonviolenta e pacifica.

Nobel  Firmatari:

• Mairead Corrigan Maguire
• His Holiness the Dalai Lama
• Mikhail Gorbachev
• Lech Walesa
• Frederik Willem De Klerk
• Archbishop Desmond Mpilo Tutu
• Jody Williams
• Mohamed ElBaradei
• John Hume
• Carlos Filipe Ximenes Belo
• Betty Williams
• Muhammad Yunus
• Wangari Maathai
• International Physicians for the Prevention of Nuclear War
• International Committee of the Red Cross
• International Atomic Energy Agency
• American Friends Service Committee
• International Peace Bureau

Sostenitori della Carta:

Istituzioni:

• Governo Basco
• Comune di Cagliari (Italia)
• Provincia di Cagliari (Italia)
• Comune di Villa Verde (OR), Italia
• Comune di Grosseto, Italia
• Comune di Lesignano de’ Bagni (PR), Italia
• Comune di Bagno a Ripoli (FI), Italia
• Comune di Castel Bolognese (RA), Italia
• Comune di Cava Manara (PV), Italia
• Comune di Faenza (RA), Italia

Organizzazioni:

• Peace People, Belfast (Irlanda del nord)
• Associazione Memoria Collettiva
• Hokotehi Moriori Trust, Nuova Zelanda
• Mondo senza guerre e senza violenza
• Centro Mondiale di Studi Umanisti (CMSU)
• La Comunità (per lo sviluppo umano), Federazione Mondiale
• Convergenza delle Culture, Federazione Mondiale
• Federazione Internazionale dei Partiti Umanisti
• Associazione “Cádiz por la No-Violencia”, Spagna
• Women for a Change International Foundation, (Regno Unito, India, Israele, Camerun, Nigeria)
• Institute for Peace and Secular Studies, Pakistan
• Associacion Assocodecha, Mozambico
• Awaz Foundation, Centre for Development Services, Pakistan
• Eurafrica, associazione multiculturale, Francia
• Peace Games UISP, Italia
• Club Moebius, Argentina
• Centro per lo sviluppo creative “Danilo Dolci”, Italia
• Centro Studi ed Iniziative Europeo, Italia
• Gruppo Emergency Alto Casertano, Italia
• Sociedad Boliviana de origami, Bolivia
• Il sentiero del Dharma, Italia
• Gocce di fraternità, Italia
• Fundacion Aguaclara, Venezuela
• Associazione Lodisolidale, Italia
• Colectivo de Educación en derechos humanos y Prevención Activa de Conflictos, Spagna
• ETOILE.COM (Agence Rwandaise d’Edition, de Recherche, de Presse et de Communication), Ruanda
• Human Rights Youth Organization, Italia
• Ateneo de Petare, Venezuela
• Association étudiante du CÉGEP de Sherbrooke,  Quebec, Canada
• Federación de Instituciones Privadas de Atención al Niño, el Joven y la Familia (FIPAN), Venezuela
• Centre Communautaire Jeunesse Unie de Parc Extension, Québec, Canada
• Physicians for Global Survival, Canada
• UMOVE (United Mothers Opposing Violence Everywhere), Canada
• Raging Grannies, Canada
• Veterans Against Nuclear Arms, Canada
• Transformative Learning Centre, University of Toronto, Canada
• Promotores de Paz y No Violencia, Spagna
• ACLI (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani), Italia
• Legautonomie Veneto, Italia
• Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai, Italia
• UISP Lega Nazionale Attività Subacquee, Italia
• Commissione Giustizia e Pace di CGP-CIMI, Italia
• Global Security Institute, Jonathan Granoff

Personalità:

• Mr. Walter Veltroni, ex sindaco di Roma
• Mr. Tadatoshi Akiba, sindaco di Hiroshima e presidente di Mayors for Peace
• Mr. Agazio Loiero, presidente della Regione Calabria
• Prof. M. S. Swaminathan, ex presidente di Pugwash Conferences on Science and World Affairs, organizzazione Premio Nobel per la Pace
• David T. Ives, Albert Schweitzer Institute
• Sergio Balacco, Scrittore, Francia
• George Clooney, attore, USA
• Don Cheadle, attore, USA
• Bob Geldof, cantante, Irlanda
• Tomás Hirsch, Portavoce dell’Umanesimo per l’America Latina
• Michel Ussene, Portavoce dell’Umanesimo per l’Africa
• Giorgio Schultze, Portavoce dell’Umanesimo per l’Europa
• Chris Wells, Portavoce dell’Umanesimo per l’America del Nord
• Sudhir Gandotra, Portavoce dell’Umanesimo nella regione Asia-Pacifico
• Maria Luisa Chiofalo, Assessore del Comune di Pisa, Italia
• Silvia Amodeo, Presidente della Fundacion Meridión, Argentina
• Miloud Rezzouki, Presidente dell’associazione ACODEC, Marocco
• Angela Fioroni, Segretaria regionale di Legautonomie Lombardia, Italia
• Luis Gutiérrez Esparza, Presidente di Latin American Circle of International Studies (LACIS), Mexico
• Vittorio Agnoletto, ex europarlamentare, Italia
• Lorenzo Guzzeloni, Sindaco di Novate Milanese (MI), Italia
• Mohammad Zia-ur-Rehman, Coordinatore Nazionale di GCAP-Pakistan
• Raffaele Cortesi, Sindaco di Lugo di Romagna (RA), Italia
• Rodrigo Carazo, Ex presidente del Costa Rica
• Lucia Bursi, Sindaco di Maranello (MO), Italia
• Miloslav Vlček, Presidente della Camera dei Deputati della Repubblica Ceca
• Simone Gamberini, Sindaco di Casalecchio di Reno (BO), Italia
• Lella Costa, attrice, Italia
• Luisa Morgantini, ex Vice-Presidente del Parlamento Europeo, Italia
• Birgitta Jónsdóttir, membro del Parlamento islandese, Presidente di  Friends of Tibet in Islanda
• Italo Cardoso, Gabriel Chalita, José Olímpio, Jamil Murad,  Quito Formiga, Agnaldo Timóteo, João Antonio, Juliana Cardoso, Alfredinho Penna (“Frente Parlamentar de Acompanhamento da Marcha Mundial pela Paz e a Não Violência em São Paulo”), Brasile
• Katrín Jakobsdóttir, Ministro dell’Educazione, Cultura e Scienza, Islanda
• Loredana Ferrara, Assessore alla Pace della Provincia di Prato, Italia
• Ali Abu Awwad, Attivista per la pace attraverso la nonviolenza, Palestina
• Giovanni Giuliari, Assessore alla famiglia e alla pace, Vicenza, Italia
• Rémy Pagani, Sindaco di Ginevra, Svizzera
• Paolo Cecconi, Sindaco di Vernio (PO), Italia
• Viviana Pozzebon, cantante, Argentina
• Max Delupi, giornalista e direttore d’orchestra, Argentina
• Páva Zsolt, Sindaco di Pécs, Ungheria
• György Gemesi, Sindaco di Gödöllő, Presidente dell’Associazione Ungherese degli Enti Locali, Ungheria
• Agust Einarsson, rettore della Bifröst University, Islanda
• Svandís Svavarsdóttir, Ministro dell’Ambiente, Islanda
• Sigmundur Ernir Rúnarsson, Membro del Parlamento, Islanda
• Margrét Tryggvadóttir, Membro del Parlamento, Islanda
• Vigdís Hauksdóttir, Membro del Parlamento, Islanda
• Anna Pála Sverrisdóttir, Membro del Parlamento, Islanda
• Thráinn Bertelsson, Membro del Parlamento, Islanda
• Sigurður Ingi Jóhannesson, Membro del Parlamento, Islanda
• Omar Mar Jonsson, Sindaco di Sudavikurhreppur, Islanda
• Raul Sanchez, Segretario per i Diritti Umani della Provincia di Cordoba, Argentina
• Emiliano Zerbini, Musicista, Argentina
• Amalia Maffeis, Servas – Cordoba, Argentina
• Almut Schmidt, Direttrice del Goethe Institut, Cordoba, Argentina
• Asmundur Fridriksson, Sindaco di Gardur, Islanda
• Ingibjorg Eyfells, Preside, Geislabaugur, Reykjavik, Islanda
• Audur Hrolfsdottir, Preside, Engidalsskoli, Hafnarfjordur, Islanda
• Andrea Olivero, Presidente Nazionale delle Acli, Italia
• Dennis J. Kucinich, Membro del Congresso, USA

2013/02/22

Speciale elezioni (si salvi chi può)


Mai come quest’anno le elezioni politiche hanno avuto un campagna dai toni così crudi e violenti. Tutti i contendenti si sono contesi in singolar tenzone anche il singolo voto pur di prevalere sul vicino, non già concorrente alla poltrona in parlamento, sulla quale con provvido coraggio versare tutto l’attack di cui si dispone e incollare il proprio deretano.


Da quello che io possa ricordare, e il lettore che sicuramente ne sa più di me perchè poco avvezzo ai fatti di politica nostrana, non era mai successo che i fronti si rovesciassero così spesso da sembrare di essere al luna park su una di quelle giostre chiamate, mi si perdoni il termine nonché la volgarità, “calcio in culo” e non in campagna elettorlae.



E senza parlare dei colpi bassi, degli inciuci più o meno dichiarati, delle alleanza promesse e rifiutate, dei sogni rigorosamente da non mantenere, dell’IMU da restituire fino alla promessa che si, stavolta, le tasse si potrebbero anche ridurre ma non andatelo a dire in giro che altrimenti ci prendono per pazzi.

E così dall’alto della mia neutralità posso pontificare su quello che vedo e che sento.
Sento che Il mondo guarda con terrore al ritorno del nano pelato, detto anche Berlusconi, oops, sarebbe il contrario ma tant’è, se l’avessi chiamato col suo vero nome forse nessuno se lo ricorderebbe. I cittadini sono dunque chiamati a decidere chi mettere in Parlamento e questo non riesco a digerirlo, perchè a a questi italiani toccherebbe il lavoro più difficile visto che nessun altro è riuscito a sventare questa minaccia. 

Stiamo assistendo a un finale di campagna elettorale drammaticamente pericoloso per l’Italia, e non occorre che si scomodino eminenti scrittori e uomini di cultura per accorgesene, il mondo intero guarda con terrore a un ritorno della politica del non fare, non solo del Mister B. e nascondiamo il nome con un pietoso espediente perchè altrimenti il tag mi riempirebbe di elogi e di critiche e, in verità non saprei quali potrebbero essere meglio. 

Il nostro viene accusato di essere un fautore di una politica caratterizzata da proposte populiste e isolazioniste. Il populista potrebbe anche starci, e perchè no, l’isolazionista non ce lo vedo proprio, anche perchè, e sono dati della Banca Mondiale, l’Italia durante il ventennio... ari pardon, durante l’ultimo governo del nano pelato con il riporto farlocco a coprire tale pelata, dicevo ha ottenuto esaltanti risultati in termini di esportazione delle tecnologie e del verbo italiano nel mondo, che poi abbiano anche esportato capitali inteso come dinero, grana, soldi e euro sarebbe anche giustificabile. 

È inutile negarcelo, all’italiano le tasse stanno strette e questo rappresenta uno dei motivi per cui preferisce portarli all’estero, dove paga poche tasse e guadagna di più. 
Per contrastare il ritorno a palazzo Chigi del nostro dunque tutti si mobilitano non accorgendosi che così facendo portano voti a suo favore e non contro. La gente ha uno strano modo di reagire quando scopre che si, il beniamino politico si diverte con le donnine, ma son fatti suoi, che si s’è creato una legge e più di una per scampare la giustizia e le tasse e potrei andare avanti per ore sull’argomento ma, il cittadino beneficiato in passato dall’esimio cavaliere (senza cavallo) ricorda che fu grazie a lui che la ben misera pensione di € 387 al mese ha potuto lievitare di altri cento circa, e quindi che faccia quello che vuole, speriamo che stavolta la pensione me la porta su di altri cento scarsi eurini e via con sto voto. 

E, secondo me è praticamente inutile che si proclami a tutti i cittadini onesti, ma chi lo sarà mai veramente, che condividono la necessità di esercitare il loro diritto di voto di esercitarlo a favore di una delle formazioni politiche che si impegnano a contrastare questa destra inetta e illiberale che ancora ci minaccia. 
E già, la politica è una brutta bestia, ma alla fine cari miei onestissimi lettori, la politica altro non è che un grande business, dove i politici o candidati cercano di vendere promesse con la speranza di poterle mantenere e se questo non dovesse succedere allora vorrà dire che è stata colpa di un altro, del nano o del pelato, dell’algido banchiere (algido solo per il colore dei capelli) e del comico da operetta, tutti idistintamente chiamati in correo quando qualcosa va storto. 

E purtroppo in questa Italietta di cose storte le vediamo tutti i giorni. E’ il momento di mettere la parola fine al berlusconismo, insistono i concorrenti, non propongono programmi veri e credibili, solo annientare la concorrenza ricordandosi che, “mors tua vita mea”, c’è un posticino al sole anche per loro, non in nome di un’Italia salvata ma in quello di un’Italia spremuta, come un limone, che a questo punto forse succo non ne ha più. Pare pure inutile questa levata di scudi, tutti contro uno, richiamando gli elettori all’impegno per superare in modo netto e definitivo l’umiliante fase della nostra storia che si sta chiudendo, ma non si è ancora chiusa. 

Una volta sconfitto il nemico pubblico numero uno si potrà finalmente aprire una nuova era, riparando il tessuto sociale, liberandolo da criminalità e corruzione. Ma quando mai, se prendo dal mio cassettino mnemonico qualche vecchio discorso elettorale del mitico Fanfani, chi se lo ricorda Fanfani o dell’imputrescibile ancorchè defunto pure lui Moro, trovo che tutti ripetevano gli stessi concetti, concetti che non sono mai diventati la norma ma si sono persi nei meandri dei corridoi parlamentari e sono li che girano come anime alla ricerca di una identità. 

Liberare il tessuto sociale da criminalità e corruzione è cosa vecchia, come la gallina vecchia che fa il buon brodo ma a questo punto non fa il pulcino. Sono sessant’anni che si promettono le stesse cose e, salvo appunto il nanetto, nessuno è riuscito per esempio a metter sotto chiave tanti mafiosi quanto lui. E la corruzione?

Ma non dovevi trattare delle elezioni? Adesso ti perdi dietro il nanetto pelato?

È vero mio esimio lettore, vero che non solo lui ma tutti sono allo stesso modo vittime e aguzzini, ma alla fine chi ci rimette sempre siamo noi italiani. E quindi a chi giova una campagna elettorale siffatta?

Leggo sull’Unità di ieri che Massimo D’Alema si sia permesso di esprimere un pensiero sul M5S e su Grillo. Quindi lo cito, poi non venitemi a dire che non si tratta di farina del mio sacco, io vi ho informato: 

"Ho un grandissimo rispetto per le tante persone che scendono in piazza intorno a Grillo e per il sentimento di protesta, ben comprensibile, che li anima. Ma Grillo ha contribuito molto a fare di questa campagna elettorale un momento di rissa, in cui i problemi del Paese sono stati totalmente rimossi. Stiamo assistendo a un passaggio di testimone tra Berlusconi e Grillo, che appare un Berlusconi più giovane, più trasversale, ma con un'impronta simile. Lo vediamo del resto anche dalle promesse campate per aria, come quella di dare mille euro al mese a tutti i disoccupati. Ma dove si trovano i soldi per farlo? Non si sa... Tanto lui non è tenuto a rispondere. Il suo è un inquietante populismo autoritario". 

Intanto per dare mille euro al mese a tutti i disoccupati non sarebbe poi tanto difficile, basterebbe toglierli dalle tasche dei politici che di euro alla faccia del popolo ne hanno incassati ben più di mille al giorno, altro che mese. E poi non venitecelo a dire a noi, voi comunistoidi con la pelle rifatta come i serpenti che la cambiano ogni stagione, il populismo fu di Stalin e di Peron, anche il mitico Che Guevara predicava il populismo come liberazione delle masse. E allora?

Anche Grillo è un populista? E chi non lo è in questi tempi. Ora, per chi non lo sapesse, il populismo è un termine usato in politica con accezione negativa che indica una forma di orientamento al popolo di un politico o una fazione politica a scopo unicamente propagandistico. Ma sono tutti populisti, perchè miei onorevoli, nel senso di onorati, lettori, il fine del politico, il fine teorico, è il popolo, chi altri? 

E tutti, ma proprio tutti guardano al popolo per i loro reconditi e subdoli fini di impinguare ancora un pò le proprie casse, magari alla faccia degli altri, alla faccia del nano pelato col riporto ricco da far schifo, alla faccia di tutti perchè sembrerebbe giusto, loro salvano l’Italia dai cattivi, e non si rendono conto che anche loro sono cattivi, esattamente come quello che tutti indicano come il solo, unico e immarcescibile responsabile degli altrui disastri.

Il nostro problema è che dobbiamo sempre dare una parola a ogni idea o complesso di idee; a volte questo nome non c’è e allora andiamo a ricercarlo nell’archivio di quello che “è stato o è passato”, cercando di appioppargli un qualcosa che lo possa far sembrare attuale. Qualcuno diceva che in politica è importante dare un nome a tutto, così è più facile distruggerlo!!! Qualcun altro diceva anche che: il potere logora chi non ce l’ha!



2013/02/18

Quando muore una stella

 Reeva Steenkamp Tribute


Come reagiamo quando una Stella (intesa come una Star, volto noto, della TV, della Radio, del Cinema o dello Sport) muore in seguito a un atto violento?

Reagiamo male, perche' intimamente siamo convinti che raggiungere la notorietà equivalga alla sicurezza. Non so voi ma per me è così. Non ci aspettiamo che muoia per mano di chi invece dovrebbe proteggerla.
In questo caso e maledettamente troppo spesso ecco che le nostre difese personali non funzionano, anche le stelle, intese come primedonne dello star system, diventano preda di bruti e violenti che se ne fregano altamente chi è la persona nel momento che decidono di porre fine a una relazione scomoda o vogliono sfogare istinti aberranti. 

La vita non è un talk show. Se lo fosse, dopo una notizia triste ballerebbero le ballerine, le tette e le cosce riempirebbero lo schermo, assieme a sorrisi da  dentifricio. La vita non è un talk show, dove tutto è sullo stesso piano, le cose serie ed altre no, alla fine non si capisce cosa è importante e cosa non lo è.
Muore la speranza quando muore una donna, muore la speranza quando muore l'emancipazione, il progresso, la conciliazione. Quasi una psicoterapia la speranza, oltre il vociare convulso di chi urla, e di chi uccide, e gode guardandosi nello specchio della propria stupidità.
Muore la speranza quando muore una donna, una delle tante, una delle troppe. Muore un simbolo e vince il mondo capovolto, quello che ragiona a testa in giù.

Che si tratti di una banale coincidenza o di un destino beffardo non è dato saperlo. Una donna splendida, Reeva Steenkamp, è stata massacrata a morte dal fidanzato Oscar Pistorius.
Reeva era una giovane donna piena di vita attenta alle problematiche dell’essere donna in un Paese dove la violenza contro le donne è diventata quasi normalità. Reeva aveva inserito in rete un’ultima foto che riguardava la violenza sulle donne. L’immagine era stata pubblicata per ricordare Anene Booysen, una ragazza di soli 17 anni, stuprata, mutilata e uccisa lo scorso 2 febbraio in un cantiere di Bredasdorp, in Sudafrica. La foto è stata pubblicata dalla modello il 10 febbraio, scrivendo, tra l’altro:  ”Mi sono svegliata in una casa sicura e felice. Non a tutti  capita. Schieriamoci contro la violenza sessuale in Sudafrica. Rip Anene Booysen”.

Purtroppo non è stato così. Anche Reeva è rimasta vittima della “violenza” del “suo” uomo, il grande non più grande atleta paralimpico Pistorius. 

Questa violenza avrà mai fine? Si è detto di tutto su questo efferato omicidio, accampato varie scuse per difendere forse la memoria non già della vittima, conosciuta e apprezzata in un mondo che non coinvolge emotivamente la gente, ma del suo aguzzino, un atleta che aveva dimostrato coraggio e abnegazione per raggiungere gli obiettivi prefissati pur essendo un atleta menomato dall’amputazione di entrambe le gambe.

Ecco che il nostro subconscio  porta a compiangere l’atleta anche se assassino, atleta e pertanto algido rappresentante di un mondo di purezza, di costanza, di determinazione. Non la vittima che ha subito l’uomo atleta diventato uomo bestia. La bestia dentro quell’uomo si è arrogata il diritto di uccidere, massacrare una bella donna per futili ragioni. 

In che mondo viviamo per cui un uomo si arroga il diritto di decidere della vita degli altri in base a futili motivi, ragioni senza senso, non era più facile dire no e lasciar vivere? È questo un mondo dove la violenza, come istinto primordiale, è ancora permessa? Siamo consapevoli che continuare a essere violenti verso la donna, le donne di questo pianeta, a torto identificate come rappresentanti di un sesso debole che si rivela più forte di noi, non porta altro che alla catastrofe morale di tutti i nostri valori più alti?

La violenza, qualsiasi violenza va combattuta e sconfitta.  Non nascondiamoci dietro finte verità. L’uomo che uccide in guerra non uccide per violenza, uccide per non essere uccisio, uccide per un sacrosanto diritto alla vita, non già la sua ma quella di tutto un popolo. Mi si dirà che tutta la guerra è aberrante, potrebbe essere vero ma non è violenza, se così fosse allora lo sarebbero tutte le morti a cui giornalmente assistiamo nell’ambiente ove viviamo, sia sulla strada che nelle fabbriche, abitazioni, ospedali, scuole e caserme. Ma la violenza è insita nell’animo umano e va estirpata, annientata altrimenti alla fine sarà lei a annientare noi.

È violenza ogni abuso di potere e controllo che si manifesta attraverso il sopruso fisico e sessuale,  psicologico, economico. Ciò accade soprattutto quando conosciamo chi usa violenza e siamo legati all’individuo che sia uomo o donna non rappresenta motivo di differenziazione, ma qui tratto della violenza contro la donna e quindi identifico un essere maschio e quindi forte, legato da un rapporto affettivo con la vittima - il patrner, i genitori, gli amici – anche nelle aggressioni subite da estranei la violenza fisica è fatta di minaccie, umiliazioni,  limitazione della libertà. Che senso ha tutto questo? Mi si dice che l’uomo ha necessità di sfogare i propri istinti aberranti? Per questo esistono le corride, le guerre, gli sport violenti che nulla insegnano all’uomo se non continuare a coltivare la violenza stessa?

Combattiamo la violenza contro le donne, combattiamo le forme di crudeltà mentale, la violenza psicologica, la mancanza di rispetto che offende e mortifica la dignità. Diciamo no a chi critica costantemente, umilia, rende ridicola la donna davanti agli altri, insulta, segue e controlla, annienta con la gelosia, la mancanza di fiducia, impedisce di vedere amici o familiari. Diciamo no a chi minaccia di far loro del male.

Diciamo no alla violenza per un mondo migliore.

† Riposa in Pace Reeva.