<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/04/24

Il mio bambino



Il mio bambino

Tu sei la gioia della mia vita.
Tu sei il sorriso della mia anima.
Tu sei Amore puro.
Più di quanto potrai mai conoscere.
Tu sei la mia benedizione di Dio.
Tu sei il mio dono dall'alto.
Tu sei la mia prova di lui.
Tu sei la sua grazia e amore.

2013/04/21

In nome del Popolo Sovrano


Anche se il titolo pare richiamare l'omonimo film qui non si parla di films ma di questioni serie.

L'ispirazione per scrivere questo articolo mi è venuta dopo che ho letto le motivaioni del popolo bahrainita che manifestava contro il governo oligarchico degli sceicchi che governano la piccola isola Stato. Nel 2011 sull’onda dei grandi moti di rinnovamento che stavano prendendo piede nel mondo arabo, anche i cittadini del Bahrain scendevano in piazza per chiedere maggiore democrazia e rispetto dei diritti umani e civili. L’assenza di una concreta risposta del governo alla richiesta di riforme sociali e civili spinse la protesta a concretizzarsi nella grande manifestazione a Pearl Square. Le domande dei manifestanti erano precise: scioglimento dell’Assemblea nazionale, rilascio degli oppositori e attivisti incarcerati, abrogazione della Costituzione del 2002, restrizioni al potere che la famiglia reale detiene all’interno del Governo, eleggibilità del Primo Ministro, indipendenza dei giudici, libertà di espressione e di stampa. Condivisione delle ricchezze del paese e degli introiti che da esse derivano con tutto il popolo e non con la sola classe al potere. L’aumento della ricchezza non ha avuto, però, una sufficiente distribuzione all’interno della società e ha finito per privilegiare esclusivamente il settore privato –in particolar modo nei servizi finanziari e nell’immobiliare– finendo per generare malcontento diffuso nella società. Il sit-in pacifico dei manifestanti venne disperso da un violento raid notturno delle forze di sicurezza che lasciò a terra numerose vittime e diede inizio alla lunga serie di scontri. 

Per tappare qualche falla del proprio sistemala classe regnante fu costretta a approntare un sistema di welfare  teso a mantenere la calma nelle varie fasce della popolazione utilizzando la grande ricchezza data dallo sfruttamento delle risorse del sottosuolo. Un esempio di tale politica fu la devoluzione di un contributo una tantum agli abitanti all’inizio dei disordini per ristabilire la tranquillità all’interno della popolazione. Probabilmente non bastava.

Una nazione è costituita principalmente dal territorio ove la nazione esiste e dal popolo che forma quella nazione stessa. L’Italia ante 1861 era formata da piccoli o grandi Regni e Monarchie, dallo Stato Pontificio, Ducati e Gran Ducati. L’Italia come nazione non esisteva ancora, ciò non di meno era abitata da un popolo che si sentiva coeso, facente parte della stessa “razza” italica. Presto o tardi, era implicito, si sarebbe trovata la via per unirsi in un unica grande nazione.
Fu il popolo a volere, a desiderare che si trovasse la via dell’unione, fu Garibaldi e Mazzini e gli altri carbonari e no insieme ai Savoia che attuarono questa volontà popolare per far nascere una nazione, senza il popolo i suddetti personaggi avrebbero tuttalpiù organizzato un torneo di briscola.  

Il popolo dunque è sempre sovrano. La nazione esiste perché esiste il popolo e non viceversa. Gli stessi politici non sono altro che parte del popolo che si eleva a rappresentate di questo e ne esplicita i voleri senza arrogarsi alcun diritto accessorio che non sia l’espressione della volontà popolare. Mettersi sotto i piedi la volontà popolare, anche se si ha ricevuto un mandato dal popolo a essere rappresentato, altresì induce il popolo a non accettare le scelte dei propri rappresentanti e a rigettarne i modi e le scelte. Diviene evidente, spiegandolo in parole povere che se io esprimo la mia preferenza per un partito piuttosto di un altro attraverso il voto, le mie motivazioni della scelta non sono semplicemente campate in aria ma si devono adeguare perlomeno a un programma che quel partito politico o rappresentante dello stesso ha prodotto prima che potessi avvalermi del suffragio universale, cioè del mio diritto di voto.

Se tu politico mi convinci in campagna elettorale che farai di tutto per cambiare lo status della casta politica al potere, che abolirai alcune tasse che a me danno fastidio, che mi rimborserai le tasse ingiustamente pagate, che agirai secondo un preciso programma non puoi venirmi a dire una volta eletto che gli equilibri sono cambiati e il tuo programma elettorale va modificato magari togliendomi dei diritti o le aspettative che io, elettore, chiedevo a te delegato a rappresentarmi. 

Sono io che comando non tu. Sono io che decido come e dove tu devi agire e non tu, io attraverso quel programma che tu mi hai fornito e che io, con il mio voto, ho sottoscritto. Un patto silenzioso fra me e te per il rispetto della nostra legge e quella generale in favore del nostro paese, tutto il resto è aria fritta, buono solo a produrre chiacchiericcio domenicale come le comari davanti alla chiesa alla messa delle undici e mezza. 

L’Italia è l’unico paese dell’Europa allargata il cui popolo subisce le scelte della propria classe politica, mentre non riesce a imporre le proprie scelte con il risultato che il malcontento è sempre presente in qualsiasi discorso a cominciare dal clima fino allo sport. 

Il popolo è sovrano dunque? No, non è sovrano, non esercita la propria sovranità come è previsto nella costituzione. Una domanda logica sarebbe: ma che c’è scritto nella Costituzione?   

L'articolo 1 recita :"L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione."

Non sono un giurista o uno studioso di diritto, vorrei provare comunque a specificare il significato intrinseco e politico di quest'articolo. Innanzitutto partirei dal concetto che l'Italia è una repubblica democratica. Ciò significa che i nostri rappresentanti vengono eletti e che, proprio per questo motivo, non è possibile ricoprire ruoli per ereditarietà e, soprattutto, non è possibile che la carica sia vitalizia ma limitata ad un tempo fissato dalla legge. 

Ma la nostra Repubblica non è più, da parecchi anni, rappresentativa della sua popolazione, anzi risulta essere più simile ad un consiglio d'amministrazione di un grande gruppo aziendale per il cui controllo si azzuffanno centri di potere che manovrano i loro azionisti (tifosi) promettendo chissà quali cambiamenti o piani di rilancio aziendale. I nostri governanti hanno dimenticato di aver redatto la peggior legge elettorale della nostra storia che ha sottratto, di fatto, al popolo sovrano tanto decantato, la possibilità di scegliere con una preferenza personale il proprio rappresentante parlamentare. 

Questi abili falchi della politica hanno sudolamente impasticcato i propri concittadini con le loro strategie di marketing ideologico, che sanno più di reclame che di altro, che sanno più di evanescente che di concreto, e hanno messo su una legge ingiusta che permette loro di designare i rappresentanti parlamentari semplicemente inserendoli al posto giusto e nel collegio giusto. Così per loro il popolo sovrano per finta è diventato un'idea pubblicitaria, un ideale di plastica che ricorda ahimè infausti periodi della nostra recente storia e la nostra res pubblica non è più una cosa di tutti ma solo una cosa di qualcuno che si nutre esclusivamente del potere che è stato lui affidato.

E non pensiate che appartenere concettualmente a una democrazia abbia un significato per qualcuno e una serie di veri da rispettare per qualcun altro. Intanto democrazia non significa nulla. E’ solo una parola vuota, usata come specchietto per le allodole. Se davvero volesse dire qualcosa, allora il popolo sarebbe sovrano. Si dovrebbero designare direttamente i rappresentanti del popolo e mandarli in Parlamento, invece di essere costretti a scegliere fra quelli indicati dai partiti. 

L'articolo 1 allora andrebbe riformulato così: 
"L’Italia è un paese demagogico fondato sull’ignoranza e sull’incapacità di reagire del suo popolo."

Un popolo che non si accorge neppure che i propri diritti fondamentali vengono violati tutti i giorni. Un popolo che non alza la testa. Un popolo che assiste distratto e svogliato allo spettacolo offerto da una classe dirigente peggiore dei cittadini che si arroga il diritto di rappresentare. 
Un popolo morto, in attesa di essere sepolto insieme alla Carta Costituzionale che altri uomini, con la schiena più dritta, con le palle grosse come macigni, hanno preteso e ottenuto, affinchè noi, i figli che avevano in mente, la difendessimo con le unghie e con i denti, insieme a quella libertà cui abbiamo abdicato in nome delle televisioni al plasma e dell’abolizione dell’ICI per beccarci poi l'IMU che e' peggio. 

Un popolo disposto a barattare la sua dignità con il senso del ridicolo, che esulta se il tiranno che lo giostra compra una casa, l’ennesima, per sè e per i suoi cortigiani, anziché pretendere una più equa redistribuzione della ricchezza che non veda il 95% della popolazione schiacciata da un 5% di super-individui che divorano ogni risorsa e prospera a discapito di intere piantagioni di esseri umani, cui non resta che gioire per il letame che generosamente gli viene elargito. Un popolo che dimentica di avere firmato, a centinaia di migliaia, per un disegno di legge di iniziativa popolare, per chiedere almeno una parvenza di legalità, per chiedere se non altro di potersi continuare a illudere di vivere in una democrazia, impedendo perlomeno ai condannati, a chi ha dimostrato di non avere rispetto per le leggi, di farsele su misura. 

Un popolo complice di un Parlamento che accatasta 350 mila firme come scartoffie senza valore sugli scaffali impolverati delle cantine del Senato, mentre il Senato stesso è occupato da briganti che si permettono di dichiarare che della politica non gli importa nulla, perché sono lì soltanto per non andare in galera. Un popolo come e peggio delle cricche che lo governano, a cui non importa di niente se non del Suv, del Rolex, della settimana bianca, delle scarpe trendy, degli occhiali firmati, dell’ultimo modello di smartphone, della scheda grafica per il pc, di contendere al vicino di casa un metro in più nel vialetto di accesso al villino a schiera, di conoscere le persone giuste per saltare la coda in Comune, al concorso abilitante, in ospedale, all’ufficio di collocamento, di fottere un appalto facendo a gara chi fa i regali più costosi all’appaltatore, di organizzare festini al solo scopo di vantarsi degli invitati, magari contendendosi la presenza di un’oca che guadagna ventimila euro a foto solo grazie al suo chirurgo plastico, di un ragazzotto dalle cosce grosse che guadagna trentamila euro al giorno solo perché tira calci ad un pallone, mentre il mondo va a puttane come e peggio di berlusconi e tutti a salvarlo di giorno su internet ma solo fino a quando non è il momento di stapparsi una birra sul divano, la sera davanti alla Champions League.

In Svizzera i disegni di legge di iniziativa popolare sono una cosa seria. In Svizzera il Parlamento fa le leggi e se alla gente non piacciono, la gente alza il dito medio e le fa abrogare. Qui il dito medio lo alzano i ministri, dopo avere bruciato la bandiera e offeso l’inno nazionale. Qui la gente firma, e con quelle stesse firme al Senato ci fanno i rotoli di carta igienica per il culo di Bersani, di Berlusconi, Monti e di Napolitano. L’Italia del popolo sovrano s’è desta, ma si è riassopita subito dopo.

Bisognerebbe cambiare queste leggi che ci opprimono, bisognerebbe che non fosse più possibile vedere le stesse facce finché morte non le elimini dal parlamento, sarebbe auspicabile che nessun cittadino italiano possa candidarsi in Parlamento se condannato in via definitiva, o in primo e secondo grado in attesa di giudizio finale. Che nessun cittadino italiano possa essere eletto in Parlamento per più di due legislature. La regola dovrebbe essere applicata subito e essere valida retroattivamente. I candidati al Parlamento devono essere votati dai cittadini con la preferenza diretta.

Forse io ci sarò, ma l’importante è che ci siate voi, perché io sono uno e non conto niente: voi siete il popolo sovrano.

2013/04/20

Stefano Rodotà, il Presidente del Popolo (una occasione mancata)


La notizia è di pochi minuti fa: il dodicesimo Presidente eletto della Repubblica Italiana è Stefano Rodotà. 

Avremmo voluto disperatamente lui, l'abbiamo proposto sul web, ovunque si potesse esprimere il nostro parere. Ancora una volta la politica avulsa da ogni criterio logico ha vinto votando per un candidato che nessuno sa se mai arriverà alla fine del mandato. 

Il nuovo presidente è Giorgio Napolitano, una minestra riscaldata, una storia ormai vecchia e sepolta, lo sfascio di un Paese che credeva di entrare di diritto nel G8 e invece nemmeno entra nella credibilità della gente, delle istituzioni, una ruota di scorta per non perdere quel contatto con il popolo che non esiste più. Peccato, una grande occasione persa.

Non scrivo di Napolitano, lo conosciamo tutti, scrivo di Stefano Rodotà e di quella grande occasione che la politica italiana non ha saputo cogliere al volo per creare un pizzico di credibilità.

Questo il pezzo che avevo scritto per Rodotà Presidente, avevo un sogno, ora terribilmente infranto.

"Non si tratta di una novità beninteso, in queste ore l'avevamo capito tutti che sarebbe stato il suo nome quello da eleggere, nonostante le critiche della destra, nonostante la poca convergenza della sinistra, nonostante la paura che la sua elezione avrebbe provocato squilibri importanti all'interno del suo stesso partito di provenienza, il PD che in queste ore di passione ha mostrato tutta la propria incoerenza e disorganizzazione a gestire la nazione. Se ne ricordino gli elettori quando saranno costretti a vitare nuovamente a breve, molto vicino nel tempo, perché è evidente che questa sinistra che non è stata capace di formare un governo non è stata capace nemmeno di presentare un nome condiviso dalle parti per l’elezione del Presidente della Repubblica, il rappresentante e garante supremo di questo Paese."

Stefano Rodotà tuttavia rappresenta una novità eclatante, per la prima volta, anche se indirettamente, egli sarebbe stato il primo Presidente eletto per volontà del Popolo Sovrano. 

Non siamo ancora all'elezione diretta del Presidente, ci arriveremo con il tempo. Per ora accontentiamoci di quello che sono riusciti a proporre e imporre in parlamento Beppe grillo e il suo M5S e, già che ci siamo, parliamo del Movimento 5 Stelle, il movimento politico voluto da Beppe Grillo, comico d’antan, politico d’adozione che ha saputo muovere le masse contro lo stato politico attuale, per rovesciarlo, per rimandare tutti a casa, per cambiare l’incambiabile, l’imputrescibile, il marcio che aleggia da sempre sulla politica italiana. Aria nuova si dirà, aria nuova si dice.
Sono state le Quirinarie, una sorta di votazione online voluta dal Beppe nazionale a decidere chi doveva essere l’eletto. Rodotà non era il primo nella classifica, prima di lui Gabbanelli e Gino Strada ma, entrambi, hanno preferito farsi da parte. Diventare Presidente della Repubblica è una cosa seria, non si tratta di un incarico adatto a tutti, entrambi se ne rendevano conto. Stefano Rodotà come terzo in classifica è quindi diventato il primo eleggibile, il primo eletto dal popolo.
Una prima assoluta per chi vorrà finalmente metter mano alla costituzione e cambiare le regole per l’elezione del presidente che deve essere eletto dal popolo.

Basta con queste strategie partitiche, politiche, inciutiche, destrorse o sinostrose, basta con questi esercizi 

Chi è Stefano Rodotà?

Personalmente non lo conosco, per saperne di più pesco in rete, sono tuttavia al corrente di quello che ha fatto, bene, per il proprio paese e di quello ne parlerò in seguito.

Giurista, professore emerito di Diritto Civile alla Sapienza di Roma, parlamentare sul finire degli anni Ottanta e l'inizio dei Novanta, Rodotà è stato un politico ma viene percepito come una figura fuori dagli schemi dei partiti. 

Ha fatto parte del Partito Radicale guidato da Mario Pannunzio, ma rifiutò la candidatura in Parlamento proposta da Marco Pannella nella seconda metà degli anni Settanta. Accetta invece quella del PCI, eletto come indipendente nel 1979 e nel 1983. 
Nel 1992 quarto e ultimo 'giro' in Parlamento: assume il ruolo di vice di Oscar Luigi Scalfaro (poi eletto al Quirinale) alla presidenza della Camera. 
La Seconda Repubblica non lo vede fra i protagonisti della politica, decidendo di tornare all'insegnamento universitario. 
Negli anni che seguono è stato Presidente dell'Autorità garante per la protezione dei dati personali (1997-2005), Presidente del Gruppo dei garanti europei (2000-2004), membro del Gruppo europeo per l'etica delle scienze e delle nuove tecnologie (1993-2005), membro della Convenzione per la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea (2000).

Come si è distinto nel mondo politico e nella vita civile Stefano Rodotà?

Ecco la ragione per cui molti italiani vedrebbero bene questo personaggio al Quirinale. Intendiamoci, tutti portano acqua al proprio mulino ma Rodotà lo ha fatto con stile e grazia, con il rispetto delle istituzioni, con quell’amore che si chiede a tutti i cittadini per la propria patria. Le posizioni espresse da Rodotà su alcuni temi 'caldi' del dibattito politico di questi anni, lo indicarono come un candidato appetibile per l'ala sinistra del Pd e per il MoVimento Cinque Stelle. Fu tra le personalità più esposte nel contrastare il ddl bavaglio sulle intercettazioni proposto nella scorsa legislatura dal governo Berlusconi (che riprendeva un altro disegno di legge, se possibile ancora più limitante per la libertà di informazione, voluto dal ministro Mastella durante il governo Prodi). 

Nel 2010 è stato un sostenitore di una proposta di legge costituzionale sull'articolo 21 (denominato articolo 21bis): "Tutti hanno eguale diritto di accedere alla Rete Internet, in condizione di parità, con modalità tecnologicamente adeguate e che rimuovano ogni ostacolo di ordine economico e sociale".

Nel 2009 sul caso Eluana Englaro Rodotà prese posizione contro il ministro della Giustizia Angelino Alfano. “Posso anche fare il guardiano del giardino del diritto ma non si può distruggere il giardino della democrazia: la Corte Costituzionale ha detto più volte che non si può intervenire su un atto giurisdiszionale" le parole di Rodotà.

Nei primi anni Novanta fu protagonista di uno scontro con il Presidente della Repubblica Francesco Cossiga a proposito della lotta antimafia in Sicilia. Alle invettive del Capo dello Stato ("piccolo arrampicatore sociale"), Rodotà rispose: "La smetta di raccontare falsità sul mio conto, io la smetterò di dire la verità sul suo". 

Intervistato prima delle Elezioni del 24-25 febbraio ha spiegato: "C'è una rabbia sacrosanta e giustificata, nata dalla scomparsa dell'etica pubblica che ha eroso le basi della democrazia. Il circuito di fiducia tra cittadini e istituzioni è fondamentale e va ripristinato. In questi giorni sento di nuovo dire 'non siate moralisti'. È una posizione che non condivido. Credo, infatti, che si debba essere fermissimi nella ricostruzione della morale pubblica". 



2013/04/19

Un Bravo Ragazzo!

Suo figlio Dzhokhar Tsarnaev è quasi sicuramente uno dei terroristi che il 15 Aprile ha terrorizzato Boston alla maratona e il resto della nazione e per suo padre non può che esser considerato “un angelo”, un bravo ragazzo.

"Mio figlio è un vero angelo" ha detto ai media che l’hanno intervistato, Anzor Tsarnaev, padre di Dzhokhar, il ragazzo di 19 anni cui la polizia sta dando la caccia per l'attentato
alla maratona di Boston del 15 Aprile; il secondo presunto responsabile, il fratello Tamerlan, è stato ucciso dalla polizia. "Dzhokhar è uno studente al secondo anno di medicina, ha raccontato il padre da Makhachkala una località situata in Daghestan (Russia), è un ragazzo molto intelligente. Lo aspettavamo qui per le vacanze". A riprendere le parole dell'uomo sono state tutte le tv statunitensi.

Dzhokhar Tsarnaev, sospettato di essere uno dei due che ha lasciato le bombe a Boston, facendole esplodere in mezzo alla gente che gioiosamente attendeva la fine della maratona ha anche frequentato con profitto la Cambridge Rindge and Latin School e non nelle classi speciali ma in quelle normali, quelle frequentate dai cosidetti WASP, questo bravo ragazzo ha ricevuto addirittura una borsa di studio. Ecco, io non me lo spiego o forse si, perché questo nostro modo di vivere tutto inquadrato, dove sei buono e bravo se ti comporti in una determinata maniera che non significa sia quella corretta, solo quella che piace a chi ci sta sulla testa, ecco che se sei così inquadrato allora sei bravo mentre se non vuoi sottostare a delle regole ossessive allora sei cattivo.

Ma quando mai impareremo che l’abito non fa il monaco? Che comportarsi bene, essere bravi a scuola, simpatici e benvoluti da tutti non ci eleva a bravi ragazzi a tutti i costi, anzi, tutto ciò non fa altro che nascondere quello che ognuno di noi porta dentro di se, isolarlo, mistificarlo, far sembrare ciò che non è, almeno fino a quando si scopre che il bravo ragazzo si è sporcato le mani di sangue, ancora peggio se sangue innocente.

Io già me lo vedevo quel padre di questo “bravo ragazzo” dichiarare alla tv prontamente intervenuta per intervistare il frutto della sua educazione “Mio figlio è un angelo. Giornali e televisioni lo hanno definito un killer ma non è così, non è un mostro. La nostra è una famiglia perbene. Siamo profondamente addolorati per quello che è successo, degli innocenti hanno perso la vita e non so cosa daremmo per riportarli in vita.”

Sono frasi che si sentono sempre quando a uccidere sono stati dei ragazzi, bravi non si sa quanto, ragazzi che hanno scambiato una lotta di religione come la loro lotta, ragazzi che non hanno capito da che parte sta la verità, dove si combattono i sopprusi, chi sono i colpevoli o i mandanti della ferocia di certe guerre. Ragazzi che confondono l’essere giovani e forti e arrabbiati con un misto di fede e verità che uccidono e annientano solo per il gusto di dire “sono stato io”. Anche se nessuno dirà questo.

L’apparenza delle persone, il loro comportamento, il loro successo sociale, spesso non corrisponde alla persona che è dentro veramente. Che può essere tutto e niente altro che un “vestito”, una copertura. E prima o poi quello che era dentro viene fuori e può diventare anche un essere inferocito pronto a uccidere nel nome di una qualche ideologia.

E torniamo sempre a quella violenza dalla quale vorrei tenermi lontano, non parlarne più e invece scopro con orrore che in nome di questa violenza che si compiono efferati delitti, contro la gente, con chi niente ha da spartire con questi pazzi, che uccidono e nemmeno pensano per un attimo, un solo attimo a quello che stanno facendo. Mi pongo l’interrogativo di come il disagio si trasforma nella decisione di riempire una pentola a pressione di esplosivo. La causa è l’ideologia o la violenza? Il fratello maggiore era un musulmano rigoroso, seguiva le prediche dell’Imam, era un accanito lettore delle pagine di siti islamisti. Ma anche un violento, uno che non si appagava solo con il pugilato, uno che picchiava la fidanzata per sentirsi vivo, forte, per sfogare istinti repressi, di violenza, di odio.

Avranno mai pensato al padre Tamerlan e Dzhokhar Tsarnaev quando posavano a terra le borse contenenti le pentole a pressione poi fatte esplodere in mezzo alla gente? Hanno mai pensato i fratelli Tsarnaev a quello che stava per succedere? Alle vite spezzate in nome di una assurda ideologia di morte?

Scusatemi se qui apro una parentesi, nessun credo religioso prevede il martirio o la morte di innocenti come ultima speranza, come sacrificio estremo. Tutte le religioni, comprese quelle estremiste sono per la vita. Non esiste il sacrificio attraverso la morte di se stessi e nemmeno degli altri. Sono delle forzature, delle storpiature di un pensiero religioso che nulla ha a che vedere con il mondo reale, con la vita di tutti i giorni, con la gente che lavora, vive e cresce per un futuro che spera migliore anche se, spesso e troppo spesso aggiungerei, migliore non è. Ma non stiamo tutti lì a seminare bombe e terrore e sofferenza se la nostra vita non assume il profilo che speravamo, se qualcuno ci taglia la strada reale o metaforica della nostra vita. Se così fosse le bombe e gli omicidi sarebbero una atroce normalità della nostra vita. Non lo sono, sono invece una aberrazione, un atto criminale da condannare.

Chi sono i fratelli Tsarnaev? Leggo sul web che erano tre volte emigrati: dalla Cecenia all’Asia Centrale poi in Russia infine in America. Una vita facile forse all’origine, una confusa passione per l’Islam sullo sfondo, ma anche per i soldi e la vita facile. Una passione per la musica, i viseoclip, per le ragazze, come tutti alla sua età, vestiva come tutti, felpa e jeans, magari portati bassi in vita, scarpe con i lacci slacciati e tanta rabbia dentro. Adesso fugge Dzhokhar Tsarnaev, solo e abbandonato da tutti, abbandonato dal fratello che ha dovuto soccombere alla forza della polizia che lo ha freddato davanti all’Università; fugge e mentre fugge dalla polizia che lo cerca in una Boston paralizzata dal terrore starà pensando a quello che ha fatto? A quale scempio ha contribuito nella vita normale di una città che guardava al futuro con serenità? A quelle giovani vite spezzate? Come possa essere diventato un mostro, un terrorista, un pericolo pubblico questo 19enne dalla faccia d’angelo? Come hanno fatto due bravi ragazzi a diventare i criminali più ricercati d’America? Avevano legami con la guerriglia? Traumi familiari della guerra cecena? Miseria? Razzismo?

Riportano i media che Ramzan Kadyrov, il presidente Ceceno, ieri si rifiutava di commentare la tragedia di Boston e postava su Instagram, la sua ultima passione, foto della preghiera del venerdì con lodi alla misericordia di Allah.

Forse sarebbe piaciuta ai fratelli Tsarnaev.

2013/04/18

Eletto il Presidente della Repubblica!




Hanno eletto il nuovo Presidente della Repubblica.

Sarebbe bello che dal Parlamento uscisse una fumata, bianca o verde, magari rossa o del colore che volete voi per dire al vulgo: Habemus Presidente. Come se fosse il Papa.

Me lo dicono tutti, lo leggo sui rotocalchi, di quelli che si leggono tutti di un fiato mentre la mattina si va stretti stretti inscatolati a forza in autobus-tram-metro sempre pieni da fare paura. 
L’ho letto su internet sempre abbondante di notizie tutte da verificare. L’ho letto sul giornale della mia vicina che non compra mai il giornale per cui mi viene il dubbio - atroce che dire? – che sia vecchio. 

Una notizia dell’ultimo minuto, secondo, attimo, fresca come un uovo di giornata, fresca come sono tutte le questioni che riguardano il nostro mondo politico che quando arrivano a noi son già  diventate vecchie, riutilizzate, rimaneggiate, inciuciate, arrangiate affinchè i soliti fessi non abbiano a scoprire la verità. 

La notizia dell'elezione ufficiale del nuovo Presidente della Repubblica, non si ancora bene se sia quella repubblica dove si coltivano solo banane o quell’altra dove i poveri fabbricano le auto che vendono ai ricchi i quali poi non le pagano e in cassa integrazione ci vanno i poveri. I ricchi in galera mai, altrimenti che son ricchi a fare?

Abbiamo il Presidente, evviva, adesso che si fa?. Non ci siamo neppure svegliati dall’ubriacatura del nulla delle elezioni di febbraio, elezioni che come ben sapete non han prodotto alcun governo ma solo tante chiacchiere e soldi, i nostri soldi, buttati via. Ma allora il Presidente chi lo elegge? Lo eleggono i deputati, i senatori, anche quelli a vita. Non capisco la differenza che ci sia fra i senatori cosidetti a vita e i senatori semplici.

Mi si dirà che è lapalissiano, sono a vita tutti quelli che non vengono eletti, che stan li seduti sempre a scaldare la poltrona, non servono a nulla ma stanno li, anche loro a succhiare una bella fetta dei nostri soldi. Mi chiedevo che differenza ci sia, visto che i senatori che non sono a vita son sempre gli stessi da decenni, immobili rappresentanti di un mondo che non c’è. 

Non c’è l’Italia dei poveri perché il vento della crisi l’ha portata via, non c’è l’Italia dei lavoratori perché non avendo più il diritto di lavorare nel proprio paese hanno perso uno degli ultimi diritti che avevano e son tornati a casa, con le tasche vuote. Non c’è più l’Italia dei sogni, se li sono portati via i politici, affamati come erano di sogni di gloria, poi non ne hanno ricavato nulla e si sono accontentati dei sogni di soldi.

Ma chi lo vota il Presidente?
Un parlamento di eletti che non ci rappresenta visto che un governo ancora difetta?

Evviva il Presidente eletto. Chi? 
D’Alema perbacco, il re degli inciuci.
Scommettiamo?

God save the Queen. Dicono in Inghilterra, chiediamo a Dio che salvi anche l’Italia dai pescecani?

GOD SAVE ITALY! 
PLEASE, AS SOON AS POSSIBLE. 

2013/04/15

Una pelle tutta nuova


Da quando questo blog è nato, l’impostazione grafica è rimasta la stessa. Immutabile nel tempo come un monumento, come quella statua (copia o originale che sia fa poca differenza) del Marco Aurelio che riposa immobile davanti al Campidoglio a Roma da oltre 500 anni.


Si dice che una moglie è (dovrebbe essere) per sempre, un figlio lo è sicuramente, mentre in questa scala di priorità ecco che l’auto è solo finquando non esce un nuovo modello, o peggio fino a che non si scassa e volendo nella lunga lista potremmo aggiungerci la motocicletta e la barca e forse la casa ma con una tempistica dilatata. Di mamma ce n’è una sola, di padri quelli che si vuole, possibilmente uno sperando che la mamma abbia detto la verità. 


La pelle? La pelle che ci portiamo addosso ahimé non si cambia a meno che non ci si chiami Michael Jackson con un portafogli che assomigli a una fisarmonica e anche li la vedo un tantino complicata. Tutto il resto si cambia, anche la pelle virtuale sul social forum, come si cambiano gli abiti o le scarpe per colpa o per merito delle mode così cambiamo la pelle ai divani e alle poltrone e ai blogs. 

Ebbene si, anche i blogs cambiano pelle, per aggiornare un'immagine, dare una spolverata e una nuova luce, cambiare lo stile, modificare i colori, attrarre nuovi clienti, utenti o soltanto curiosi, per rispecchiarsi in quello che si vuol dire, per apparire come una novità, riciclarsi e ripresentarsi con una veste nuova e pulita agli appuntamenti importanti. 

Lo facciamo già nella vita reale, per un appuntamento di lavoro, per uscire con lei (o con lui dipende dal sesso, gusti e obiettivi), per giocare a pallone o solo per una serata di coccole e tenerezze, perché non il vostro blog che come uno specchio magico riflette la vostra immagine imperitura nel web? 

Ecco, brevemente la mia presentazione per un grande lavoro realizzato dall’amica Azzurra. D’accordo, avrei potuto farlo io, le idee non mancano ma il tempo difetta, quello che lei ha saputo realizzare in una settimana - avrebbe impiegato meno ma io sono esigente - io ci avrei messo sei mesi e sicuramente il risultato non sarebbe stato lo stesso. Bello come questo intendo dire. 

Azzurra ha un blog tutto suo qui: GRAFIC SCRIBBLES dove chiunque può scegliere la grafica che più si adatta al proprio blog per cambiare, apparire e illudere forse, sicuramente per trasmettere quanto di buono ha da raccontare al mondo reale.

Grazie Azzurra per questo grande lavoro, io e i miei lettori te ne siamo grati. 






2013/04/14

NO EUROPA, NO EURO


Il problema non è l’antieuropeismo, il problema è questa Europa e questo Euro, la moneta unica che ci sta drammaticamente affondando. Mi permetto, da (ex) europeista convinto, di fare questa affermazione categorica e perentoria perché ritengo allarmante l’evidente constatazione che, passo dopo passo, l’ideale di un’Europa unita, terra di diritti, di eguaglianza e fraternità si è progressivamente disgregato e si sta avviando verso una rischiosa implosione.

NO EUROPA PERCHE’?

Il paradosso è che tutto ciò stia avvenendo a poco più di dieci anni dall’introduzione della moneta unica. In linea di principio quel provvedimento avrebbe dovuto essere uno dei pilastri principali dell’istituzione sovranazionale premessa di un’entità federale o confederale. Non è stato così. L’unità monetaria avrà anche avuto i suoi indiscutibili meriti ma non ha per nulla contribuito a rafforzare il sentimento europeo nelle nazioni che compongono la Comunità e, verosimilmente, neppure nei suoi cittadini. 
La Commissione Europea, che di fatto condiziona pesantemente la politica economica, finanziaria, fiscale e del lavoro degli stati membri, fa invece poco o nulla per orientare le questioni dei diritti sociali, civili, della legittimità democratica, del welfare e men che meno si impegna per la cultura che insieme alla solidarietà è la principale struttura e infrastruttura preposta a formare e garantire l’identità profonda di qualsiasi progetto fondato e lungimirante. La gravissima crisi che continua ad imperversare, aggravata dalla inefficace e depressiva politica di austerity voluta dagli eurocrati con la connivenza di Fmi e Banca Mondiale, mette a nudo sempre più i deficit di senso della Ue.

E L’ITALIA DOVE SI TROVA? 

In tutto questo bailamme si posiziona l'Italia. Il nostro paese è vittima di una politica doppiamente criminale, prima di tutto quella interna che non ha fatto altro che attuare regolamenti e leggi “ad personam” per difendere i diritti di una sola persona e di una casta e, dall'altra parte un'Europa che ci teme in quanto potenza all'inverso, cioè capace di distruggere gli equilibri apparenti fino qui raggiunti dalle altre nazioni europee, anche a nostro danno, beninteso. Per questo motivo si è verificato quell'incruento golpe (colpo di Stato) che ha visto il Presidente del Consiglio eletto dal popolo, messo gentilmente alla porta dal presidente della Repubblica in concerto con la Cancelliera tedesca Angela Merkel e probabilmente anche altre potenze europee, per nominare un Governo Tecnico alla cui testa è stato messo Mario Monti, l'unico veramente in grado di mantenere quella liaison con il resto d'Europa a evitare il tracollo degli investimenti stranieri in terra italica. Non per nulla Mario Monti è stato capace solo di aumentare la pressione fiscale a dismisura, mettere le mani in tasca agli italiani, togliendo loro i risparmi, togliendo loro la speranza. Incapaci di agire, con le mani legate da una Europa sempre meno disposta a tenderci una mano, un'Europa che intende rientrare da tutti gli investimenti effettuati nel nosrtro paese. 
Ecco infatti che si scopre che alcuni Paesi europei avrebbero sfruttato l'appartenenza alla moneta unica per aumentare la loro competitività, a discapito di altri, a discapito nostro che scontiamo un collettivo politico disastroso, disunito anche nei momenti peggiori, incapace di guardare al benessere del Paese ma solo e esclusivamente al proprio benessere e prestigio personale, un Parlamento che ha fatto di tutto e di più per farci precipitare in questo baratro dal quale non se ne esce se non con decisioni drastiche, all’apparenza suicide anche se non è affatto così. Quei Paesi che hanno condannato l’Italia hanno contenuto i salari e la domanda interna, hanno mantenuto artificialmente la propria inflazione sistematicamente a livelli inferiori rispetto ai partners, i quali, condividendo la stessa moneta, non avrebbero potuto operare una svalutazione difensiva per determinare un riequilibrio. I primi avrebbero accumulato surplus commerciali, mentre i secondi avrebbero visto peggiorare i conti con l'estero, fino ad entrare in crisi.
Il Bollettino parla di Portogallo Irlanda, Italia, Grecia, Spagna a cui si sono aggiunte Cipro e Malta, Slovenia e Austria vedono il fondo, il Belgio non sta bene finanziariamente anche se in Belgio si posiziona la sede dell’Europa, della BCE, presto altri si aggiungeranno alla lista dei Paesi in crisi.

QUANTI SONO I PAESI CHE ADERISCONO ALL'EURO?

Pochi, sono solo  17, agli undici storici che hanno aderito a partire dall’1 gennaio 1999 se ne sono aggiunti solo altri 6: 
Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Spagna e Portogallo in seguito Grecia (2001), Slovenia (2007), Malta e Cipro (2008), Slovacchia (2009), Estonia (2011). Per Francia e Olanda vanno anche considerati i possedimenti oltre oceano fra i quali la Nuova Caledonia in oceania o Saint Martin ai Caraibi e altre minori.

Ho notato che di questi 17 ben 7 sono ufficialmente in crisi, cioè Italia, Portogallo, Grecia, Irlanda, Spagna, Cipro, Malta. A cui possiamo aggiungere la Slovenia ormai in procinto di arrendersi all'evidenza. Vale a dire il 50% dei Paesi dell'area euro versa in grave crisi. Bisogna uscire subito, dopo forse potrebbe essere troppo tardi.

COME USCIRE DA QUESTO EURO?

Quanto sta avvenendo a Cipro dovrebbe insegnarci a trovare la giusta strategia per uscire dall’Euro e cadere in piedi. Esistono diversi modi per uscire dall’Euro, non si può comunque credere che sarà un percorso facile e scevro da ostacoli. Innanzitutto la sovranità calpestata, quella che salta subito agli occhi degli italiani, non possiamo più decidere le politiche finanziarie e di bilancio per nostro conto ma siamo costretti a seguire quelle impostaci dalle potenze straniere forti, finanziariamente e economicamente che detengono anche una grossa fetta del nostro debito pubblico. 
Questa sovranità nazionale che ha dovuto essere posta in secondo piano, accantonata, umiliata per rispettare delle misure che all’apparenza tengono legato il nostro paese a una politica comunitaria che ci protegge. Un noto economista e premio Nobel ha affermato recentemente che Cipro dovrebbe uscire dall’Euro il prima possibile, prima di andare incontro a una depressione incredibilmente severa che andrà avanti per anni. Perché Cipro e perché non l’Italia?

L’Italia nell’Euro non sarebbe nemmeno dovuta entrare, questa è la sacrosanta verità. Noi siamo entrati con l’illusione di poter sistemare i conti con un colpo di spugna, dimenticandoci un passato pesante, con un debito pubblico alle stelle e abitudini politiche di spesa votate al rialzo costante, e non solo quelle. Tutto il Paese deve domandarsi del proprio atteggiamento quando Prodi decise che si doveva aderire. Lo stesso Prodi che qualcuno vorrebbe Presidente della Repubblica invece di spedirlo al muro per alto tradimento dello Stato. Il giorno dopo tutto quello che costava mille lire abbiamo scoperto costava un euro, di fatto il valore della nostra moneta è stato dimezzato, sono tutti responsabili di questo ma di più lo sono i nostri politici,m incapaci di controllare, di reprimere, di vietare simili comportamenti. Oggi se ci troviamo in questa situazione la colpa è solo loro.

Sappiamo bene che i costi di un default per un Paese sono assolutamente sopportabili a patto che sia possibile svalutare la moneta, l’Italia in passato ha attuato diverse volte questa politica per salvaguardare le proprie imprese, affinché potessero continuare a mantenere il prodotto adeguati alla domanda e venderlo a prezzi inferiori alla concorrenza. Oggi non si può perché la nostra moneta è comune per altri sedici paesi, non possiamo svalutare secondo la nostra convenienza, dobbiamo subire senza agire.

Arrivati a questo punto la sola strada percorribile sembra sia quella dell’uscita dell’Italia dall’Euro. Arrivati a questo punto la questione è ancora più pesante di quello che ci vorrebbero far credere, semplicemente si dovrebbe capire che l'euro è una moneta ormai insostenibile per Ia zona che l’ha applicata. I motivi sono tanti, ma ormai è chiaro che il prossimo problema è puramente politico e riguarda Ia gestione di come superare questo errore.

La vera incognita è solamente politica. Sono stati i politici a dirci inizialmente che l’euro sarebbe stato pesante da sostenere in termini economici, ma hanno comunque voluto prendere una decisione contraria alle leggi elementari di economia. Adesso tocca a loro tirarci fuori da questo guaio. Esistono numerosi precedenti storici e che gli squilibri che si sono accumulati per colpa della moneta unica, anche se in questo momento sembrano dolorosi da sostenere, per l’Italia non sarebbero nemmeno tanto drammatici. Il fondo lo abbiamo raggiunto da tempo, le aziende falliscono e chiudono al ritmo di diverse centinaia al mese, la gente resta senza soldi, i più fragili mentalmente e psicologicamente pongono fine alla loro vita, incapaci di affrontare i disagi che questa infinita crisi impone loro. 
Il popolo italiano ha il tempo e la possibilità di tirarsi fuori da questa trappola, i dati fondamentali italiani sono sostanzialmente ancora buoni, il popolo è ancora risparmiatore, ha quindi tutto il vantaggio di uscire prima che la propria ricchezza, gli immobili e i risparmi in banca vengano aggrediti dall’Europa per ricapitalizzare quelle banche del nord dell’Europa che hanno sbagliato.

Si può e si deve quindi uscire dall’euro e dall’eurozona per adottare una valuta che possa essere liberamente quotata sul mercato, secondo il grado di forza dell’economia. Non è rilevante se poi si chiamerà lira o altro, per l’Italia significherebbe solamente adottare il proprio standard monetario, lasciando che sia il mercato a determinare il valore.
Non si spaventino di questo gli italiani, non avremo svalutazioni catastrofiche, le abbiamo già sperimentate nel 1992 e nel 1999 e ci siamo salvati, e noi siamo forti, e forti dobbiamo continuare a esserlo e dobbiamo resistere a chi vorrebbe vederci soccombere come già successe negli anni, tristi, della grande guerra.
Uscendo dall’euro non avremo necessariamente un default del debito pubblico, non c’è stato nel ’92 perché adesso che i conti sono sostanzialmente migliori? Riacquistando la nostra sovranità monetaria saremo in grado di finanziare il nostro debito pubblico a tassi più bassi, alla faccia di Angela Merkel e di Mario Monti.

NO ALL’EURO, NO ALL’EUROPA 
- NOI CORRIAMO DA SOLI - 
- CE LA POSSIAMO FARE! -

Questo articolo è stato pubblicato su: NO EUROPA NO EURO - Movimento per la Sovranità Monetaria e Reddito di Cittadinanza il 15 Aprile 2013.

2013/04/12

I/O


Io sono pesante? Forse si, o forse io non sono esattamente così, in linea di massima si, anche se esistono delle conflittualità. E’ vero che sono pesante, è anche vero che non lascio perdere ma non adesso, i tempi cambiano, le persone anche. Era così in un passato ormai vecchio, stantio, ammuffito. Tuttavia, posso affermare che anche a me sembra tutto-tutto-tutto troppo importante. Magari mi sbaglio, magari non è vero, magari niente è veramente degno di nota, degno di tempo, degno di attenzione. 

Avete mai pensato al significato del termine "io"?
Io è anche un linguaggio di programmazione, una sequenza breve di acceso e spento (In/Off). Un codice binario a semplice declinazione dove l'accensione precede lo spegnimento, allora tutta la nostra vita è costituita da continui in e off secondo le situazioni, gli animi, le consuetudini, la gente che ci circonda? Accendiamo questo termine e diciamo che "io" esiste anche se subito dopo, una milionesima frazione di secondo dopo non esiste più e allora viene da pensare "Chi sono io?". Forse è meglio scriverlo I/O?

Io a volte mi interrogo e mi chiedo perché, sono forse sono venuto al mondo per perdermi dietro a quei particolari che nessuno nota più? Affezzionato a quella cura del dettaglio che agli altri difetta enormemente, io sono per dare quelle spiegazioni che non interessano a nessuno, o forse si ma non nei modi e nei tempi e nelle parole e nei toni che io utilizzo e così va a finire che sembro petulante, indisponente, supponente. 

Invece no, io sono attento e disponibile sempre ai problemi altrui, cerco di far caso a mondi che per altri sembrano idiozie. Magari dovrei fare più attenzione al grande disegno, alla meta, all’obiettivo o come si dice oggi al target, quello del “grande” e non dell’insignificante. Oggi non interessa a nessuno se mentre stavi andando a lavorare hai visto un bambino giocare pericolosamente vicino alla strada, un prato di cui non ti eri mai accorto, un palazzo con la facciata dipinta di giallo canarino o uno stormo di fenicotteri rosa, un bimbo che piange, un miagolante gatto che vorrebbe averti vicino, ti promuove a suo compagno per la vita, no, per tutti l’importante è che tu arrivi in ufficio e lasci fuori quel gatto che ti ha dato tanto amore senza mai conoscerti.

Oggi non importa a nessuno se un giorno ti sei svegliato e hai sentito la necessità di indossare la camicia arancione, i pantaloni blu elettrico, le calze nere e la giacca verde solo per mostrarti più allegro, per non morire dentro. L’importante è che tu faccia quello che devi. Sono pesante, sono permaloso. Al contrario di qualcuno io ricordo le date, ricordo tutte le  capitali che ho visitato e anche quelle che non conosco ma ho letto da qualche parte sui libri, su internet, visto al cinema o alla tv. Al contrario di altri mi offendo, mi imbarazzo se loro non conoscono le capitali del mondo, se mi dicono che Londra è la capitale del Burundi e Johannesburg quella della Scozia. Sono pesante, voglio sembrare perfetto anche se nella vita reale... ebbene si, cerco di essere perfetto, con qualche peccatuccio ma reale.

Sfortunatamente non ricordo i nomi della gente che ho conosciuto ma ricordo perfettamente i volti di ognuno per cui se incontro qualcuno per strada che ricordo mi arrovello per cercare di appioppare un nome a quella faccia finché non approccio la persona per chiedergli “scusa ma dove ci siamo già visti?”. 

Non ricordo nemmeno i nomi dei più grandi artisti di tutti i tempi ma non rappresenta per me una grande perdita, quando mi servono apro le infinite pagine della conoscenza nel web e pesco a piene mani quello che mi serve e se mi serve mentre parlo con qualcuno ammetto candidamente di non conoscerlo. 

Sono pesante ma pensante, non ricordo i nomi delle strade ma se tu vuoi andare dal punto "x" al punto "y" di una città che conosco sappi per certo che sarò in grado di aiutarti a trovare quella strada, qualcuno non molto tempo fa a proposito di Copenhagen mi soprannominò Bal Bal con chiaro riferimento al navigatore gps Tom Tom (grazie Stefano).

Ma non ricordo mai che lavoro fa la gente. Ricordo bene se qualcuno mi ferisce, però ricordo bene anche se io ferisco qualcuno e quel ricordo mi perseguita per anni, ho nella memoria un cassetto specifico di questi dolori procurati e tutte le volte che metto in ordine i ricordi ecco che tornano in mente e fanno male. 

Ricordo bene se qualcuno ha gli occhi tristi, o se li ha pieni di gioia infinita. Ho sempre paura di essere frainteso, è vero. E’ che credo, credo fermamente, che tutto questo pressapochismo, tutta questa “leggerezza” di cui in tanti dicono di aver bisogno, tutto questo “ne riparleremo poi”, tutto questo “le cose stanno così, pace!” non faccia per me. 

Io sanguinerei, mi farei sanguinare le labbra pur di essere preciso in quello che dico e faccio. Io, perché io so che basta una parola, una piccola parola a far piangere una persona per notti e notti intere. Non io, io (non) lascio perdere. Io cerco di far piangere meno persone possibili, perché sono i particolari a uccidere. 
(liberamente tratto, corretto e adeguato al mio pensiero da uno scritto di Susanna Casciani.)



2013/04/11

Pedofilia: continuare a parlarne per sconfiggerla

Uno su cinque!
Un bambino o bambina ogni cinque subisce oggi violenze che vanno dalla pedofilia alla prostituzione. Non nascondiamo la testa sotto la sabbia come gli struzzi, il problema tocca tutti, sia chi ha figli che chi non li ha. Non dimenticatelo e non fate finta di nulla, il fenomeno va bloccato. 
La prossima volta potrebbe toccare ai tuoi figli, pensaci!


"La prostituzione infantile è un business più redditizio della droga. Costa poco e comporta molti meno rischi". Joseph Moyersoen dà la caccia ai pedofili. Responsabile internazionale dei diritti per l'infanzia nell'organizzazione Terre des Hommes Italia, è stato anche consulente legale per la legge contro lo sfruttamento sessuale dei minori approvata nel '98. Viene dal Belgio, patria di famosi pedofili. 

Ha seguito il caso di John Stanford, il primo trafficante di bambini arrestato nella storia. Snocciola cifre sui piccoli schiavi del sesso, mostra sulla cartina i nuovi eldorado dei "coccodrilli", come vengono chiamati i clienti dei babybordelli. E' sconfortato, Moyersoen, adesso che deve fare il punto su questa battaglia, che da anni è la sua vita.

Purtroppo si tratta di un fenomeno in crescita che non conosce crisi. Anche se, va detto, i rischi sono elevati, secondo la legge italiana un turista che esercita il turismo sessuale all’estero per procurarsi piccole vittime rischia pene importanti anche se nel paese dove vengono scoperte riesce a cavarsela. Una volta rientrato in italia la legge prevede il carcere fino a 3 anni per i clienti e fino a 12 anni per chi organizza o propaganda questi viaggi. Questo dice la legge 269 del '98 che può essere applicata anche se il reato è commesso all'estero. E attenzione, riguarda chi compie atti sessuali in cambio di denaro con una persona che ha meno di 16 anni. Tuttavia nessun italiano è mai stato arrestato per questo tipo di reati, la cosa più grave è che non ci sono denunce.

Perché?

Difficile dirlo, forse gli italiani sono maggiormente attenti o verosimilmente le vittime, per la vergogna, evitano di denunciare l’accaduto sperando non abbia a ripetersi invece non fanno altro che acuire il proprio senso di disagio, come famiglia e come vittime, non rendendosi conto che simile atteggiamento protegge il pedofilo e lo rende immune alle azioni penali contro di se, quindi contro tutti i pedofili.

All’estero come funziona?

Le leggi in materia pedofilia sono tutte abbastanza recenti, quindi è normale che ci sia ancora un ritardo nella giustizia. Tuttavia i magistrati dei paesi presi in esame si stanno muovendo meglio degli italiani. Ci sono stati esposti in Germania ma anche in Francia. A Parigi un impiegato tedesco di 48 anni è stato condannato a sette anni per aver praticato sesso con una bambina thailandese. Il problema dell'Italia non è la legge ma la sua applicazione. Semplicemente da noi non c'è nessuno che è incaricato di farla funzionare. 

Manca il personale di polizia all'estero. Molte organizzazioni umanitarie, richiedono da tempo al ministero dell'Interno di distaccare agenti di polizia addestrati per effettuare indagini nelle località più frequentate dagli italiani. Potrebbero anche di affidare questo compito al personale che è già all'estero per occuparsi del traffico di droga, al momento tutto tace, nell’incertezza delle istituioni poi diventa tutto più difficile, non si conosce chi dovrebbe prendere una decisione, chi attuare un programma o mobilizzare il personale che pure esiste ma a volte resta immobile e impotente di fronte ai fatti per mancanza di coordinamento. 

Tenete presente che esiste da tempo, anche se i contorni non sono ancora ben definiti, una grande "pedofili srl" internazionale, per ora relativamente alla pornografia su Internet ma si teme una recrudescenza dei crimini nei confronti delle piccole schiave del sesso, provenienti per la maggior parte dal sud est asiatico, e questo anche se i paesi colpiti attuano vaste campagne di sensibilizzazione fra la popolazione. Purtroppo troppo spesso la povertà delle famiglie porta a uesta sorta di vendita del figlio o figlia ultima arrivata affinché permetta la sopravvivenza degli altri figli. Un piccolo sacrificio per salvaguardare la famiglia, e questo è abominevole. 

Esistono delle organizzazioni miranti a incrementare il portafoglio verso una larga fetta di utenti europei interessati. Tuttavia il mondo non è ancora organizzato per combattere questo tipo di crimini, non ancora, almeno. Per ora si tratta di mercati locali, che si basano su piccoli trafficanti e passaparola tra clienti. Trovare questi bordelli è facile, facilissimo, è tutto su Internet. Anche la stampa intesa come giornali e siti internet pubblicizzano involontariamente questi siti virtuali o reali quando parlano del fenomeno. Ma non parlarne è peggio, perché in questo modo si permette che un velo d’oblio e d’indifferenza scenda sul problema e nasconda ancora meglio i pedofili che così possono agire industurbati. 

Ci vorrebbe una taskforce transnazionale contro i pedofili. Una proposta in tal senso è già stata presentata al congresso mondiale contro lo sfruttamento minorile. I risultati ancora non sono arrivati, molte nazioni non sono attrezzate, altre temono un effetto domino sul turismo e si continua a procedere a tentoni. Qualcosa è stato fatto, altro lo sarà, si chiede una cooperazione giudiziaria internazionale magari sotto l’egida ONU. 

Bisogna mettere insieme nomi, denunce, per dare un volto a questi viaggiatori ancora invisibili.
Bisogna continuare a parlarne per rendere difficile la vita a questa gente, malata finché si vuole, palesemente pericolosa per i nostri figli.

Io denuncio per quanto mi è possibile, tu che stai facendo? 






2013/04/08

Risparmio energetico? No grazie!




Titolo emblematico che deve far riflettere. Sembrerebbe che agli italiani il risparmio energetico non interessi poi tanto. A parole forse si, non nei fatti.

Tutti parlano e straparlano di efficienza energetica, in Italia, ma i fatti sono ancora decisamente troppo pochi. Anzi, per l’ennesima volta siamo costretti a guardare a quei politici che ci rappresenteranno in Parlamento quando un governo verrà finalmente varato, affinché confermino e rendano davvero efficace il 55% di sgravio fiscale per l’efficienza energetica sugli edifici e non ridurlo come previsto dalla legge di bilancio al 36%. Il successo enorme degli sgravi fiscali del 55% per l’efficienza sugli edifici, per esempio, è sempre destinato ad autodistruggersi entro un certo periodo di tempo, ed è stato minato anche dall’innalzamento degli sgravi per le ristrutturazioni in generale: quale cittadino sceglierebbe di dover dimostrare i propri interventi di efficienza energetica per avere un 55% di sgravi fiscali quando può, molto più facilmente, accedere al 50%?


Lo spreco energetico costa al nostro Paese almeno 20 miliardi di euro in un anno, cioè 516 euro a famiglia. Lo dicono le agenzie per l'energia e associazioni delle imprese. In particolare un rapporto di fine 2012 indica che non solo siamo i primi importatori di elettricità al mondo, con la conseguenza che il costo per l'utente italiano è il doppio di quello sostenuto da un francese e il triplo degli svedesi, ma che deteniamo anche la maglia nera europea per la poca attenzione riservata a riciclaggio e fonti alternative.

Come se non bastasse deteniamo anche il record europeo della tassazione sui consumi energetici. "La spremitura di famiglie e imprese tocca la ragguardevole cifra di 31 miliardi di euro l'anno, la più alta d'Europa. E il risparmio energetico pur con grandi passi verso l'efficienza ancora fatica a essere considerato in particolare dalle famiglie italiane.

Sembra un controsenso, lo capisco, se da una parte si ricorre maggiormente alle energie rinnovabili com'è possibile che tutto sommato il divario non si riduce? Perchè gli sprechi sono ancora troppi, va cambiato il sistema, vanno cambiate le forme di produzione e vanno cambiate certe regole di certe amministrazioni pubbliche. Parlo di Comuni, di Province, di Regioni. In particolare quelle amministrazioni di piccoli comuni, con evidenti problemi di bilancio, tendono a non mettere in pratica le azioni di base per arrivare al risparmio. 

Un esempio su tutti: La spesa annuale dei comuni italiani per l’illuminazione pubblica ha superato il miliardo di euro. Più le manutenzioni. Il 95% delle luci utilizza sistemi inadeguati che disperdono inutilmente verso l'alto il 45% della luce erogata, mentre i nostri lampioni, da soli, ne disperdono circa il 30%. I sistemi sono ancora vecchi, molto energivori. I Comuni che utilizzano illuminazioni a led sono ancora pochi, nemmeno le grandi città ne fanno un uso generalizzato, ma lì incidono anche bilanci mostruosamente in perdita, grandi problemi da risolvere prima di modificare l'illuminazione stradale. I piccoli comuni invece sarebbe favoriti in questo ma non si adeguano. Adeguate misure di ammodernamento degli impianti, farebbero risparmiare fino al 40% dell'energia. 

Poi ci sono i paradossi: il fabbisogno energetico è di 198 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio, mentre il consumo effettivo e di 146". Secondo il rapporto l'80% delle famiglie italiane lascia regolarmente sei elettrodomestici in standby, con sprechi che riguardano soprattutto lo scaldabagno (20%), il frigorifero (18%) e l'illuminazione (15%). Solo il 5% delle case e dei negozi infatti utilizza lampade a risparmio energetico, che permettono un risparmio fino al 73% della spesa elettrica. Che senso ha invocare le energie rinnovabili come panacea per ridurre i costi se poi gli sprechi sono costanti e non accennano a diminuire? Sono indice di cattive abitudini che gli italiani, pur nella crisi finanziaria che grava sul paese, non accennano a perdere.

Se a queste accortezze si aggiunge anche il riciclaggio di carta e plastica, la bilancia italiana degli sprechi si alleggerirebbe di altri 60 milioni di euro all'anno: "produciamo 300.000 tonnellate di plastica con 430.000 di petrolio ovvero circa 3 milioni di barili, eppure potremmo arginare queste spese se risparmiassimo energia.

Per questo si chiede un'azione concreta ai politici "per estendere solare e fotovoltaico, geotermia e mini idro, lasciando gli incentivi al 55% per le piccole e medie imprese senza ridurlo al programmato 36% e magari incrementarlo fino all'80% per le famiglie”.

Nonostante sia sia fatto molto ancora siamo lontani dai livelli di risparmio programmati secondo un piano che prevede una riduzione dei consumi nell'ordine di 14 miliardi di euro annui entro il 2016. 

Ma questa Italia ancora non ha ancora capito dove sta andando?