<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/06/25

60 e non per tutti

Quando su Facebook un amico compie gli anni, in genere gli "propino" la storiella della Terra che ha completato il giro attorno al sole. Parafrasando, quel giro diventa il cammino da noi percorso intorno alla nostra stella. Colei che ci da vita. Il nostro viaggio ogni anno ha un inizio e un termine, un attimo di sosta e si riparte per il viaggio successivo che altro non è che la ripetizione del precedente che sarà comunque uguale a quelli che verranno. Tutti uguali, tutti attorno al Sole, l'unica vera certezza nelle nostre vite, simili ma non uguali, percorriamo lo stesso virtuale cammino attorno al sole per ritrovarci tutti assieme un anno piu' vecchi.
È il destino dell'umanità, mio, tuo, nostro, vostro.

Eccomi qui. Ho 60 anni ma non mi sento vecchio, amo la vita e quello che riesce a darmi, mi piace la l’aria, l’acqua, il cielo e le nuvole, le verdi distese e quelle imbiancate di neve, una bella nuotata in piscina, lunghe passeggiate. Un figlio ringiovanisce, d'un colpo mi toglie dieci anni all'anagrafe. Mi sento giovane dentro e fuori. E poco importa che, proprio oggi ho dovuto sottopormi a un doloroso intervento dentale, oggi rimane un giorno speciale da dividere con chi mi vuole bene: la mia famiglia e gli amici più cari.

Buon compleanno Sergio, cento di questi giorni.

2013/06/20

Tributo a James Gandolfini



James Gandolfini era un grande, di quelli che non si vedono spesso. Nella vita come nella finzione. Quando succede che la dama nera prende uno tra i più grandi non fai a tempo a sederti davanti alla tv che già lo sanno tutti. Il computer ti riporta all’istante tutto quello che potevi sapere sulla fine tragica di questo personaggio amato dal pubblico di casa nostra e oltre oceano, forse del mondo interno. James Gandolfini è morto oggi, stroncato da un infarto a 51 anni, è morto a Roma capitale di quella nazione che comprende la Sicilia. Tony Soprano era un mafioso siciliano e James Gandolfini si immedesimava alla perfezione nel personaggio tanto da venire additato anche egli come un mafioso, buono per carità, simpatico, di quelli che, nel mondo da lui interpretato, spereresti di incontrare qualche volta ma non succede mai. Una notizia di quelle che sorprendono, una breaking news destinata a rimbalzare ai quattro angoli del pianeta alla velocità della luce.

Sarebbe insomma davvero inadatto propinarvi un riassunto della carriera di James, perchè sarebbe un’inutile ripetizione, ormai tutti in rete hanno scritto di lui, che dovrei mai scrivere io che sono l’ultimo arrivato? Parto da un pensiero dunque, come succede quando a lasciarci è un amico, uno di quelli cari, che si conoscono da sempre. Parto dalle condoglianze alla famiglia, ricordando l’uomo, prima di tutto padre, marito e attore. Parlo del dolore dei colleghi lasciando per ultimi i fans, soprattutto di quelli che sono impazziti per i Soprano, non perché li vedo male, del resto sono loro che apprezzando fin da subito la serie culto che ha cambiato la storia della televisione del costume americano hanno creato e elevato al rango di grande James. No, perché tutto sommato, e per quanto questa partenza senza ritorno improvvisa possa generare confusione, dolore e rimpianti, sono sicuro che lui rimarrà nel cuore della gente solo fino a quando un altro personaggio bucherà lo schermo appropriandosi dei fans del nostro James. 

Allora preferisco salutare questo grande attore parlando di lui, della sua umanità, del suo essere, nonostante tutto, alla mano, disponibile, nella vita come nel lavoro. Lui James, alias Tony, alias James, era uno di noi. Non dimenticatevelo. Lui non era solo una gran signore, gentile, modesto, un mattatore, simpatico, lui era un vero fuoriclasse del set. E questo anche se la sua fama è legata inevitabilmente alla televisione e al ruolo di Tony Soprano, boss nel New Jersey alle prese con inverosimili crisi di panico. Lui aveva collezionato una serie notevole di successi nella sua carriera cinematografica. Una su tutte: "L'uomo che non c'era", magnifico noir dei fratelli Joel ed Ethan Coen, in cui recitava accanto a Billy Bob Thornton e Frances McDormand. Il film nel quale è riuscito a fondere alla perfezione l'intensità sentimentale con la fisicità bestiale che caratterizzava i suoi personaggi. Era un uomo speciale, un grande talento, che con il suo straordinario senso dell’umorismo, il suo calore e il suo rispetto, ha toccato il cuore a molte persone.

Cosa rimane a chi ha saputo apprezzarlo? La consapevolezza che con James se ne vanno anche le residue speranze di poter assistere un giorno o l'altro a un clamoroso ritorno dei Soprano. Difficile evento, molto improbabile come è tradizione dei Serials americani, qualcuno aveva ben sperato. Ormai da oggi assolutamente impossibile. Sarebbe come girare una nuova avventura episodio del maghetto Harry Potter senza Daniel Radcliffe. Quando muore un personaggio di livello, uno di quelli che bucano lo schermo, ti sembra che niente sarà come prima. Poi, per fortuna, la vita ti fa cambiare idea. Ma oggi no, oggi siamo tutti con lui, il nostro James Gandolfini. 

Grazie di tutto James, ci mancherai.









Un gestaccio certo, alla morte che pure l'ha portato via. R.I.P.

2013/06/14

Il Sogno Americano


Ale è un ingegnere di poco più di trent’anni e con sua moglie – da poco è arrivato anche il piccolo Tommy – hanno lasciato il Lago Maggiore e ora vivono a Boise, piccola capitale dell’Idaho, sperduto stato americano tra le Montagne Rocciose.
Cosa ha spinto due ragazzi in gamba, laureati e già con in Italia un buon impiego addirittura a tempo indeterminato ad imbarcarsi in un’avventura con in mano un contratto di lavoro formalmente di soltanto due settimane rinnovabili (in America si usa così) ? Anche se sulla base di quel pezzo di carta la banca ha concesso loro un mutuo per comprarsi quasi subito la casa hanno fatto una scelta coraggiosa. Due persone tra le tante che ho incontrato in questi giorni e dopo pochi minuti la conversazione era già su questi temi, ovvi per chi la propria città e il proprio paese l’hanno sempre nel cuore. Gente semplice, concreta, ma che  non ce la faceva più senza vedere un futuro intorno a sé e soprattutto con la voglia della sfida per raffrontarsi con una realtà diversa, dove finalmente cresci solo se vali e dove non conta il colore della pelle, la nazione di provenienza.  Una serata stimolante, intensa, concreta.
Tornato in albergo apro le mail e leggo dei guai consueti di casa nostra e di una città dove la polemica è su un senso unico, sul solito CEM, sulla soddisfazione di qualche ex consigliere comunale perché è finalmente sparita la scritta “Verbania capitale dei Laghi” dall’aiuola di piazza Flaim.
Quella stessa ex consigliere piange perché non trova lavoro a chi glielo lo chiede, perché l’economia è in crisi e -  piangendosi addosso come fa quasi tutta l’Italia – conferma una volta di più di non riuscire a capire che occorre guardare al di là dello steccato per uscire dal pollaio, o dalla crisi mai si uscirà, anzi.
L’altro giorno passavo per una cittadina sulla costa dell’Oregon che si è auto-proclamata “La città dove si ammirano le balene più belle del mondo”: vero, falso? Sta di fatto che in tutto lo Stato per questo la conoscono per questo ed i dépliant per le escursioni li trovi a centinaia di chilometri di distanza: questo è marketing, gente, ma anche credere nei propri mezzi, nelle proprie peculiarità e saperle venderle, venderle bene.
Da noi – torno ancora a “Verbania Capitale”, perché è una ferita che mi brucia, una grande occasione persa – si è solo capaci a ironizzare, a demolire. Nessuno o pochissimi a chiedersi “Idea grandiosa, ma cosa possiamo fare per renderla credibile davvero?” No, quasi tutti a proclamare “Ma siamo piccoli, non ce la faremo mai, è troppo difficile” Visto che sarebbe auto-ammissione di colpa si va sul più facile “Demagogia irrealizzabile, ma figuriamoci…” Piccolo e bello, cancellate le scritte e chiudete la coscienza: i problemi resteranno ma chiudete la porta.
Il West americano da Seattle a Los Angeles, la nuova frontiera, la Silicon Valley, Hollywood, sarebbero oggi quello che sono se qualcuno neppure molti decenni fa non avesse esplorato, conquistato, studiato, rischiato la propria vita? 
Città oggi tra le più grandi ed organizzate del mondo nacquero meno di due secoli fa, negli stessi anni di un bel quadro conservato al nostro Museo del Paesaggio con le lavandaie in primo piano chine sul lungolago di Pallanza: allora noi eravamo in cima al mondo, oggi siamo sommersi, in lontani paesi di periferia. Non è colpa degli altri ma colpa nostra. Come pensare di cambiare le cose se chi è ai margini del mondo – come ormai  l’Europa - non riesce neppure ad unirsi e contare come  nazione, l’Italia ad avere un posto dignitoso nella casa europea e le nostre piccine città a sopravvivere stando ai confini dell’impero? 
E poi arrivano anche le leggi (idiote) che impediscono ad una amministrazione perfino di investire in immagine, in comunicazione, in pubblicità: forse Casalpusterlengo non ha una grande attività turistica, ma se per Verbania questa è l’unica possibilità di sviluppo economico come si può fare leggi così piatte per tutti e distruggere qualsiasi prodotto che possa rilanciare una città ? 
 E Il CEM? ” Vade retro, satana!” Critiche e pavidi silenzi  e l’alternativa proposta è ritornare a “Liberobus” e alla pista ciclabile Suna-Fondotoce (peraltro cosa egregia e già programmata e mandata a progetto dalla mia giunta)! Immagino già le frotte di tedeschi slanciarsi dalla Baviera per il Lago Maggiore, fermarsi inebriati a Fondotoce e quivi godere della suprema libidine di prendere gratis l’autobus per Intra: cosa volete di più dalla vita? 
Ma serve poi proporre qualcosa? Qualcuno forse avrà visto che Bregenz (località austriaca sul Lago di Costanza di 14.000 abitanti che da anni si regge su una rassegna teatrale estiva – ndr)  quest’anno ha avuto un formidabile lancio pubblicitario perfino sul “Corriere della Sera” per le sue proposte culturali. Vi ricordate  i criticoni che l’anno scorso hanno risposto “niet” alla mia proposta di andare a vedere? Ma da noi sono solo capaci a criticare il CEM, senza volere scientemente e dolosamente capire le potenzialità di fare qualcosa per finalmente rilanciabile (quasi a costo zero !!!) la città, inventando un fattore di diversità, di moltiplicatore, di ripartenza. E non solo la critica, l’aperto boicottaggio. A chi si lamenta dei ritardi per l’avvio dei lavori ricordiamo i ricorsi, le loro proteste, le interrogazioni, i ritardi e le verifiche imposte in regione. Aggiungete una burocrazia asfissiante e avrete la certezza di perdere mesi per niente oltre alla quotidiana disinformazione fatta da (poche) persone che non hanno neppure letto i bandi, ma pontificano come illustri professori. 
Il problema  vero è poi  che in Italia non si riesce mai ad avere un responsabile che agisca correttamente ma velocemente, sulla base delle sue certezze professionali. Non lo fa perché c’è sempre una norma contraddittoria, un potenziale atto illegittimo, un ricorso pendente, una contestazione legale, un TAR disponibile…e si tira a campare con l’89% delle opere pubbliche incompiute secondo il Sole 24 Ore.
Quando non c’è di peggio, come sollevare problemi inesistenti, vedi la questione dei movimenti del  terreno dell’ “Arena” che quindici  anni fa andava benissimo quando comandava la sinistra proprio per farci l’ Artena e oggi - per interpretazioni dolosamente diverse ed esasperate - non va più bene. Terreno non inquinato ma “contaminato” da – udite udite – le perdite d’olio del motore di qualche camion che decine di anni fa muovevano la sabbia della ditta che lì allora la stoccava. E’ assurdo che nel VCO valga una norma interpretata da un funzionario in modo diverso e restrittivo rispetto ad altre zone pur limitrofe e che farebbe aumentare i costi assolutamente per nulla. Posso dire in coscienza che questa è una manovra spudoratamente politica. Eppure è la verità, e lo possono confermare tutte le aziende del VCO che hanno provato a combinare qualcosa e con problemi ambientali (veri o presunti) hanno visto tempi e costi aumentare a dismisura finchè spesso non se ne sono andate disperate dal territorio. Altro che nuova occupazione: chiedete alle Associazioni di categoria che spesso vivono nel timore perché le imprese scappano e si impiantano a cinquanta chilometri di distanza, magari nella mitica Svizzera. Sono duro: non c’entrano i soldi ma anche questa è mafia, la mafia di chi scientemente distrugge sulla base di integralismi idioti e costosi senza mai, nel proprio, rischiare nulla.
Così, visto che il CEM per certe teste è “politica” , dategli addosso perché questi sono gli ordini dei compagni di partito e se così morirà anche il buon senso tranquilli che ci sarà sempre un codicillo a coprirvi: vergognoso! 
Salt Lake City non è New York ma solo la ben più modesta capitale dello Utah, stato di montagne desolate grande quasi come l’Italia ma con meno della metà degli abitanti del Piemonte: avrebbe superato l’esame degli eccellentissimi tecnici nostrani il progetto di una sala congressi (recentemente realizzata) di ben 21.000 (ventunomila!!) posti a sedere? E gli stadi di football e di baseball che si aprono e si chiudono a seconda del tempo, del sole o della pioggia su decine di migliaia di spettatori in pochi minuti? Avranno avuto l’ok dell’ASL, dei NAS, dell’Ufficio ambiente della provincia, dell’ARPA, dei Vigili del Fuoco, delle norne antisismiche, degli scarichi delle acque reflue… E l’appalto avrà visto un progetto di massima, preliminare e poi definitivo e solo dopo uno esecutivo? Nessuno delle ditte perdenti avrà ricorso al TAR al minimo per avere una sospensiva e poi alla Corte dei conti? E le gare, gli appalti, le varianti, le nuove varianti per le norme sorte nel periodo tra il progetti e l’esecuzione (e quindi nuovo progetto)? E i sindacati avranno detto la loro? Tutto ok, benissimo…ma i finanziamenti sarebbero poi arrivati o no, per stralci o lotti esecutivi? Il governo avrà passato i fondi alla regione e di qui al comune previa rendicontazione o una legge finanziaria nel frattempo avrà fermato tutto ? E le ditte avranno avuto tutti i certificati a posto o sono in scadenza, perchè altrimenti  si rinvia e le procedure si rifanno da capo.
Dal grande alle piccole cose: vedo in giro fontane e parchi bellissimi (camminate su un selciato che riporta i nomi dei donatori che – esentasse – hanno a migliaia finanziato i lavori pubblici più diversi…) e penso alla nostra  piazza Città Gemellate dove c’è voluto più di un anno di iter burocratico per realizzare una fontanella che va quando vuole, con lavori rifatti due volte perché fatti male e che si rompono già, lavori che peraltro ne rifacevano altri fatti malissimo solo pochi anni prima e rimasti  incompleti,  con giochi per i bambini subito rovinati dai vandali. Quanta amarezza nel sentirsi impotente con i cittadini che giustamente se la prendono con te e tu invano che spieghi la realtà di un sistema avvitato su se stesso che va alla rovina soprattutto per mancanza di senso di responsabilità che viene negata anche a chi avrebbe la volontà di assumersela fino in fondo, in proprio e dall’inizio alla fine. 
Io ci ho provato, ce l’ho messa tutta e mi sono arreso anche per la piccolezza di menti e di persone. Non è superbia, è tristezza, anche se resto convinto di avere ragione e pur rendendomi conto che nessuno è mai profeta in patria: chissà se un giorno soprattutto i giovani di Verbania capiranno le grandi occasioni perse, la voluta mancanza di prospettive. Non si rilancia una città solo con una grande opera, ma neppure una volta l’anno solo con i fuochi artificiali (a proposito: io il 19 aprile avevo trovato 50.000 euro per il Corso dei Fiori dall’Ente Villa Taranto, strano leggere che adesso manchino i soldi …) .
Venire in America come in tante altre nazioni del mondo  (e pensare sempre di più a volerci restare per un bel po’) vuol dire allora respirare, scoprire nuove idee e trovare gente in gamba che guarda all’Italia (se italiani) con disperazione e con rabbia per le tante, troppe occasioni perse.
Agli americani invece quando parli dell’ Italia il viso gli si illumina: tutto è wonderful, ma forse non sanno che Pompei va a pezzi, i musei stanno chiusi (vi immaginate un pezzo degli Uffizi trapiantato qui per sei mesi che pubblicità sarebbe per tutti?). Nel micro-pollaio verbanese poi non solo il museo non ha un minimo vitale di dotazione finanziaria ma nel passato si sono fatti debiti senza programmazione alcuna (vedi casa Ceretti). Così se viene uno da Milano con idee nuove – come Philippe Daverio - lo si fa scappare indignato mettendogli perfino l’attak nelle serrature per non farlo entrare…
Tanti incontri, tutti speciali e diversi l’uno dall’altro. Anche Mariano è venuto qui, anche Paola: adesso stanno a Portland e Mariano progetta giardini, Paola sta realizzando un progetto di compattazione di archivi elettronici: è l’ “idea creativa” che conta e viene ascoltata.  Due anni fa avevo scritto a 1.350 famiglie verbanesi trasferitesi  all’estero e iscritte all’AIRE: tante loro risposte varrebbero più di qualsiasi sondaggio o programma elettorale, perché spesso spietate nei giudizi e che dovrebbero fare riflettere tutti.  
Forse la cosa migliore sarebbe così dedicare proprio a certi politici (“politici”?!) italiani e soprattutto del VCO un monumento di Seattle realizzato proprio dove un tempo passavano i binari di una ferrovia che dopo molte polemiche fu spostata ed ora corre veloce da un’altra parte.
Sono un insieme di statue – fatte molto bene -  di gente in attesa del treno. Giovani e anziani, uomini, donne e bambini che hanno valige in mano e bauli ai piedi come se il convoglio stesse per arrivare, ma il treno di lì ormai non passerà più. Quelle figure, immobili come…statue, sembrano però non saperlo o forse non lo vogliono sapere perché è più comodo e più semplice fare così. Le statue aspettano, ma il treno corre su altre linee e solo loro continueranno ad aspettarlo invano.

Ho ricevuto questo pezzo da un amico, Marco Zacchera, ex sindaco di Verbania. L'ho pubblicato con piacere visto che condivido i pensieri e anche la sua amarezza nel constatare che il nostro paese sta miseramente affondando e nessuno fa niente per salvarlo. Lo stesso Letta e accoliti nei primi 90 giorni di governo sono stati capaci solo di minchiate e tante parole, fatti nessuno. L'IMU? Solo sospesa, nel senso che passata la tempesta vedrete che ve la ritroverete fra capo e collo ancora, magari con un nome diverso tanto per confermare certe ragioni.

Delaware Paradiso Fiscale



Prossima fermata: Paradiso. Possibilmente fiscale, possibilmente con la speranza che il vorace fisco italico non arrivi anche li. Questo discorso nasce da molto lontano. Nasce dall'analisi di un sistema, il sistema fiscale. Non voglio discutere di quanto sia bello, conveniente e interessante aprire una societa' in Delaware, non in questa fase almeno, e non per parlare del piccolo Stato americano come un paradiso presunto fiscale, semmai una conseguenza, ma affrontare l’argomento attraverso una importante considerazione che nasce molto lontano nel tempo e si è espansa a tal punto da diventare universalmente un apparato dotato di vita propria, tanto vivo da condizionare la vita di ogni abitante del pianeta: il sistema fiscale.

Perche' paghiamo le tasse?

Le tasse si pagano da cosi' tanto tempo che qualcuno ha anche dimenticato il motivo. Lo so che altri verranno a dirmi che le tasse sono un obbligo morale di ogni cittadino che si considera tale. 
Fuffa, autentica fuffa.
Le tasse si pagano perchè la “macchina” dello Stato è impossibilitata a produrre un reddito tale da autofinanziarsi e mantenere se stessa e i componenti di quello Stato che compongono lo Stato stesso.
Lo Stato (tutti gli Stati) non potendo produrre beni per autofinanziarsi, pretende dai cittadini, parte integrante della macchina statale, il pagamento delle tasse intese come tributi e imposte, quindi non solo le tasse propriamente dette ma tutte quelle forme aggiuntive quali per esempio l’IVA giusto per menzionarne una e tralasciandone molte altre. 

È sempre stata questa la ragione per cui siamo stati costretti a pagare le tasse? Naturalmente no.
Nella notte dei tempi il più forte, o il più ricco ma anche quello più furbo, pretendeva dal più debole in tutti i sensi, il pagamento di una gabella affinché potesse finanziare i propri bisogni. Naturalmente al potente non passava nemmeno per l’anticamera del cervello di lavorare per guadagnare abbastanza da mantenersi. Giocoforza lo pretendesse dai deboli e indifesi abitanti della regione, città o solo villaggio dov’egli abitava e imperava. Questa brutta abitudine iniziò quindi attraverso l’uso di un inganno, tu mi paghi e io non ti uccido. 

Certo che poteva anche uccidere, anche e solo a titolo di esempio per gli altri ma, al potente di turno non conveniva molto uccidere tutti, altrimenti a chi avrebbe chiesto il pagamento delle gabelle?
Ecco che a un certo punto questa cattiva abitudine si è trasformata in "il più debole contribuisce con quello che riesce a produrre al più forte affinchè questo lo protegga dai nemici, dai cattivi, dai dragoni, dal cattivo tempo, presagi e farfanterie varie tanto la povera gente di soldi e di spirito, credeva a qualunque storia si raccontasse loro. Ecco che col tempo l’usanza o cattiva abitudine si è trasformata ulteriormente nella pretesa che chi comanda esige, attraverso la legge, la contribuzione del singolo, e dell’impresa al fine di finanziare il bene comune e mantenerlo. Le tasse dunque non sono altro che una pretesa in base a dei concetti astrusi affinché tutti contribuiscano secondo le proprie capacità al mantenimento del bene comune che, al tempo feudale era il feudo, la fortezza a protezione del feudo stesso, in tempi moderni lo Stato come protezione e aggregazione di genti che parlano la stessa lingua, hanno le stesse abitudini, si interfacciano tra loro e tutti insieme producono un reddito. Ecco dunque le tasse! L’esistenza stessa delle tasse sarebbe in effetti una congettura, esistono perché servono a mantenere in funzione una macchina statale che per funzionare si fa pagare da chi la utilizza oboli e contributi secondo l’uso che se ne fa di quella macchina.

Mi spiego. Le tasse, nel caso attuale e moderno di uno Stato di diritto, contribuiscono a mantenere un’organizzazione che si occupa delle comunicazioni, dei trasporti, della viabilità, aggiungiamo la salute pubblica o sanità e poi l’istruzione. Naturalmente diventa necessario aggiungere la difesa dai nemici dello Stato e della grande comunità aggregata di cui quello Stato fa parte. Bene, questi sono i pilastri fondamentali sui quale si regge concretamente ogni comunità. Se contribuisco con una percentuale dei miei ricavi a mantenere questa serie di servizi ecco che io posso usufruirne liberamente proprio perché io stesso ho pagato il servizio. Male perché scopro che i trasporti sono privati, se voglio usarli devo pagare. Anche le comunicazioni sono private, se voglio usarle devo pagare. E continuando scopro che anche le strade sono private, il proprietario è quello Stato di cui io faccio parte ma per percorrerle devo pagare. Se voglio un servizio sanitario adeguato alle mie esigenze ed al livello di cività a cui sono abituato devo pagare. Anche l'istruzione, stesso identico discorso. Ecco che a questo punto saranno molti quelli che si stanno chiedendo per quale motivo dobbiamo pagare le tasse. Le tasse secondo questo discorso molto profondo non dovrebbero dunque esistere.

Capisco che uno Stato, penso a quello italiano, ha mille altre spese e ragioni per pretendere il pagamento del mio contributo necessario al funzionamento della stessa macchina pubblica di cui sopra. Che non ci siano solo le ragioni primarie quali trasporti e comunicazioni e quelle già menzionate ma evidentemente molte altre di cui noi stessi cittadini non comprendiamo la necessità e neppure il bisogno è perfino evidente. E allora per quale motivo la macchina Stato non si organizza al fine di produrre da sola quanto necessita alla macchina stessa per esistere e funzionare? Questo discorso sembrerebbe molto campato in aria a chi legge, forse perché il concetto si è talmente radicato nella comunità che affermare il contrario di quanto creduto fino a questo momento equivale a mettersi contro il sistema stesso. Eppure, se analizziamo bene l’argomento vedrete che esiste un fondamento di verità in tutto questo. Non si tratta più di pagare le tasse per mantenere la macchina statale e farla adeguatamente funzionare affinché possa tutelare il cittadino ma di pagare le tasse per contribuire all’arricchimento di chi fa funzionare lo Stato, e in questo mi permetto di mettere sia il mondo politico sia quelli che fiancheggiano la politica con l’intento di trarne enormi benefici a danno dei più deboli, e penso al sistema bancario!

Non voglio addentrarmi ulteriormente nella questione tributi e imposte, è talmente variegato che servirebbe un’enciclopedia per spiegare tutto l’argomento nei dettagli, questo discorso è introduttivo al successivo che poi da anche il titolo a questo articolo.

Per quale ragione esistono i cosiddetti Paradisi Fiscali?

La definizione di paradiso fiscale è riduttiva, arcaica direi, fuorviante. Non si tratta di un Paradiso ma di un sistema per ridurre l’esposizione fiscale di una azienda, i vantaggi che si possono ricavare non hanno a che fare solo con la tassazione. In senso più ampio, un paradiso fiscale è una giurisdizione che permette di eludere (cioè aggirare in maniera "legale") regole che in un altro Paese sono più restrittive. Oltre a quelle fiscali, quelle bancarie, il riciclaggio del denaro o le normative commerciali e tecniche. E non sono solo italiane le aziende che sono registrate in un Paese cosidetto “paradiso fiscale”. In questo potremmo affermare con sicurezza che tutto il mondo è paese, buona parte delle “Fortune 500”, cioè delle 500 aziende più importanti del pianeta sono registrate in paradisi fiscali. American Airlines, Apple, Bank of America, Coca-Cola, Ford, General Electric, Google, JPMorgan Chase, Wal-Mart tanto per fare qualche nome.

Che tipo di attrazione viene esercitata per invogliare un’azienda a registrarsi in un paradiso fiscale? 
Innanzitutto una tassazione particolarmente bassa o nulla per i soggetti non-residenti. Questa asserzione va letta in maniera differente. Se è pur vero che la tassazione nel paese di registrazione è nulla (solo nel caso di LLC ovvero Limited Liability Company) o molto ridotta (Corporation), va anche considerato che i redditi che ognuna delle aziende produce nella nazione ove opera saranno tassati e tassabili e quindi soggetti a quel processo fiscale che si voleva evitare anche se in questo ambito bisognerebbe puntualizzare e dettagliare. Un vantaggio decisamente più importante è la mancanza di scambio di informazioni con le autorità tributarie di altri Stati e la mancanza di trasparenza e infine il segreto bancario molto spinto, anche se negli ultimi tempi un baluardo del segreto bancario ha iniziato a scricchiolare clamorosamente, parlo della Svizzera che ha iniziato a cadere sotto i colpi di altre nazioni, Stati Uniti in primo luogo.

Viene quindi un dubbio. Il Delaware fa parte degli Stati Uniti d’America, si trova sulla costa orientale non molto distante da Baltimora e Washington DC. Per quale ragione gli USA pretendono la caduta di certi privilegi finanziari e fiscali da parte di nazioni che hanno da sempre rappresentato un baluardo inespugnabile contro i sistemi fiscali di mezzo mondo, e non attuano alcuna politica per fermare o rallentare, o creare degli ostacoli legali alle aziende che volessero registrare un’azienda in uno degli Stati dell’Unione compreso evidentemente il Delaware che attuano politiche favorevoli, paradisiache quasi allo stesso livello di quelli che il potere centrale americano vuole fermare?

Una ragione esiste, e naturalmente è strettamente legata all’economia. Non è vero che le tasse non si pagano in Delaware, nel Wyoming, o in Nevada, tanto per restare negli USA. Si pagano anche lì, ma a livelli inferiori rispetto a quelli italiani per esempio, dove una impresa viene tassata con tassi che sfiorano il cinquanta per cento dei ricavi netti. In Delaware la tassa sui ricavi di una Corporation quindi escluse le LLC,  si posiziona all’8,7% rendendo, di fatto, conveniente per qualsiasi impresa l’essere registrati lì piuttosto che in Italia. Con questo sistema si incassano le tasse senza che lo Stato spenda un solo dollaro per contribuire al funzionamento dell’impresa estera, che non utilizza risorse ne servizi locali, non consuma e non inquina, non esiste se non su un pezzo di carta apostillata e autenticata con un timbro in oro. 

Tutto chiaro?

Attualmente i paesi compresi nella black list del ministero delle Finanze sono questi, come potrete notare non è menzionato il Delaware:

Alderney
Andorra
Anguilla
Antigua e Barbuda
Antille Olandesi
Aruba
Bahamas
Bahrein
Barbados
Belize
Bermuda
Brunei
Costa Rica
Dominica
Emirati Arabi Uniti
Ecuador
Filippine
Gibilterra
Gibuti
Grenada
Guernsey
Hong Kong
Isola di Man
Isole Cayman
Isole Cook
Isole Marshall
Isole Vergini Britanniche
Jersey
Libano
Liberia
Liechtenstein
Macao
Malaysia
Maldive
Mauritius
Monserrat
Nauru
Niue
Oman
Panama
Polinesia Francese
Monaco
San Marino 
Sark
Samoa
Seychelles
Singapore
Saint Kitts e Nevis
Saint Lucia
Saint Vincent e Grenadine
Svizzera
Taiwan
Tonga
Turks e Caicos
Tuvalu
Uruguay
Vanuatu

2013/06/10

Il coccodrillo

Il coccodrillo è quello di quella storiella che raccontiamo spesso ai nostri figli. Quando mangia e si riempie la pancia sembrerebbe che pianga. In realtà sono gli occhi che lacrimano copiosamente a causa del grande sforzo che l'animale fa dopo aver ingurgitato la vittima, pressochè intera. Infatti non masticano, i loro denti non servono a masticare, affilati come rasoi hanno solo la funzione di tagliare le membra delle vittime, insieme alle grandi mandibole che, con una forza spaventosa, spezzano loro le ossa, in modo che il passaggio dalla bocca allo stomaco avvenga facilmente e la digestione sia facilitata. Il coccodrillo non è poi molto diverso dal serpente, quando ingoia intera la preda diventa preda a sua di un cacciatore più forte e agguerrito. Del resto entrambi fanno parte della grande famiglia dei rettili.

Il detto "piangere lacrime di coccodrillo" deriva da un famoso mito, della notte dei tempi, patrimonio di culture anche diverse dalla nostra, Inglesi e Francesi, anche le popolazioni del nord Europa e mi risulta quelle asiatiche ricordano questo detto, segno che tutto il mondo ha simili tradizioni. Dicevo questo mito che narra di un'abitudine comune a tutti i coccodrilli, ovvero quella di piangere frequentemente: questi anfibi verserebbero lacrime ogni volta che uccidono le loro prede, poiché assaliti dal senso di colpa; le femmine, inoltre, piangerebbero anche quando sono costrette a cibarsi dei propri figli. Vale la pena di precisarlo: si tratta solo di un mito, anche se questo ha ispirato persino William Shakespeare che nell’Othello scrive "Demonio, sì, demonio! Se la terra potesse partorire fecondata da lacrime di femmina, ogni goccia sarebbe un coccodrillo".

Che dire dunque? Il politico nell'immagine credo che lo conoscano tutti. E' il famoso Gianni Alemanno di professione Sindaco di Roma, anzi, ex-sindaco di Roma appena scalzato, direi staccato a forza dalla poltrona che occupava, dal concorrente di altro partito, dell'altra parte della barricata tale Ignazio Marino. Alemanno si è messo a piangere, lacrime di coccodrillo ovviamente, mentre doveva pensare prima delle elezioni come comportarsi affinché i romani che l'avevano votato cinque anni fa lo rivotassero. I soliti smemorati, e i politici non sono da meno, mi dicono che il Gianni Alemanno avesse pianto, virtualmente, anche al momento delle elezioni, sofferte, di febbraio, quando l'incombente nuovo esecutivo -in verità tutti i partiti del parlamento- si prefiguravano nella veste di eletti al parlamento, dichiararono che avrebbero cancellato l'IMU. Il Gianni Alemanno aveva anche rincarato la dose augurandosi che l'imminente governo cancellasse l'iniqua tassa sulla prima casa. Sappiamo benissimo come sia andata a finire. Sedotti, gabbati e abbandonati. 

Questo era quanto aveva dichiarato l'allora sindaco di Roma coccodrillo piangente oggi. Sindaco che al tempo prefigurava il proprio partito vincitore delle elezioni di febbraio contro chi, parliamo del famigerato governo Monti, era considerato responsabile della tassa votata e stravotata da tutti i partiti, compreso quello di Alemanno, che appoggiavano il governo tecnico.

I miei affezionati lettori ora potrebbero accusarmi di essere un volta gabbana, uno spergiuro, un falso avendo io scritto spesso e volentieri che in questo forum non si sarebbe parlato mai di politica se non, è il caso di dirlo e ripeterlo, per ergerla a caricatura, a burla di un certo modo di essere e parlare. Viro subito rapidamente verso l'argomento di cui ho intenzione di disquisire, spero abbastanza tagliente e magari offensivo affinché chi ha orecchie per intendere intenda e tutti gli altri si divertano e basta. Non è di politica, o forse si ma non nel senso più stretto del termine, che io voglio parlare stasera, ma dell'infame abitudine italica di voltare le spalle al passato salvo poi riconoscere l'infamia del presente e mitizzare il passato con il classico "Si stava meglio quando credevamo di stare peggio."

Purtroppo l'italiano non impara mai, mio nonno diceva sempre "si stava meglio quando credevamo di stare peggio" e lui si riferiva alla monarchia prima del fascismo, mio padre diceva lo stesso ma lui si riferiva al fascismo. Adesso leggo la stessa frase riferita a certi italiani che cominciano a rimpiangere il Berlusconi, bypassando Monti detto anche Rigor Montis, e dimenticandosi che Letta ancora non ha dimostrato un fico secco del programma che pure si era impegnato a rispettare, segno che tutto sommato chi sta al governo seduto nello scranno più alto del parlamento, in effetti pensa prima di tutto a risolvere i propri interessi e di conseguenza e marginalmente quelli degli italiani, se sono coincidenti con i propri, altrimenti si arrangino attaccandosi al tram e fischiando in curva.

Gli italiani sono sempre passati attraverso rivoluzioni e cambi di potere, nella storia italica dai Romani in poi (i romani antichi intendo e non gli scansafatiche, e non si offendano i romani veri, di oggi fra i quali mi pongo io stesso essendo nato in quel di Roma), si sono alternati comandanti e re, presidenti e imperatori, granduchi e principi e pure i Papi e tutti, ma proprio tutti se ne sono altamente fregati del bene del popolino, tasse a parte, pensando esclusivamente al proprio tornaconto, a riempirsi la pancia e le casse (forti) di casa propria, a depredare la penisola di ricchezze e tesori. E la solfa non è mai cambiata, e nemmeno i ricchi che non bazzicano dalle parti di Palazzo Chigi, si comportano diversamente. I ricchi in Italia son sempre gli stessi, le grandi famiglie che si dividono la torta in parti mai uguali pronti a scannarsi alla prossima grande occasione sono sempre le soltie, vedasi l’Alitalia, la Sip ora Tim e forse ha cambiato nome un altro paio di volte. Stiamo prendendoci in giro? Prendiamoci. 

Si stava meglio quando credevamo di stare peggio, perché il nuovo non impara mai dal vecchio, e così chi arriva dopo non va a vedere per quale motivo lui ha scalzato chi c'era prima, non pensa che agire meglio sia sicurezza per restare, per essere rieletto e entrare nel cuore della gente per anni e anni. No. Chi arriva a potersi sedere nelle poltrone che contano, si assicura prima di tutto di avere una adeguata quantità di Attack in modo di non correre il rischio di essere staccato e buttato alle ortiche, poi si organizza per rubare quanto e più del predecessore, perche' se quello si è permesso di rubare, a maggior ragione può il nuovo arrivato che ancora non ha messo mano su nulla (vedasi al proposito, ma si parla di un’altra campana, i due deputati dell’M5S che sono confluiti nel gruppo misto per poter finalmente incassare la diaria che il Beppe nazionale negava loro). Che poi eletti perche' voluti dalla gente, anche se poi si sa come va a finire.

No, l'italiano non impara mai, pensa sempre di risolvere tutto con un bel colpo di spugna, volemose bene e riproviamoci, magari dando un colpo al cerchio e uno alla botte, oggi a te e domani a me con la speranza nascosta, così ben nascosta che la sto cercando ma ancora non mi riesce di trovare, che un giorno si possa dire "Si sta meglio ora di prima quando pensavamo di stare meglio di adesso e invece stavamo peggio."

Pio desiderio!


2013/06/09

Complotti e bufale organizzate



Ogni epoca ha la sua bufala. Quando ero bambino si parlava dell'alieno di Roswell, poi quando sono cresciuto è stato il periodo dei cerchi nel grano e ancora degli UFO (anche se a questi ultimi un po' ci credo), poi fu la storia del finto sbarco sulla Luna, organizzato, dicono le voci complottiste, dalla NASA in un capannone dalle parti di Cape Canaveral e quindi passando attraverso altri complotti organizzati, includendo i poteri forti e le stragi di Stato, passando da Calvi impiccato a Londra sotto il ponte dei Frati Neri, mai associazione di eventi e nomi fu così azzeccata, che fosse anche un buontempone il Calvi? E che dire delle Twin Towers l’11 di settembre 2001 e quegli aerei usati come armi di distruzione di massa. Armi sulle quali tutti noi viaggiamo spesso (chi più e chi meno) e nessuno pensa che realmente siano delle armi, in particolare nelle mani delle persone giuste e non in quelle criminali di terroristi e violentatori.

La bufala in quel caso fu pensare o credere si trattasse di un evento organizzato, penso all’esplosivo che qualcuno affermava di aver visto piazare nell torri gemelle per farle crollare al momento giusto e per giustificare la guerra contro i Talebani, Saddam Hussein e l'Iraq e magari anche con un occhio al regime di Teheran. Bufale, bufale e sempre bufale.

Oggi, complice internet le truffe, i complotti e le bufale riempiono la nostra giornata, conviviamo con esse tanto da arrivare a credere che sia tutto vero quello che ci propinano in nome di una verita' che non e' mai la verita' piuttosto una fandonia addomesticata affinche' i poveri di spirito o creduloni oppure boccaloni abbocchino all'amo e condividano il verbo non si sa bene quanto divino.

Siamo disinformati, ammettiamolo tutti, e in questa disinformazione sguazzano coloro i quali vorrebbero farci credere tutto e il contrario di tutto, poco male se si tratta di argomenti a cui noi crediamo fermamente, quelli insinuano il tarlo del dubbio e va a finire che ciò che pensavamo reale magari non lo è, si tratta di una colossale bufala e nemmeno lo sapevamo. La disinfomazione è il male del nostro tempo, verrebbe da dire secolo ma è appena iniziato, possiamo dire degli ultimi cento anni? Nemmeno, la vera bufala di massa viaggia di pari passo con il sistema comunicativo maggiormente all’avanguardia e allora parliamo di internet, la rete, il web, l’unico vero e incontrollabile sistema per condizionare i polli, non quelli da pollaio che giornalmente finiscono alla griglia o lessati sulle tavole degli italiani e di molti altri cittadini del mondo, no, i polli intesi come i creduloni che ormai pullulano sulla rete, abboccano agli ami tesi da pescatori temerari che li pescano in prevalena su facebook dove, si sa, tutti credono a tutti se lo dice facebook.

E questo è un problema, innanzitutto perché il dilagare di siti di news non professionali causa sempre più disinfomazione che nel tempo diventa realtà, e poi perché diventa sempre più difficile trovare fonti davvero attendibili, tra giornalisti poco professionali, ne conosciamo tanti, molti messi li da qualcuno che..., altri raccomandati da... e senza contare quelli che hanno avuto un’abbondante dse di fortuna nonché di posteriore a mandolino per finire al momento giusto nell’unico posto sbagliato ove potevano capitare, e quindi eccoli qui questi finti giornalisti che non andrebbero bene nemmeno in uno dei miei romanzi che pubblicano articoli senza controllarne le fonti, per non parlare di blogger di parte che pubblicano solo boiate pazzesche che portano proselitismo e naturalmente acqua al loro mulino.

Non c'e' notizia al mondo che non sia stata addomesticata da una fetta di pseudo profeti del giusto e della corretteza, dell'anti frode e antibufala che sono invece disinformati con intenzione e magari anche un pizzico di prevenzione. Questo nostro paradiso della rete un tempo riservato a chi un computer lo sapeva usare per lavorare e produrre si sta lentamente trasformando in un inferno, e col dilagare degli smartphone -da smart che significa intelligente, anzi sveglio, immediato, capace- di facile utilizzo anche per il più pigro dei cretini e l’abbassarsi dei costi di connessione il tutto è destinato a peggiorare. Peggio va con Facebook che distribuisce una pletora di bufale al cubo senza che nessuno, o pochi, si attrezzino per evitare la diffusione di certe notizie.

Ecco perché penso che oggi sono pochi quelli in grado di comprendere con immediatezza l'origine bufalica di certe notizie e avvisare per tempo chi non comprende e prende per vero tutto quello che legge. Internet dovrebbe essere un baluardo di informazioni, una roccaforte della verità che invece troppo spesso difetta, preda di imbroglioni e buontemponi che si dilettano tutti a prenderci per i fondelli, bisognerebbe dire per il culo ma la volgarità non sarebbe ammessa, bisognerebbe organizzarsi passare all’attacco delle bufale piccole o grandi che siano, noi che siamo così bravi a trovare le istruzioni per emulare lo scacciapensieri della nintendo su un pc di ultima generazione invece non siamo capaci di riconoscere la bufala che di nuovo non ha assolutamente nulla, tanto il clichè è sempre lo stesso e la trama anche, il solo fine l’abbiamo già detto quale dovrebbe essere, sentiamoci, anzi sentitevi tutti gabbati, io per fortuna sento puzza di bruciato anche in un tortino alla crema.

Ecco dunque una carrellata di bufale famose e meno famose abbastanza recenti e che facciano sorridere, spero, nello scoprire l’origine bufalina. 

Gli Alieni di Orson Welles 

La bufala più famosa è senza dubbio quella di Orson Welles. Fu ideata per il 1 aprile 1938, il celebre regista americano progettò uno speciale programma radiofonico. A causa di problemi tecnici, però, non fu possibile mandarlo in onda quel giorno. Welles non si arrese e qualche mese dopo, più precisamente il 30 ottobre, la radio trasmise una adattamento radiofonico del romanzo di fantascienza di H.G.Wells "La Guerra dei Mondi": radiocronaca dello sbarco dei marziani.
Welles sapeva che la CBS trasmetteva su frequenze vicine a quelle della più seguita NBC, dove nello stesso momento andavano in onda le trasmissioni di Edgar Bergen e Charlie McCarthy, ma sapeva anche che Bergen, in un momento ben preciso della sua trasmissione, mandava sempre in onda uno stacco musicale durante il quale il pubblico tendeva a cambiare stazione: è in quel momento che Welles decise di far atterrare i suoi marziani. La scelta si rivelò efficace perché gli Stati Uniti piombarono nel caos. I centralini radiofonici delle stazioni di polizia e dei giornali furono invasi da centinaia di telefonate, qualcuno tirò fuori la maschera antigas, le strade si svuotarono e le chiese si riempirono. Secondo la testimonianza di molti collaboratori, tra cui l'assistente personale Alland, l'executive della CBS Davison Taylor piombò in camera di registrazione dopo 15 minuti rivolgendosi a Welles esclamando: "Per Dio, interrompi questo coso! Là fuori la gente è impazzita!". Poco dopo Welles rispose al direttore generale della CBS Paley (giunto in ciabatte e accappatoio) che gli intimò di chiudere la trasmissione: "Interrompere? Perché? Devono avere paura, mi lasci continuare!" Salvo poi dichiarare il contrario in tutte le interviste successive.

Credendo che gli eventi descritti nella trasmissione fossero autentici, gli ascoltatori del programma furono presi dal panico, senza capire che si trattava in realtà di un semplice spettacolo radiofonico. La vicenda narrata nel romanzo venne interpretata da Welles come una reale radiocronaca, con l'unico intento di risultare avvincente per il pubblico. L'adattamento del romanzo simulava infatti un notiziario speciale, che a tratti si inseriva sopra gli altri programmi del palinsesto, per fornire aggiornamenti sull'atterraggio di astronavi marziane a Grovers Mill (New Jersey). Il risultato fu fin troppo realistico e andò oltre le aspettative dell'autore stesso. La vicenda si trasformò tuttavia in un enorme ritorno pubblicitario per Welles, tanto che la RKO si fece avanti proponendogli un contratto per la realizzazione di tre film a Hollywood.

L’Autopsia del Falso Alieno

Nel 1995, decine di milioni di telespettatori di oltre 30 Paesi sparsi in tutto il mondo videro, e in moltissimi credettero, il filmato dell'autopsia di un alieno rocambolescamente ottenuto da un cineoperatore. Il filmato, acquistato e commercializzato dalla Merlin Production, una piccola compagnia di distribuzione video posseduta dal documentarista Ray Santilli, sarebbe stato girato a Roswell (New Mexico) nel 1947.

Da allora, una miriade di esperti si avventò sul filmato, adducendo varie prove che tra testimonianze, contraddizioni ed inconguenze, ne dimostravano la non genuinità. Nel gennaio del 1995, si disse che il filmato doveva includere una scena dell'autopsia con la presenza del Presidente Truman che, insieme ad altre persone, da una finestra di vetro, avrebbe assistito all'autopsia. Nessuno ha mai visto nulla di tutto ciò. Quello che è stato mostrato è assai poco spettacolare, e sarebbe stato piuttosto facile da realizzare. Secondo Trey Stokes, l'intero filmato dell'autopsia dell'alieno si sarebbe potuto realizzare con appena 50.000 dollari, Ray Santilli dichiarò dapprima di aver ottenuto, dal presunto cineoperatore militare autore del filmato, "15 pellicole da 10 minuti ciascuna". Più avanti modificò la versione dicendo che si trattava invece di "22 pellicole da 3 minuti ciascuna". Santilli affermò in seguito che il filmato era su pellicola "a 16 millimetri, in nitrato". La Kodak, tuttavia, non ha mai prodotto pellicole a 16 millimetri in nitrato.

Il turista dell’11 Settembre

L’11 Settembre 2001 un aereo di linea della American Airlines volo AA11, un Boeing 767 per l’esattezza, si infila nella prima delle due torri gemelle di New York, sono le 8:44. A quell’ora la terrazza aperta ai turisti è ancora chiusa, avrebbe dovuto aprire le porte alle 9:30, inutile dire che da quel giorno non fu mai più riaperta. 

La foto di quel fantomatico turista ha fatto il giro del mondo. Sappiamo che qualche buontempone si è divertito ad aggiungere un aereo alla foto e da quel momento l’ignaro turista è diventaro un fenomeno mondiale! Si è poi scoperto che l’uomo della foto è un ragazzo ungherese 25enne di nome Peter.

La teoria del falso sbarco sulla Luna

È il 16 luglio 1969. Un razzo Saturn V decolla dal Kennedy Space Center. Dodici minuti dopo l’Apollo 11 è in orbita. Di li a 4 giorni Neil Armstrong avrebbe pronunciato le storiche parole che tutti ricordiamo: “Un piccolo passo per un uomo, un grande balzo per l’umanità”. La teoria del complotto sull’allunaggio dell’Apollo (detta anche Moon Hoax in inglese) è la tesi secondo cui le missioni del programma Apollo non avrebbero mai portato l’uomo a toccare il suolo lunare e la NASA avrebbe falsificato le prove degli allunaggi, in una cospirazione organizzata assieme al governo degli Stati Uniti, riuscendo a convincere tutto il mondo scientifico, tecnico e giornalistico, nonché il mondo sovietico, all’epoca diretto rivale nella corsa sulla Luna. Questa teoria ha dei sostenitori nonostante sia a disposizione una enorme mole di dati scientifici e tecnici, materiale riportato sulla Terra, video, audio e fotografico. Inoltre esistono prove indipendenti sul reale allunaggio dell’Apollo. Tale teoria del complotto, a partire dal 1976, sostiene che i vari allunaggi presentati all’opinione pubblica mondiale tra il 1969 ed il 1972 non sarebbero mai realmente avvenuti, bensì sarebbero stati messi in scena in uno studio televisivo con l’aiuto degli effetti speciali. Nel 1999 un sondaggio della Gallup ha rilevato che solo il 6% dei cittadini USA ha dubbi sull’allunaggio. Dello storico equipaggio facevano parte, oltre a Neil Armstrong, Michael Collins (nato a Roma classe 1930) e Edwin 'Buzz' Aldrin (si, il personaggio del noto film d’animazione Toy Story, Buzz Ligth Year è proprio ispirato a lui, anche nell’aspetto). La Teoria del complotto lunare fu quella che criticava l'allunaggio come un falso, frutto di una cospirazione organizzata dalla Nasa assieme al governo degli Stati Uniti, nonostante oggi sia a disposizione una enorme mole di dati scientifici e tecnici, materiale riportato sulla Terra, video, audio e fotografico, che testimoniano l'esplorazione del satellite da parte dell'uomo.

La teoria delle Scie Chimiche

Le scie chimiche sono uno dei temi più in voga del complottismo moderno. I sostenitori di questa fantasiosa teoria hanno anche un sito internet pieno di oscure macchinazioni e presunti retroscena assai deliranti. Secondo costoro le scie di condensazione degli aerei sono composte da sostanze chimiche dannose all’ambiente. A tirare le fila di tutto ciò gli immancabili americani, chissà perché una bufala non è bella se non ci sono gli americani, a cui potremmo aggiungere il fantomatico progetto HAARP, incaricato di investigare le possibilità di manipolare il clima attraverso radiazioni elettromagnetiche o sostanze chimiche. Non si capisce per quale motivo si dovrebbero spargere nell’ambiente sostanze chimiche di ignota origine e capacità al solo fine di condizionare la vita delle persone. Forse costoro non sanno o non capiscono che la vera forza dei potenti sono le popolazioni inermi, disponibili sempre, se uccidessero tutti con chi potrebbero esercitare la propria forza e potere? Tale progetto sarebbe finalizzato a usare il clima come arma di guerra, nel senso di influenzare il meteo fino a far piovere di meno o di più nei territori ostili, e quindi creare disastri naturali.

Tralasciamo le panzane dei complottisti e passiamo a quello che afferma la scienza a proposite di queste ipotetiche scie chimiche. Intanto sono scie di condensazione e si possono formare a qualunque altezza e temperatura, tutto dipende dalla densità dell’atmosfera, dall’umidità, dal vento, dalla velocità dell’aeromobile. La durata nel cielo dipende fortemente dall’umidità ma anche dal vento, che a quelle altezze spira anche a velocità notevoli, anche oltre 200 kmh. Le scie formate dai gas di scarico dell’aereo, dette scie di condensazione, si formano di norma tra -25°C e -45°C e sono dovute al rapido raffreddamento dei gas di scarico dell’aereo, tra i quali abbiamo il vapore acqueo. Se c’è abbastanza umidità in atmosfera e se si aggiunge la presenza di polveri, le scie di condensazione possono durare anche delle ore, come se fossero delle nuvole.

I primi seri studi sulle scie di condensazione avvennero nel 1920 e si intensificarono negli anni a seguire durante la seconda guerra mondiale. Dal punto di vista strategico, infatti, le “contrails” (nome tecnico che identifica le scie di condensazione) erano un aspetto altamente negativo che vanificava totalmente l’effetto sorpresa derivante dalla guerra aerea. I bombardieri ad alta quota venivano avvistati con grande anticipo proprio a causa delle scie di vapore prodotte dai loro motori. Questo problema, fonte di numerosissimi studi, non è mai stato risolto, dal momento che esso scaturisce da un evento fisico naturale dei gas caldi e della combustione a cui non è possibile far fronte in alcun modo. Le scie “contrail” sono composte prevalentemente da acqua sotto forma di minuscoli cristalli di ghiaccio. Il motore (parliamo di quello a reazione, il più usato) emette durante il suo funzionamento un grande quantità di vapore acqueo nell’aria circostante. Questo vapore d’acqua è prodotto durante la combustione del carburante. Vengono anche emesse dal motore particelle minuscole (aerosol), che formano una superficie sulla quale possono formarsi le piccole gocce d’acqua. Si tratta comunque di una dose minima. Le contrails si formano quando queste gocce d’acqua gelano all’istante formando una lunga scia formata da aghi di ghiaccio. Un altro fattore che influisce sulla formazione delle scie è l’umidità atmosferica. Se c’è poca umidità le scie evaporano rapidamente; queste si chiamano scie di corta durata. Se c’è molta umidità, la scia continuerà a crescere: queste si chiamano scie persistenti. Queste ultime possono resistere per parecchie ore e possono crescere notevolmente in larghezza ed altezza. Possono anche espandersi notevolmente per effetto dei venti alla quota di volo, e quando succede queste scie divengono in seguito impossibili da distinguere da un Cirro naturale.

Che poi scienziati, meteorologi, militari, Cia, governi degli Stati, piloti di linea, compagnie aeree, controllori di volo e chi ne ha più ne metta siano tutti complici di un gigantesco complotto, è abbastanza inverosimile: è alquanto improbabile che una cerchia così imponente di persone e senza contare le famiglie di questi individui, le cerchie anche allargate di amici e conoscenti, possa mantenere il silenzio su argomenti così controversi. Una fuga di notizie accadrebbe con cadenza giornaliera.

21 dicembre 2012: la grande bufala della fine del mondo

Libri, trasmissioni televisive e film hanno spiegato e ripetuto alla nausea che il mondo sarebbe terminato il 21 dicembre 2012. Al proposito anche un libro ricco di particolari per prepararci al drammatico evento. Evento assicurato, dicevano presunti esperti di fama mondiale (esperti di cui nessuno aveva sentito parlare prima) che fosse una profezia degli antichi Maya. Che cosa c’era di vero? Per rispondere con una parola sola: nulla. Anche ammettendo che gli antichi Maya avessero davvero previsto la fine del mondo per il 21 dicembre di un anno che, a conti fatti poteva essere identificato come nel 2012, nessuno avrebbe potuto garantire che questa profezia avesse potuto avverarsi, nemmeno gli antichi Maya perché basata su calcoli matematici soggetti a errori abbastanza frequenti quando si lavora con un computer figuriamoci per quelli a mano effettuati dai Maya. La cultura e le credenze dei Maya non sono “la verità” è bizzarro che qualcuno l’abbia presa come verità. Ma i Maya hanno, in effetti, previsto la fine del mondo per il 21 dicembre 2012? No. Si trattava di una teoria inventata da un teorico del New Age nato in Messico ma cittadino statunitense, José Argüelles, a partire dagli anni 1970 e illustrata particolarmente nel suo volume del 1987 The Mayan Factor (in italiano Il fattore maya. La via al di là della tecnologia, WIP, Bari 1999). Argüelles aveva ottenuto un dottorato e tenuto corsi in varie università anche in Italia per illustrare la sua teoria, anche se la sua materia era la storia dell’arte, non l’archeologia e nemmeno la cultura Maya. Inoltre egli, anni dopo, francamente dichiarò che molte sue teorie derivavano da “visioni” che avrebbe avuto sotto l’influsso dell’LSD. Neppure un solo specialista accademico dei Maya ha mai preso sul serio Argüelles o le sue teorie sul 2012 e “ciarlatano” non è neppure la più severa fra le molte espressioni sgradevoli che la comunità accademica ha usato nei suoi confronti.

Concludendo

I testi e i materiali che si trovano sul web sono tanti, potrei dire troppi oppure che troppa gente crede di sapere tutto o molto e lo scrive online influenzando le persone che, nonostante viviamo in un’era moderna, sono ancora credulone. L’accrescere di siti disinformati e poco professionali fa si che ormai se cerchiamo notizie attendibili usando mamma Google dobbiamo arrivare fino alla terza pagina dei risultati per vedere i primi siti attendibili, le prime due pagine sono spesso solo risultati di parte infondati e inattendibili e spesso anche Wikipedia fornisce informazioni false, arrangiate, manipolate e spesso errate. Bisogna spiegare a tutti ma questo è spesso impossibile, far capire alla gente che Google non è la Treccani e che se cerca cellule staminali, metodo Di Bella (che pure si è rivelato con qualche fondamento di verità), scie chimiche non è che i primi risultati che ottiene siano il Verbo, ma solo i siti più visitati perché la gente è credulona.

Correggere le notizie inesatte, segnalare a chi ha scritto dove sta sbagliando, evidenziare quando si tratta solo di bufale, e condividere con altri e col resto del mondo, le informazioni relative alla nuova bufala, imbroglio o semplice catena moderna di Sant’Antonio, dovrebbe essere una regola, dovrebbe servire a fermare gli imbecilli che, sappiamo benissimo, abbondano a questo mondo e vi appestano ogni giorno con le proprie boiate!

Dovrebbe, purtroppo la madre degli imbecilli è sempre incinta e ogni giorno ne nasce uno che crede di essere meglio degli altri. 

State attenti a quello che leggete, mi raccomando.

2013/06/07

Cent'anni

Io e mio padre, 57 anni fa, avevo 3 anni appena compiuti 
Eccoci qui, sono trascorsi cento anni. C-E-N-T-O anni, un numero infinito, difficile anche da pensare e considerare. Anche se oggi la gente arriva abbastanza facilmente a cento anni, non che siano tutti di questa venereanda età ma centenari se ne incontrano tutti i giorni, ovunque noi viviamo.
Cent'anni come il libro del mio scrittore preferito Gabriel Garcia Marquez.
Era il 7 giugno 1913, Sergio Balacco, mio nonno, si recò alla casa comunale per dichiarare la nascita del suo terzo figlio, o forse il quarto perché come raccontava spesso mio padre prima di lui era nato un altro fratello morto quasi subito, ancora prima di compiere un anno, cioè mio padre Antonio, avvenuta, presumibilmente lo stesso giorno, il condizionale è d’obbligo e non posso che romanzare questo episodio datosi che tutti i protagonisti di quella storia sono passati a miglior vita. Dicevamo che fu registrata la nascita di mio padre, frutto dell'amore coltivato da mio nonno con la consorte Gesummina Carbone detta Mina, frutto che non sarebbe stato l'ultimo, visto che dopo di lui nacquero due sorelle e questo nonostante il nonno non fosse più tanto giovane. Alla formalità burocratica della ricezione della denuncia della nascita, poiché il sindaco era assente, inattesi impegni l’avevano trattenuto altrove, provvide l'addetto all’anagrafe che non ho la benché minima idea come si chiamasse e detto fra noi non è che importi poi molto. Fatto sta che lui fu registrato, con l'assistenza dei testimoni di rito.
Mi perdo nei ricordi che non ho mai avuto o forse ho dimenticato anzitempo, magari perché nessuno ricordava con precisione quello che successe, e tralascio o cancello con un tratto di penna il numero di registrazione anche se, sono quasi certo, quando mio padre nacque non vi furono troppe registrazioni, il paese era piccolo, le famiglie per la maggior parte povere, il nonno rappresentava un’eccezione e forse uno dei pochi che le regole le rispettava. Oggi, cento anni fa, da quella casa dove vide la luce del giorno, il 7 di giugno dove essere una giornata calda, non dico afosa certamente calda e lui, mio padre vide la luce e tutto prese vita anche nei suoi occhi. Come posso immaginare mio padre un bimbo, come mio figlio quando nacque. Non so, posso solo immaginare perché i bimbi alla nascita si assomigliano tutti e lui era piccolo e indifeso proprio come suo nipote quando nacque. E in quella casa si levarono, padre mio, i tuoi vagiti. Posso solo immaginare. 

E da quel giorno sono trascorsi ben cento anni, di cui vissuti da te solo 68! La pletora di infiniti ricordi che scaturiscono dalla mia penna virtuale mi terrebbe bloccato qui a scrivere senza sosta un romanzo parlando di te. Ma io, come te, debbo assolvere al dovere di continuare a lavorare. E, sono sicuro che non te la prenderai, se non vengo davanti alla tua lapide in raccoglimento a portarti un mazzo di fiori, anche perché sarebbe un lungo viaggio visto che oggi io e la mia famiglia abitiamo molto lontano da dove abiti e abiterai tu per l’eternità, e quindi accetterai che rivolga a te, da lontano, il mio pensiero ed il mio affetto.
Ti voglio bene papà, un grande abbraccio ti giunga come se tu fossi qui a riceverlo. 
Tuo figlio Sergio.


2013/06/03

Chanel No. 3

Chanel 3: alcuni disegni anche se "ispirati", sono il frutto della voglia del momento di imparare a guardare un paesaggio o una scena con i propri occhi. Altri sono esplosivi. Vengono senza pensare con 2 tratti di pennello, nascono così in pochissimo tempo... Chanel 3 è così. La cosa più bella che mi è accaduta quando ho deciso che era finito è che mi stavo chiedendo se l'avevo fatto io.

C’è chi dice che il racconto sia una delle forme letterarie più difficili, e io mi sono sempre chiesto il perché di questa convinzione, visto che a me pare uno dei modi più spontanei e fondamentali dell’espressione umana. Dopotutto, uno comincia ad ascoltare e a raccontare storie sin da piccolo, senza trovarci nulla di particolarmente complicato. Tutti raccontiamo storie da una vita, fin dall’infanzia quando ci si inventava storie da raccontare a mamma e papà per giustificare le marachelle. 

La storia che vi voglio oggi raccontare riguarda un’amicizia, l’inizio di una bella amicizia nata in modo casuale, direi pittoresco, una amicizia vera e spontanea, di reciproco rispetto eppure di confidenza, di complicità. Qualcuno ebbe a dire tempo fa che la sintesi è indizio di genialità. La sintesi di una amicizia quali indizi porta? Un rapporto spazio tempo situato in un punto qualsiasi del nostro universo personale e temporale al cui interno si muovono le figure che si incontrano, avvicinano e allontanano senza che noi possiamo o vogliamo far nulla per cambiare il corso delle cose? Mi muovo dunque in uno spazio limitato; racconto questa storia nel modo più conciso possibile eppure affascino, o mi illudo di affascinare e attrarre il lettore affinché abbia a gioire con me del ricordo di un’amicizia nascente che ancora pervade come un’alea di mistero su tutto. Amicizia è rispetto.

Era giugno inoltrato, dalle parti di Civitavecchia. Banalmente parto da un incontro di lavoro. Le consuetudini, le regole, sono sempre le stesse, giacca, cravatta, sorridere sempre anche quando sembra che vada tutto a rotoli, positività a vagonate, da una parte un cliente da convincere, dall’altra un venditore che deve convincere. Il fine è sempre lo stesso: vendere. Non importa se frigoriferi agli eschimesi o forni agli africani, la capacità del venditore è vendere e per farlo l’aspetto è uno dei più considerati.

Lui arrivò in pantaloni corti, al ginocchio, una specie di eleganti bermuda, scarpe basse tipo timberland, camicia e palmare, una borsa se ben ricordo. Occhiali da sole, qualche brochure, tanto per rendere l’idea, il resto tutto in testa. Decisi su due piedi che potevo fidarmi, non chiedetemi perché, sapevo che sarebbe stata la scelta migliore e così fu. E siccome da cosa nasce cosa ecco che siamo diventati amici, e quest’amicizia seppure da lontano, perché la vita divide, continua ancora oggi che son passati anni.

I dipinti che seguono sono frutto dell’ingegno e dell’arte della sua compagna di vita, una volta si assegnava d’ufficio un matrimonio per forza, anche se non c’era, perché certe consuetudini sono dure a morire, invece le persone restano legate anche senza il pezzo di carta, se c’è l’amore tutto il resto non conta.



Godiamoci la carrellata di dipinti di Federica Mele, oggi sono pochi a sapere chi è ma domani...
Un giorno di pioggia: Piove, alza lo sguardo, piove dentro i tuoi occhi.
Cammina solitaria, il tuo impermeabile rosso   ti protegge.
 L'indifferenza: Essere vicini non vuol dire camminare insieme


L'incontro. Ci si incontra, così per caso, in un giorno di pioggia uno scambio di sguardi,
gocce che cadono ad una ad una si mescolano, si asciugano. Non resta nulla.

Tentazioni pericolose, in realtà questo acquarello mi è stato commissionato da un
amico diventato scrittore. È stato un momento emozionante.

Pericolosa tentazione. Mi veniva in mente l'ultima frase della poesia l'infinito di Leopardi: "e il naufragar m'è dolce in questo mare". Avrei voluto naufragare dolcemente in questo stagno.

31 dicembre 2012: silenzio, crepitio di foglie, solitudine nel parco.
Un vento gelido accompagna la fine del vecchio anno e nessuna speranza riscalda il nuovo.

La terrazza di Enza: Adoro Grottaglie e le sue Ceramiche.
Il sud di Italia possiede una bellezza e una creatività che nessuno riuscirà mai ad eguagliare.