<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/09/27

New York


Non c'è nulla di più fantastico della Grande Mela, il top del top, New York, New York. Dove vive una popolazione sterminata, spesso afflitta da problemi sociali, dove ricchi e straricchi vivono non molto distanti dai poveri, dove nonostante la ricchezza ostentata trovi tutti gli aspetti dell'esistenza umana e anche oltre.
New York, un caleidoscopio di suoni, colori, voci, visi. Con musei di fama mondiale, le grandi statue, gli edifici immensi, gli altissimi grattacieli, grandi eccessi, emozioni ma anche grandi tragedie umane, delusioni, fallimenti. 

New York cambia ogni minuto e tu cambi con lei e se non sei veloce ecco che ti schiaccia.

New York è un condensato di umanità; il fatto che le persone vivano stipate l'una sopra l'altra conferisce ai newyorchesi quel qualcosa in più. È difficile comprendere quale sia l'ingrediente principale di questo cocktail esplosivo, tuttavia la dimensione iperattiva della città attira sempre più esseri umani. 

New York City è tutto quello che vuoi che sia, ma non importa come la vivi, ricordati che essa può distruggerti. Può trasformare una persona in un invalido mentale velocemente, esattamente come ti trasforma in un manager vincente. Succede tutto senza che tu ne accorga: oggi sei un nulla, domani tocchi il cielo con un dito, sei famoso. Alcune persone possono lasciare un segno, ringraziate la città, altri non possono, non riescono per quanti sforzi facciano.  

Ma questa città, la Grande Mela, come volete chiamarla, saprà trasformare le persone in animali brutti e sporchi. E c'è di peggio, la gente odia gli animali brutti e sporchi. Ho letto una teoria riguardo come nascono i senzatetto in questa città che attira i senzatetto. Persone normali, ieri uomini d'affari, impiegati di successo, managers, gente comune che ha lavorato e avuto una vita. 

Ecco che poi, qualcosa scatta dentro di loro. E si suppone che sia non uno spettacolo glorioso. Urla, urla e pugni all'aria. Camicie strappate e vetri rotti. Confusione. Angoscia. I bambini piangono. Vecchie signore rantolano. I giovani ridono, ecco il mondo progredisce e chi non sa ben afferrarsi al mondo cade, rotola, si danna, si sporca, ecco che non sa rialzarsi, tornare a correre, essere un vincente. E perdono tutto, casa, lavoro, famiglia. Un'animazione di colori vorticosi in aria. La causa? La città. I ritmi frenetici, il desiderio di primeggiare, un rullo compressore che avanza e ti schiaccia e devi continuare a correre se vuoi salvarti.

New York è lìdieci anni di questo luogo possono trasformare l'anima più gentile in un buco nero di insofferenza e rabbia. Forse è stata una brutta tazza di caffè, un paraurti ammaccato, il tempo o di vedersi scippare la borsa o il computer da un ragazzo su uno scooter. Potrebbe essere qualsiasi cosa che spinge una persona fuori dal proprio ambiente, protetto, caldo, simpatico. La spinge fuori, un calcio ben assestato nel sedere e quello cade, cade e non si rialza più.

Potrebbe accadere in qualsiasi momento. La città non ha fretta, aspetta sorniona l'evolversi degli eventi che ti riguardano. Oggi sei un dio domani un poveraccio e niente cambia e tutto cambia, velocemente come era iniziato ecco che finisce. 

Addio sogni di gloria, la tua gloria si è persa in qualche vicolo e tu sei con la faccia nella polvere e davanti a te c'è solo il nulla e la Grande Mela, New York ragazzi, New York!
La città crea un mondo di nemici, una nemesi, nemici e la concorrenza intorno ad ogni persona. New York City è un'avventura. E anche se può distruggere alcune persone, non si può ottenere tutto. Si tratta di un racconto epico, un gioco che nasce e cresce tutti i giorni. 

Non esiste un luogo migliore per farsi assorbire la vita, la creatività e le idee. New York è il luogo dove gli uomini vanno a cercare loro stessi per capire chi sono. 

New York è la storia della natura umana.

2013/09/23

BERLUSCONI


Non è mia abitudine commentare fatti politici su questo blog, la prima ragione era che volevo separare la politica dai fatti di questo mondo, la seconda per non cadere nelle ripetizioni a catena che si osservano ormai tutti i giorni sul web oppure si ascoltano per strada, al bar, sul luogo di lavoro, al supermercato. Insomma un tormentone.

Questa volta mi soffermo sul casus belli di Silvio Berlusconi e della nuova Forza Italia.

Un amico (che saluto) mi ha inviato il videomessaggio di Berlusconi affinchè lo guardassi. Confesso che non era nelle mie intenzioni, anzi gioivo del fatto che dove abito e lavoro non si ricevono (per scelta) i canali italiani. Chiamato a guardarlo e a produrre un commento, sono stato costretto a modificare il mio iniziale pensiero. Ho quindi visto e rivisto il videomessaggio di Berlusconi per coglierne le sfumature. Non mi è piaciuto e trovo necessarie due premesse prima di esprimere sommessamente le mie critiche.

La prima è che mi sono convinto che Berlusconi abbia ragione quando sostiene che contro di lui e le sue aziende- e a prescindere da fatti specifici, su alcuni dei quali è probabilmente colpevole – da ormai quasi 20 anni sia in atto da anni una forte pressione della Magistratura per farlo condannare ed allontanarlo dalla politica. Ci provarono invano già nel 1994, hanno insistito con migliaia di perquisizioni, intercettazioni, provvedimenti, processi, calendari giudiziari su misura ecc.ecc. come mai si era visto a carico di un cittadino e con un modo di gestire cause e processi ben diverso da quello applicato (o purtroppo non applicato) a milioni di altri casi. Una giustizia che diventa politica non è uguale per tutti.  

La seconda premessa è che la sua decadenza da senatore è solo una questione di volontà “politica” perché la giustizia, il buon senso e la prudenza avrebbero voluto che il caso fosse prima almeno sottoposto alla Corte Costituzionale essendo illegittimo applicare una pena ad un condannato – chiunque esso sia - se questa pena non è prevista al momento del presunto reato, ma stabilita successivamente. Lo hanno ripetuto innumerevoli giudici ed esperti forensi, era un modo onorevole per far decantare la situazione e non compromettere il governo, ma il voto della giunta del Senato sarebbe appunto “politico”e così sarà, dove tutti obbediranno alle proprie necessità e interessi di bandiera, così come avverrà in aula. 

Non prendiamoci allora in giro con altre chiacchiere: l’attacco a Berlusconi è l’unico collante di una sinistra che è a pezzi perfino più del centro-destra. Si doveva condannarlo per toglierselo dai piedi, lo si è fatto e lo si farà. Stop.

Detto questo, sono convinto che Berlusconi abbia intorno a sé una corte di gente che pensa innanzitutto ai propri interessi e quando consiglia evidentemente lo consiglia male: la prova è proprio che mercoledì Berlusconi ha fatto un logoro intervento TV, ripetendo tante volte gli stessi concetti ma senza mai “graffiare” né “bucare il video”, anzi. Soprattutto non ha dato dettagli chiari alla gente con cifre e numeri che sono essenziali per far capire l’entità degli attacchi subiti e per spiegare la campagna giudiziaria che gli si è scatenata contro, ripetendo solo parole replicate mille volte. Mi è apparso statico, gonfio, poco credibile, noioso. 

Sembrava proprio quel discorso, in altri tempi, in un'altra repubblica, del Presidente ormai emerito e pure deceduto Oscar Luigi Scalfaro, quel famoso "Io non ci sto!" che è divenuto proverbiale come “risposta” a cinque giorni dall’arresto di Riccardo Malpica, l’ex potente direttore dei servizi segreti del Sisde. Arresto che era avvenuto nell’ambito di una storia di fondi neri e clientelismi. Malpica disse che Scalfaro negli anni in cui era stato ministro dell’Interno (dal 1983 al 1987) aveva percepito cento milioni di lire al mese dai fondi riservati del servizio segreto civile. Scalfaro in quel discorso parlò di “gioco al massacro” e denunciò come quelle accuse fossero una “rappresaglia” della classe politica travolta da Tangentopoli.

L’errore di fondo di Berlusconi, come Scalfaro, è che, sottolineando la sua innocenza, avrebbe dovuto annunciare le proprie dimissioni nell’interesse del paese. “La legge è ingiusta, sono innocente e indignato, ma accetto i termini della sentenza sapendo che gli italiani capiranno il sopruso politico perpetrato ai miei danni, come tanti cittadini che ingiustamente soffrono per questa malagiustizia italiana”. Pensateci: avrebbe spiazzato gli avversari che lo massacreranno comunque in aula tra 10 giorni, con o senza il voto segreto. 

Dopo aver annunciato comunque il proseguimento del suo impegno politico anche fuori dal Senato il Cavaliere avrebbe potuto dimostrare agli avversari di essere una spanna sopra di loro: malconsigliato, invece, Berlusconi ha perso una grande occasione di dare una sberla in faccia ai suoi detrattori. Ci vuole sempre coraggio ad uscire a testa alta e al tempo giusto. Il Cavaliere poteva farlo ma non ha osato, subirà comunque lo stesso risultato tra poche settimane e non avrà in mano un formidabile argomento elettorale e personale da lasciare ai posteri. (Parentesi leggera: quanti di noi sanno di Socrate? Pochi, ma tutti ricordiamo l’episodio della cicuta che lo ha reso immortale, e per Berlusconi  qui non c’era di mezzo neppure il veleno, solo le dimissioni…)

Altro aspetto che mi ha lasciato perplesso quello dell’annuncio della rinascita di Forza Italia. Qui non pretendo di avere ragione, anche perché ciascuno ha un proprio passato ed io sono orgoglioso del mio, ma non si fa nascere un partito per videomessaggio.
Cavaliere, mi permetta  dirle che non si scioglie di fatto un partito senza un congresso, una assemblea, un dibattito, senza convocare i dirigenti, gli eletti, i responsabili ai vari livelli anche per almeno formalmente ascoltare il loro pensiero. Chiedere e sottolineare queste cose non è “il vecchio modo di fare politica” ma semplicemente chiedere un minimo di democrazia interna perché non è logico calare tutto dall’alto, con un “padre-padrone” che decide (o peggio ancora fa decidere) per tutti senza regole.

Ma non capisce Berlusconi che il “cerchio magico” che gli si stringe non disinteressatamente intorno – e lo si è visto con il video – gli fa fare anche puntualmente brutta figura? Ma non si accorge il Cavaliere che è sempre più isolato dalla gente “vera” tra squali, corvi, falchi, colombe e pitonesse? Uno zoo, sembrerebbe, ma fatto tutto di gente non eletta ma “nominata”?
Non bastava… Ho visto le foto e il video della nuova sede nazionale di Forza Italia a Roma: marmi e stucchi, locali prestigiosi tra arazzi e mosaici in S.Lorenzo in Lucina dove – leggo – gli uffici dei dirigenti più sono vicini al “Capo” e più sottolineano la forza ed il potere di chi ci sta (magari anche solo qualche volta, perché in Via dell’Umiltà gli uffici direzionali del PDL poi spesso erano desolatamente vuoti). 

Perdonatemi, sono io forse fuori dal tempo, ma credo che - soprattutto in questo momento - gli italiani siano contro tutte le sedi con specchi, statue e dorature, esaltazione di tanta forma e poca sostanza. 
Sono forse fuori tempo, per me la politica era quella delle idee, dei dibattiti e delle persone libere, una politica che era soprattutto impegno, militanza, sacrifici, dove non contavano solo i soldi e l’autoincensamento al Capo supremo. Una politica che vuol dire stare in mezzo alle persone, agli elettori, ascoltarli e se possibile aiutarli non con gli slogan ma condividendo i problemi. 

Perché in Italia non ci sono solo i problemi di Berlusconi ma quelli quotidiani di una comunità in difficoltà. Non sono cose così lontane, basterebbe lavorarci sempre per farle vivere e funzionare. Anche le sedi, come i politici, devono sempre avere una “anima” dentro o sono e suonano come campane stonate, e di campane così purtroppo ne sentiamo suonare tante, a tutti i livelli.
Parte male quindi questa “Forza Italia” che 20 anni dopo ripropone lo stesso clichè del ‘94 e per lo meno dimostra poco rispetto per chi nel PDL era giunto dopo aver avuto storie diverse e di cui comunque va fiero. 

Bisognerebbe allora discutere seriamente di queste cose, ma mentre a sinistra si sfasciano tra le liti, a destra non è previsto neppure una qualsiasi forma di dibattito interno. In queste condizioni come possono attrarre l’interesse degli italiani e soprattutto dei giovani che certo non possono essere interessati solo con le vicende pubbliche e private di Berlusconi? 

Credo che per molti sia giunta l’ora di una profonda riflessione.

2013/09/17

Fuga di massa da Tokyo, città radioattiva come Fukushima

La fotografia non si riferisce a Tokyo ma a Hiroshima (con l'accento sulla o), l'unica città insieme a Nakasaki ma in forma minore, che abbia subito danni importanti da radiazione nucleare (oltre allo scoppio di una bomba H la prima al plutonio la seconda). Nella foto si vede la prefettura di Hiroshima, ipocentro dell'esplosione nucleare. Non molto distante da li, esattamente dove la foto è stata scattata c'è una casa, al tempo casa di passaggio per i viaggiatori, oggi testimone di un evento distruttivo. sta ancora li, dopo 68 anni. A Hiroshima nella primavera del 1946, 8 mesi dopo lo scoppio, sono rifioriti gli alberi, i ciliegi che vedete a sinistra nella foto. Segno inequivocabile che la vita riprende anche dopo un evento nucleare grave.


Una premessa è d’obbligo, non è mia abitudine utilizzare il blog per rispondere pubblicamente agli articoli di altri blog o giornali, questa in effetti è la prima volta che lo faccio in modo così diretto, ma ho deciso di fare uno strappo alla “regola” perché, dopo oltre 2 anni di distanza dallo tsunami che ha sconvolto il Giappone e dall’incidente di Fukushima, mi da il voltastomaco vedere gente che non ha ancora smesso di speculare sulla paura e sull’ignoranza. 

Debbichan, nota ad alcuni lettori del Fatto Quotidiano col nome di Debora Billi  è una fra i tanti “giornalisti da riporto” che in questi anni si sono dati da fare per “informare” gli italiani sulla situazione in cui si trova il Giappone post-Fukushima. Quello “da riporto” è l’esemplare di giornalista più diffuso in Italia, che invece di trovare delle vere notizie si limita a riportare le cose scritte da altri giornalisti, che a loro volta riportano cose riportate da altri, in un lungo “passaparola” nel quale a ogni passaggio la notizia (o non-notizia) viene re-interpretata diventando sempre più surreale. Di recente ha fatto il boom sui social network (dove è di moda condividere informazioni senza verificare se siano vere o false) un articolo di Debbichan dal titolo “Nucleare: Tokio ‘irradiata’ quasi quanto Fukushima?“.

Il titolo già di per se è fantastico, ci da una grande lezione di giornalismo: non diamo una notizia ma piuttosto facciamo una domanda ai lettori in modo da catturare la loro attenzione! Quest’anno Godzilla attaccherà Tokyo? L’imperatore del Giappone e Ultraman sono la stessa persona? La salsa di soia rimpiazzerà il petrolio? Il tocco dell’artista consiste nell’usare una parola ad effetto, anche se priva di reale significato, come “irradiata”… però mettiamola fra virgolette così nessuno avrà nulla da ridire! Debbichan è astuta come una faina, la sa più lunga di tutti! E se questo è solo il titolo, chissà cosa ci riserva l’articolo…

Fuga da Tokyo: nel silenzio generale dei media, la capitale giapponese scopre di essere gravemente contaminata dalle radiazioni della centrale nucleare di Fukushima, al punto da aver provocato l’anomalo surriscaldamento del suolo e del fondale marino. Notizie sconcertanti, che Debora Billi ricava dal “Washington Blog”, una delle fonti americane più informate sui fatti di Fukushima: il newsmagazine statunitense ha sempre riportato in tempo reale, fin dai tempi del disastro, le anticipazioni del giapponese “EneNews”. Alla fine del 2012, il “Washington Blog” fa il punto sulla situazione a Tokyo proprio in base ai moltissimi dati di “EneNews”, giungendo ad una serie di inquietanti conclusioni. Una su tutte: nella baia di Tokyo, il cesio è persino più alto di quello di Fukushima e quasi tutto il fondale del mare che bagna la capitale nipponica sarà contaminato entro il 2014.

«Tokyo – prosegue Debora Billi, citando i due media indipendenti – sta continuando a subire un fallout radioattivo 5 volte superiore a quello delle prefetture più vicine a Fukushima». Secondo il “Japan Times”, l’area metropolitana di Tokyo è una bomba a tempo: «Gli esperti avvisano dell’accumulo della contaminazione da Fukushima, e del potenziale disastro al secondo più grande lago giapponese». Poi il suolo: il terreno di Tokyo è così caldo che dovrebbe essere mandato in una discarica per rifiuti speciali, sostengono i tecnici. «Secondo un esperto giapponese – aggiunge la Billi – oltre alla fuga dalle prefetture vicine a Fukushima, sempre più cittadini stanno abbandonando Tokyo». La “fuga” dalla capitale del Sol Levante sarebbe ormai un fenomeno riscontrabile: gli abitanti della megalopoli ormai hanno paura e non si fidano più della verità ufficiale.


“Gli abitanti di Tokio cominciano a fare i conti con le conseguenze dell’apocalisse di Fukushima, e molti fuggono dalla città”. Un momento, un momento… ho letto bene? L’articolo è datato 30 dicembre 2012, quindi a quasi due anni dall’incidente, con Tokyo in completa sicurezza (è riconosciuto da tutte le misurazioni della radioattività, sia quelle ufficiali che quelle indipendenti, che a Tokyo non vi è alcun pericolo), la gente avrebbe cominciato a fuggire dalla città? Non so se Debbichan abbia mai messo piede a Tokyo in vita sua, ma vi posso garantire che da li nessuno sta scappando.

“Tokio sta continuando a subire un fallout radioattivo 5 volte superiore a quello delle prefetture più vicine a Fukushima”. Tralasciando il fatto che continua a scrivere “Tokio” invece di Tokyo, questa sul fallout è veramente grossa. Quali sarebbero i dati a sostegno di un’affermazione così forte e incredibile? Non ci è dato saperlo, infatti non viene citata nessuna prova e nessuna misurazione che possa dare un minimo di credibilità a quanto scritto.

“Il terreno di Tokio è così caldo che dovrebbe essere mandato in una discarica per rifiuti speciali”. Ma cosa significa così “caldo”? Esiste qualche misurazione che provi che il terreno di Tokyo è radioattivo? Non ci è dato saperlo, anche in questo caso Debbichan la spara grossa ma non ci spiega quali sono le misurazioni che dimostrerebbero questa presunta contaminazione.

“Secondo un esperto giapponese, oltre alla fuga dalle prefetture vicine a Fukushima, sempre più cittadini stanno abbandonando Tokio”. L’esperto giapponese ha un nome e cognome o è un Mr. X a caso? Da Tokyo non mi risulta stia scappando nessuno, sono tutti li, c’è qualche dato che dimostra che i cittadini di Tokyo stiano fuggendo? Provate ad indovinare… non ci è dato saperlo, Debbichan si impegna a spararne una più grossa dell’altra, ma non cita nessun nome e nessun numero, l’unica fonte riportata è quella di un sito web americano chiamato “Washington Blog“.

Duro il mestiere del giornalista, vero? Mettiamoci a leggere un po’ di blog stranieri e quando troviamo una “notizia” che ha un buon potenziale per vendere copie o per portare visitatori sul sito facciamo una bella traduzione dall’inglese all’italiano senza porci il problema di verificarne l’attendibilità, ovviamente aggiungendo qualche personale interpretazione per dare più colore alla storia e tenere i lettori col fiato sospeso.

“I residenti dell’area di Tokio riportano sempre più frequentemente la presenza di cisti e noduli, mentre i dottori minimizzano”. Questa è la più grossa che potesse scrivere, ormai abbiamo capito che di citare qualche dato non se ne parla, ma come si fa a minimizzare qualcosa che non esiste? Nessuno a Tokyo si sognerebbe di affermare che cisti e noduli sono in aumento, a meno di due anni dall’incidente. Anche se, per assurdo, prendessimo per buone le tesi di Debbichan, in seguito ad una contaminazione ci vorrebbero diversi anni prima che comincino a manifestarsi patologie causate dalle radiazioni, e ci vorrebbe ancora più tempo per avere a disposizione dati statistici che dimostrino un’effettivo incremento di queste malattie. Quindi i dottori chiamati in causa, che cosa minimizzano?

“Secondo gli scienziati giapponesi, il quantitativo di radiazioni è “salito in modo significativo” nell’area di Tokio dopo Fukushima”. Lungi da me considerarmi al pari di “scienziati giapponesi”, non meglio identificati, ma se cercate dei dati sulla radioattività di Tokyo ve li posso dare anche io. In questi anni sono state fatte migliaia di misurazioni praticamente in ogni angolo della città, sia da enti governativi che da associazioni indipendenti, oltre che da singoli cittadini. I dati sono disponibili online, e dicono tutti pressapoco la stessa cosa, la radioattività di Tokyo è tutt’oggi a livelli più bassi della gran parte del territorio italiano, è infatti compresa fra 0,02 e 0,08 microsievert/ora. La radioattività di Roma, per fare un esempio, si approssima sui 0,25 microsievert/ora, notevolmente superiore a quella rilevata nella capitale giapponese.

Potrei andare avanti ancora molto ma direi che può bastare, c’è solo un dubbio che rimane: perché mai Debbichan ha deciso di scrivere tutte queste falsità? Che cosa avrebbero da guadagnarci lei e quelli come lei, che diffondono informazioni false sui giornali e sul web?

La ragione si chiama audience, ve lo spiego in due righe conclusive. Se avete un blog provate a scrivere un articolo dal titolo “A Tokyo regna la normalità” e condividetelo sui social network. Poi scrivetene un altro con il titolo “Fuga di massa da Tokyo, città radioattiva come Fukushima” e fate la stessa cosa. Quale dei due secondo voi riceverà più click, like e condivisioni, portando tantissimi visitatori sul sito?

Evviva il web!

fonte italiajapan.net

2013/09/10

Ricordando l'11/9



Sono già passati 12 anni dall'11 settembre 2001, ma sono sicuro che, come me, molti di voi ricorderanno perfettamente cosa stavano facendo quel giorno quando arrivò la notizia dell'attacco alle Torri Gemelle. 
Quel giorno avevo viaggiato in aereo, rientravo dal Kuwait, sulla strada dell’aeroporto diretto a casa mi telefona un amico e mi informa dell’attentato. Sgomento, rabbia forse, prostrazione. Rendersi conto di non essere affatto utili, eppoi ore davanti a quello schermo che s’appiattisce sempre di più mentre snocciola, minuto per minuto tutto l’orrore. 

Niente a New York è come dodici anni fa. Dopo Giuliani è arrivato Bloomberg. Ha piazzato le seggiole su Broadway giù fino a Times Square trasformando il centro del mondo in una paciosa piazza di paese. Sulla vecchia ferrovia sopraelevata High Line, che serviva dal 1934 i 250 mattatoi urbani, c'è un giardino pensile che ingentilisce le putrelle del secolo di ferro, il Novecento, con i fiori selvatici e l'erba aromatica di un XXI secolo appena sbocciato. I taxi si pagano quasi solo con la carta di credito così almeno sono salvi dalle rapine quotidiane a loro danno (i tassisti italiani dovrebbero imparare), il drin drin di un carillon e la mancia è saldata, occhio però che siamo nel dopo crisi e se sforate anche di pochi centesimi il vostro conto, la banca vi piazza 34 dollari di multa, un tassì, un cinema e un caffè fuori budget cento euro. La città è cambiata velocemente.

Gli scolari dell'asilo e della prima elementare non erano ancora nati l'11 settembre del 2001, quando i commandos di al Qaeda, secondo la strategia salafita di Osama bin Laden, colpirono e distrussero le Twin Towers a Manhattan, danneggiarono il Pentagono a Washington e invano provarono a colpire la Casa Bianca, o il Congresso, con un aereo abbattutosi poi in Pennsylvania.

Il mondo è così cambiato che i ragazzini delle scuole, accompagnati da mamma e papà commossi, quando toccherà loro studiarlo al liceo resteranno sbalorditi. La breve solidarietà svanì presto, nelle rigidità ideologiche dei falchi intellettuali di Bush e del suo vice, il duro Cheney, sporcata dalla difesa della tortura del giurista John Yoo e degenerata poi nel carcere di Abu Ghraib. Ma con che fretta si sono smarrite la posticce supremazie morali contro gli yankee, Chirac sostituito da Sarkozy l'Américain e poi Hollande il servo del popolo solo a parole che bastona i ricchi ma non distribuisce ai poveri. Un mancato Robin Hood che perde un punto al giorno nei sondaggi e difficilmente resisterà per un secondo mandato. La cancelliera Merkel nuovo fuhrer europeo che non disdegna alleanze anche con Putin, basta che apra i rubinetti del petrolio, i cinesi intenti a sostenere dittatori dalla Birmania al Sudan, le Nazioni Unite paralizzate dalla burocrazia di Ban Ki Moon e con antisemiti, oppressori e tiranni a spartirsi poltrone. E nel mezzo la Siria che aspetta la mannaia americana.

Oggi come sempre in questi dodici anni i passanti si fermeranno a ricordare i caduti, civili, militari, poliziotti e pompieri e le guerre che da quella strage son venute, in Afghanistan prima e Iraq poi con i loro morti, americani, alleati, iracheni e delle varie tribù afghane. Si prega nelle chiese, nelle sinagoghe e nelle moschee. Si prega nelle scuole, dove ci sono studenti nati in 50 paesi diversi a cui, forse, l’11/9 non ricorda nulla se non tanto rumore e noiosi servizi in tv.

Osama voleva battere non gli Stati Uniti ma la globalizzazione, un mondo tollerante dove fedi e culture possano coesistere nello scambio economico, come aveva previsto il saggio scozzese Adam Smith. Che gli americani infedeli gestissero la propria società a piacimento era per lui ok, come scrisse nel suoi manifesti, peccato per lui che i suoi nemici son stati più furbi, o forse qualcuno ha considerato la taglia sulla sua testa più interessante di una dottrina distruttiva anche se impostata nel rispetto della religione. Bisogna pur mangiare mi si dirà. Osama o non Osama i dollari fanno gola a tutti. L'attacco orrendo di dodici anni fa serviva a intimidire il nemico, persuaderlo a ritirarsi nei propri confini e lasciare la regola della sharia imporsi nell'area dell'antico Califfato. Era la stessa strategia dei giapponesi a Pearl Harbor, non battere gli americani che sapevano troppo più forti, convincerli a lasciare il Pacifico all'impero del Sol Levante.

È passato Bush con la sua guerra al terrorismo, il presidente Barack Obama è stato accolto ovunque con sollievo e simpatia. Ma se l'Iraq è meno prima linea grazie alla strategia del generale Petraeus, clonata su quella vincente degli inglesi in Malesia dal 1948 al 1960 e dei boliviani e Cia contro il Che Guevara nel 1967, l'Afghanistan è guerra di lunga durata. I militari sanno che le tribù talebane non si possono tutte battere e occorre vincere sulle irriducibili e accordarsi con le moderate. La paura dello studioso di Harvard, Graham Allison, è che il prossimo attacco di al Qaeda sia nucleare, magari con materiale «sporco» contrabbandato dal Pakistan. E viene da tremare: se negli Usa tanto forte è stato il contraccolpo dell'11 settembre, come reagirebbe una qualunque delle nostre democrazie a un attacco nucleare? Il dodici settembre 2001 all'accademia militare di West Point una delle più raziocinanti docenti ammoniva i cadetti con un grafico sulla lavagna: più sicurezza implica meno libertà.

Di questi timori New York oggi non dà segno. Meno male direbbe qualcuno. Bloomberg si prepara a lasciare lo scranno, chi subentrerà avrà una pesante eredità sulle spalle, New York non dimentica in fretta, dodici anni dopo sono ancora tutti li a ricordare, qualche lacrima e tanto dolore per chi non è più tra noi.

Ricordo e non sopporto. Non sopporto che in un giorno come questo di ricorrenze si debba sempre tornare a quella valanga di articoli pubblicati, sembra che per un giorno tutti si rattristino e invitino gli altri a ricordare ciò che è successo, ma passate le 24 ore torna tutto nel dimenticatoio. E non sopporto neppure le frasi introduttive come quella con cui io stesso ho iniato questo articolo. Credevo non avrei mai scritto un post sull'11 settembre, ma la visione di alcuni video e link che ancora spopolano sui social networks come facebook mi ha spinto a farlo. A scrivere il mio pensiero per ricordare perché certa disinformazione gratuita mi fa rabbia. 
Purtroppo quel giorno terribile è già così lontano che molti giovani non lo ricordano ed è facile dar retta a chi dice sciocchezze se non si è informati.
C'è chi vi dirà che è impossibile che un pilota dilettante riesca a colpire con così tanta precisione un edificio; c'è chi vi dirà che non erano aerei, ma missili; improvvisandosi esperti fisici vi insegneranno che un aereo non può volare a 900km/h così a bassa quota; ipotizzeranno che le Torri siano crollate perchè demolite dall'interno con degli esplosivi; vi nomineranno una sostanza chiamata "termite"; c'è chi sosterrà che il foro del pentagono è troppo piccolo per esser stato fatto da un aereo; vi parleranno di video nascosti, video mancanti, che sono stati fatti sparire; tireranno in ballo la CIA e i governi, il cattivo Bush e il povero Bin Laden "che viveva nelle grotte e adesso riposa in fondo all’oceano in un sacco di nylon"; si pavoneggeranno di non credere alla "versione ufficiale" mentre voi, stupidi, ve la bevete senza accorgervi di niente; e alla fine vi incanteranno con lunghe liste di "autorità" ed "esperti" che non si lasciano infinocchiare da quello che ci hanno raccontato i giornali perché loro vogliono scoprire la verità sull'11 settembre.

Beh, è tutto falso, tutte bufale, tutte sciocchezze, falsità, palesi incongruenze, baggianate, leggende inventate di sana pianta ignorando i fatti.

L’11 Settembre 2001 Al Qaeda si impossessò di quattro aerei con l’intenzione di colpire i simboli degli Stati Uniti d’America. Questa è la verità, tutto il resto son solo chiacchiere.

Noi non dimenticheremo mai.

2013/09/08

La crisi va pagata da chi l'ha provocata!


Ogni opinione va rispettata, per carità, ma smettetela di dire che il problema sono i politici: lo sono senz'altro, ma li avete eletti voi. È inutile che mi rispondiate "ma dove lo troviamo un Roosevelt in Italia oggi". Vincoliamo i candidati ai programmi, leggiamoli, discutiamoli, prendiamoci la nostra parte di responsabilità. 

La gran parte degli italiani per 20 anni ha votato per Berlusconi o contro Berlusconi. Ma che cavolo di programma sarebbe? La denuncia delle storture e delle ingiustizie è una cosa, il vittimismo tutt'altra. Tra la ricca contessa e il povero in canna stiamo tutti dalla parte del povero in canna, salvo il fatto che non vorremmo mai essere come lui, e salvo rare eccezioni non facciamo nulla per aiutarlo. 

È super-doveroso far pagare una patrimoniale alla contessa e a tutti i ricconi. Ma è indispensabile sapere poi che fare con il ricavato. Se no i soldi vanno a finti precari pubblici, opere inutili, o peggio dove ordina Bruxelles. Governare davvero: è questa la sfida dopo 20 anni. Mettere a fuoco le riforme giuste, i tagli necessari, senza farsi piegare da lobby, corporazioni e comitati No-qualcosa. 

Esempi? 

Detassare completamente le assunzioni di giovani e i primi tre anni di salari, a patto di non licenziare per far loro posto. Puntellare l'occupazione degli over 50 con incentivi al mantenimento del lavoro. Dismettere tutte le proprietà non strategiche dello stato e delle autonomie. Imporre la pratica del miglior prezzo per tutte le spese del settore pubblico, a partire dalla sanità regionale. 

Vincolare le banche all'erogazione di mutui agevolati per la casa ai lavoratori dipendenti, gli unici che sicuramente pagano le tasse grazie al prelievo in busta. Lanciare il settore di valorizzazione a fini turistici delle belle arti, cofinanziata da enti di ricezione e compagnie di viaggi, occupando solo laureati nelle discipline dedicate. Confrontiamoci su fatti, idee, dati. Contrastiamo il vittimismo del declino e della decrescita più o meno felice. Possiamo, anzi dobbiamo farcela. O se no piangiamoci ancora un po' addosso.