<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2014/06/26

Something about Vietnam girls....



If you think that Vietnamese women might still be like the one shown in the photo above, know that you are totally wrong. Vietnamese women are not as you imagine, too many war movies have marred the image. Women in Vietnam are much better than you ever thought that they are.

Western men have got it in their minds that all Vietnamese women are "Me love you long time". And that is really all they know about Vietnam and its women.

So when they meet women and discover that Vietnamese women have brains and brawn, wow, they have to stop and rethink what they've been brainwashed to believe.

Man usually find ways to seduce a girl yet it is sometimes too awkward to immediately express your urge towards one woman who is very descent and conservative like many women living in Asia. Asian women are mostly sensitive and conservative. Some of them are still treasuring their cultures and still practicing their tradition, Virginity is very important for it symbolizes the purity. 

Most importantly, you must come across as sincere or she will most likely interpret you as some flirt waiting to pounce on Asian girls. Let your real personality shine through your online conversations and your manner of approach. But do not expect her to be direct and straight forward like any other western girl. Asian women are brought up in such a way that they do not admit their feelings easily and when she like someone, she is more likely to drop hints rather than a direct confession. A traditional Asian girl looks for a man who is honest, faithful and can provide a stable lifestyle.

So to all the guys who are very interested in winning a woman's heart here are some tips:

1) Be yourself:

You don't actually need to please a woman by pretending and offering her gifts. Asian women are actually pleased by guys who have a sense of humor and tends to show who they really are. Girls don't usually believe at love at first sight you really have to work hard to show your sincerity. You have to be genuine and be confident with what you have and what you are, anyway girls will still love you no matter what.

2) Patience is Virtue:

Patience is very important in winning a woman's heart. Courting is one way to show your sincerity and woman usually tend to make a guy wait to measure if the man is really serious . You can offer gifts like roses and chocolates if you want but it is not a guarantee that you would have her. Letters are far more powerful than material gifts, just express what you feel and the rest will follow.

3) Be Respectful:

Treat woman as a woman in your life... not as a decoration or as an attachment for something else... Show her how much you mean to her, that you won't live without her. Try to Respect her family and befriend her friends.

4) Be a man:

Don't make promises if you don't mean it. Asian woman tends to give their all to their man they love the most so don't try to mess with their heart or else you will lose the most precious treasure you can have. If you promise to love her forever then do it.

5) Be honest:

Please do not show off by impressing her with information you know about her country. It may show that you have done your homework however what she truly want is know more about you.

6) Be faithful:

Most importantly, you must come across as sincere or she will most likely interpret you as some flirt waiting to pounce on Asian girls. Let your real personality shine through your online conversations and your manner of approach. But do not expect her to be direct and straight forward like any other western girl. Asian women are brought up in such a way that they do not admit their feelings easily and when she like someone, she is more likely to drop hints rather than a direct confession. A traditional Asian girl looks for a man who is honest, faithful and can provide a stable lifestyle.

Something about Vietnam

Vietnam is a modern Asian country and it is changing rapidly. The country is currently in a stage of massive industrial expansionism and these means lots of jobs for both men and women in Vietnam. There is a problem with 'sweatshop' labour of uneducated women, often immigrants not even from Vietnam, but this problem is gradually going to disappear as the government cracks down on illegal operations. 

Vietnam does have some government corruption issues, but this is the same everywhere in the world. The difference is that in Vietnam everyone knows the government is corrupt, in comparison Americans are often blinded by their own biases and don't care that they're being swindled by men in Wall Street.

So to all the men out there you guys need a reality check. If you guys are so easily swindled by Wall Street what makes you think your opinion of Asian women is as accurate as the stock market? 

Some people just can't see the lies when they're surrounded by them.


2014/06/25

A flower for you...

A red rose means love
From generation to generation, women have always loved receiving the gift of flowers. Simply put, flora are a symbol of life and beauty and thus, when received, women do not just feel vibrant and full of life, they feel beautiful and incredibly special. Showing her your love with a specially-made bouquet will only increase her affection for you, and make her feel like she is still the most important person in your life. In turn, you will reap the benefits as it will be her pleasure to reciprocate the feelings you garnered her with. Here is the deal with giving flowers.
Women like receiving flowers. Men think flowers are stupid.
Men think: Flowers die, they do not do anything when they are alive, they are expensive, and they are a cliché. Men know that women in general like flowers, but men also believe that women they know personally do not like flowers. The women they know are the exception to the rule.
I think it’s safe to say that mostly women are reading this post. Women are reading to figure out how to get the men in their lives to send flowers.

Here is what it’s going to take: Bottom line impact. Yes, the guys want to get laid, but dinner seems better: it is like money well spent to them — you still get the sex, but you also get good food. What do you get with flowers? This is how men think, for the most part.

So, here it’s what you get:

1. Flowers make the giver happy. The act of giving flowers elicits a real smile (as opposed to a fake, oh-that-was-nice smile) more often than other gifts of similar cost, according to a research. And men are conditioned to react very positively to a real smile.

2. People think you are smarter if you are a guy who gives flowers. That is right. Send the flowers to your significant others’ workplace. Science says that people will perceive you as having higher emotional intelligence than your peers. Next step: Start milking your significant other is network of contacts since they are already impressed with you.

3. Your will be a better manager. Men give flowers at work, too. Not every bouquet means I love you. Some bouquets mean, “Get the project done on time or we are screwed.” Give flowers during crunch time because flowers and plants at the workplace increase productivity. Flowers definitely made women more productive.



Flowers make people happier. You may found that if you see a vase of flowers in the morning, you have more spunk all day and less stress and anxiety at work. So do not just send flowers to your girlfriend and your co-workers. Send flowers to yourself.

2014/06/22

L'Ossigeno fa male


Ogni giorno accedo a internet e leggo di un nuovo complotto mondiale, case farmaceutiche che immettono sul mercato farmaci letali, McDonald's vende panini che neppure i batteri voglio mangiare, l'industria del latte che ci avvelena con la caseina, i venditori di Kebab che usano animali sconosciuti. Leggo tutte queste notizie e noto che a "scoprire" questi flagelli del nuovo millennio sono persone che non hanno né arte né parte con le tematiche trattate.

Laureati in filosofia che anziché raccontarci di Hegel ci vogliono spiegare quanto i vaccini possano fare male, economisti aprono blog per spiegarci che la cura per il cancro è stata scoperta ma vogliono tenercela nascosta, ragionieri che attribuiscono al latte la vera causa del raffreddore, architetti scrivono che Aulin e Tachipirina sono letali, in un crescendo di nuove scoperte, di nuovi complotti che occorre subito diffondere prima che vengano censurati.

Più leggo queste notizie e più la mia invidia cresce, mi domando come fanno tutti questi "scienziati" a scoprire e parlare di cose che mai hanno studiato nella vita, riuscendo a farlo anche con una sconcertante sicurezza mentre io, che vi assicuro non sono uno scienziato ma ho un ego smisurato, una presunzione di ferro e quindi mi credo chissà chi, non riesco a scoprire nulla, neppure una cura per i brufoli? Eppure non sono un medico, quindi (secondo la logica di cui sopra) dovrei intendermene!

Così ho deciso di documentarmi, di studiare giorno e notte, per scoprire anche io un bel complotto e, non ci crederete, l'ho scoperto! Su due piedi non volevo crederci neanche io, ma prima che possa essere censurato, ho pensato fosse giusto mettervi al corrente. Mi raccomando leggete bene, perchènessun giornale e nessuna televisione ve lo dirà mai! Ho scoperto che una certa quota dell'ossigeno respirato, circa il 2% per l'esattezza, alla fine della catena respiratoria, invece di legarsi all'idrogeno, genera elementi assai pericolosi come il perossido di idrogeno, il superossido e lo ioneossidrile. 

È scientificamente provato, questi prodotti vengono comunemente definiti radicali liberi, e sono assai pericolosi perchè possono portare a degenerazione la membrana cellulare,aterosclerosi, influenzare la nascita di tumori e malattie degenerative. Vi sfido a fare una ricerca e dimostrare che non sia vero. Cosa significa tutto questo? Che più ossigeno respirate, e maggiore sarà la percentuale di radicali liberi prodotti, con la conseguenza che aumenterà il rischio di ammalarvi, di farvi venire un tumore o avere altre gravi conseguenze. Chi ha ordito tutto questo complotto? Non lo so ancora ma, nel frattempo, credo sarebbe opportuno smettere di respirare, o perlomeno farlo con la massima moderazione, diciamo una o due volte al giorno.

È poi importante che condividiate il più possibile questa notizia, perché sento che presto sarà censurata dalle multinazionali che vendono bombole d'ossigeno, anche quelle usate per le immersioni! Hanno fatto credere a tutti i sub che fossero indispensabili per le immersioni, ma la verità è ovviamente un'altra!

Ok, ok, stavo scherzando, potete riprendere a respirare prima che sia troppo tardi. Lo scrivo perchè ho notato che la gente crede a ogni cosa, più è fuori dalla logica e dal buon senso, e maggiore è la sua inclinazione a crederci. È ovvio che quanto scritto sopra è solo una provocazione, che parte però da un dato vero, assolutamente scientifico (parlo del processo di produzione dei radicali liberi e dei loro effetti) per giungere poi a una conclusione che è assolutamente folle, ossia smettere di respirare pur di non esporsi ai rischi dell'ossigeno.
La leggenda delle Bacche di Goji, del ginseng , del kamut e non solo

Purtroppo con lo stesso principio, ossia concentrandosi su un singolo elemento, piuttosto che sulla complessità organica, ci si lancia ogni giorno in crociate contro questo o quel prodotto, o nell'esaltazione di un altro. Ci si concentra appunto sull'elemento e non sull'alimento, giungendo a demonizzare cibi che sono del tutto innocui e anzi salubri, o a promuovere, pubblicizzare e vendere altri del tutto inutili partendo da una informazione che viene piegata per le proprie necessità commerciali o per sostenere una propria filosofia (rispettabile, talvolta corretta) ma che non merita di essere promossa con l'inganno.

Così, tornando per un attimo ai farmaci, sebbene sia evidente che il loro uso non possa essere mai privo di effetti collaterali, occorre chiedersi quanto più grave possa essere il loro mancato utilizzo. E prima di usare il termine "letale" bisognerebbe perlomeno conoscere il significato nella lingua italiana. Per ovviare al problema suggerisco alla Roche (azienda che produce l'Aulin) di fare una raccolta punti, ogni 3 scatole potrebbe regalare un vocabolario (ovviamente solo ai sopravvissuti).

La stessa cosa accade con il cibo, finendo con eliminare alcuni alimenti solo perchè suggestionanti dalle farneticanti parole di qualcuno, o dalla deviata interpretazione di dati scientifici veri (come quelli che ho fornito rispetto all'ossigeno), individuando in altri cibi quasi dei talismani, ammantandoli di poteri miracolosi di cui non sono ovviamente dotati. È successo in passato per il limone, per l'ananas, per la pappa reale, e tanti altri, accade più recentemente per le Bacche di Goji e il ginseng, accadrà presto per altri prodotti che il marketing deciderà di ammantare di chissà quali virtù. 

Così le stesse persone che si sentono "illuminate" perchè (secondo loro) non cadono nel tranello di alcune multinazionali, finiscono a piè pari nella trappola di qualcun altro, proprio perchè si lasciano affascinare più dall'idea di un complotto che da quanto emerge dalla scienza. Pensare sempre ad un complotto è rassicurante, perchè ci fa sentire subito esperti in tutto, anzi più esperti degli esperti ufficiali dato che siamo stati in grado di "smascherarli".

Penso a quanti si sono fatti affascinare, e tuttora lo sono, da prodotti come il kamut, pensando che si tratti di chissà quale portentoso cereale, mentre nella verità dei fatti si tratta solo di un marchio commerciale che, sfruttando il fascino intorno al prodotto, riesce a fargli avere un prezzo decisamente più alto pagato (giustamente) da chi si crede più furbo!

Ma anche la recente ribalta delle Bacche di Goji, tutti pronti a sperticarsi in esaltazioni rispettando il solito copione, si parte da un racconto mistico sulla loro coltivazione, si passa poi a citare alcuni degli elementi contenuti (es. la vitamina C) elencando le mille virtù, lasciando passare l'idea che il vantaggio non sia legato alla vitamina C, presente in altri alimenti, ma alle Bacche di Goji.

Poi la stoccata finale, si fa sempre cenno a fantomatici e recenti studi scientifici (fa sempre presa) e si chiude dicendo che il contenuto di vitamina C supera perfino quello delle arance! Peccato che per assumere 100g di arancia spesso non occorre neppure mangiarla tutta, invece per assumere 100g di Bacche di Goji dovete mangiare una confezione intera e spendere 39,00 euro! Per non parlare del fatto che, ammesso che un alimento contenga qualcosa in misura maggiore rispetto a un altro, non significa che sia migliore o miracoloso! Se fosse così… sapete quante proteine contiene l'uovo più delle Bacche di Goji? E non solo proteine! Il giorno che qualcuno venderà l'uovo di Goji, raccontando che è stato deposto da una gallina mistica, che ne depone solo uno al mese, sugli altipiani sacri della Mongolia, troverà file di "scienziati" che compreranno uova pagandole volentieri 14,00 euro l'una!

Umberto Veronesi e l'idea che la carne provochi il cancro

La cosa che più di altre però mi indispettisce è quando, pur di avvalorare la propria tesi, si sceglie di mentire spudoratamente, consapevoli che nessuno andrà mai a verificare.

Succede per esempio per la demonizzazione della carne in favore di una alimentazione vegana o vegetariana. Sul fatto che l'eccesso di proteine animali provochi certamente un potenziale aggravio per la salute, anche rispetto all'insorgenza di alcune forme tumorali, siamo tutto d'accordo. Altrettanto si è tutti d'accordo nel dover integrare nell'attuale alimentazione prodotti di natura vegetale, le cui virtù non sono in discussione. Ma quando partendo da queste considerazioni, e col solo intento di portare acqua al proprio mulino, si diffonde la (falsa) notizia secondo cui Umberto Veronesi, il noto oncologo, avrebbe affermato che:
Non ci sarebbero dubbi: la carne favorirebbe l’insorgenza di tumori. Ma sotto accusa non c’è solo la macelleria. Chiunque si alimenti di proteine animali (pesce, carni bianche, selvaggina compresi) correrebbe il 30% di rischio in più di contrarre tumori al seno, al colon, alla prostata, al pancreas, alla vescica e ai polmoni." Aggiungendo che: “Le riviste medico-scientifiche più accreditate sono sul libro paga delle multinazionali farmaceutiche, molti medici e ricercatori, sulla base anche di numerose ricerche, per la maggior parte insabbiate, sono coscienti degli effetti dannosi del consumo di carne, ma hanno le mani legate.
Queste affermazioni sono assolutamente false, al punto che l'Istituto Europeo di Oncologia ha reso noto che

In riferimento all’articolo rilanciato da alcuni siti in Rete “La carne è cancerogena: Umberto Veronesi svela il motivo per cui non se ne parla“, si comunica che Umberto Veronesi, Direttore Scientifico di IEO, non ha MAI rilasciato l’intervista riportata, e nessuno dei virgolettati a lui attribuiti è reale.

Chi diffonde simili notizie finisce col trasformare quello che è un regime dietetico, in una sorta disetta religiosa, disposta a usare qualsiasi mezzo pur di fare proseliti, finendo con l'arrecare danno anche a chi vuole invece promuovere un approccio salutistico all'alimentazione ricca di vegetali.

Ma al popolo della rete (come qualcuno ama definirlo) questo non importa, o meglio lo ignora, perchè come un gregge si limita a condividere, a ritenersi "più furbo e più sveglio" perchè lui non si fa infinocchiare da nessuno. Da nessuno se non dalle altre pecore.
fonte http://www.nonsolofitness.it/

2014/06/15

SMILE


Una storia d'amore che inizia in silenzio, il suono di una voce, uno sguardo, un sorriso. Smile, sorridi. Parole che dicono tutto e niente, sentirsi soli anche in mezzo alla gente, una ventata di primavera anche se fuori è inverno. Una storia d'amore ha sempre mille cose da imparare. Parlare di una storia d’amore quando si fa sera viene difficile si rischia di cadere e precipitare nel banale, nelle solite descrizioni che a questo punto si usano per descrivere l'attimo, nemmeno volessimo idealizzare la donna dei nostri sogni repressi. 

Mio padre, se ben ricordo, una volta mi fece notare, nel corso di una delle poche volte che gli raccontai dei miei patemi di cuore, che le donne devono avere due tette, due occhi, un naso, una bocca, due gambe un bel culo e tutto il resto è un optional. In tempi successivi aggiunse che dovevano avere anche begli occhi, da non guardare troppo altrimenti portavano assuefazione, come la droga. Lei è lei, una donna, ecco, come posso descriverla? Diciamo che con il metro di mio padre ha tutto quello che serve, forse non nelle proporzioni che lui immaginava, ma c'è. E c'è anche quel cervello che a lui evidentemente non serviva, non prendeva nemmeno in considerazione. Per mio padre le donne erano oggetti, soprammobili da utilizzare quando venivano utili, possibilmente nemmeno troppo spesso, meglio farle decantare come un buon vino e assaggiare quello che restava ma a piccoli sorsi, con accortezza, per non farle riscaldare troppo, era una questione di stile o forse solo per pavoneggiarsi con gli amici oppure da sottomettere e fare figli. 

E ne sono arrivati tanti di figli.

Per me le donne rappresentano l'altra metà del cielo e scusate se è poco. Io amo le donne, le ho sempre amate, desiderate, sognate, immaginate, anche idealizzate, create come uno scultore, plasmate come l'argilla. Ma una alla volta e possibilmente abbastanza lontane nel tempo lasciando trascorrere mesi se non anni fra un rapporto e l’altro per cercare di recuperare quell’indipendenza persa e sperare di essere, o almeno smbrare all’apparenza, normale. Almeno fino a ieri, all'altro ieri.

E poi è arrivata lei, così in punta di piedi, e non sono più io. 

Non è una storia di quelle banali che si ascoltano troppo spesso mentre parlando con gli amici, attorno a un tavolo, ci si vanta di impossibili conquiste o sogni svaniti nel vento. No, questa è una storia di quelle che portano via tempo, risorse, anima e respiro. Come dire? Non so nemmeno come descrivere questo mio turbamento perché il turbamento è evidente che c'è, esiste, lo tocco con mano, ma non riesco a fermarlo e sto peggio di prima.

Qualcuno potrebbe dire che si tratta di una storia immaginata.

Se lo fosse non starei qui a parlarne, se me ne  fossi inventato una per intrattenere gli amici allora potrei essere trattato come uno dei tanti scribacchini della domenica che cercano inutilmente di intrattenere quei pochi, oramai, canuti e indefessi concittadini che si ostinano a comprare il giornale della mattina per leggere le notizie del giorno prima.

Storie, storie per innamorati delusi o che cerchi di raccontarci?

Cerco di raccontarvi che è sempre tempo di amare. Credevate voi che arrivati alla veneranda età di 75 anni come me il mondo si ferma, appendete il cuore al chiodo e chiudete la porta a quei possibili ma fugaci innamoramenti che la vita ci concede? Sbagliato, quella porta è sempre aperta, uno spiraglio di luce che saetta all'interno dell'anima e annuncia la sua presenza con piccoli e laceranti dolori di petto, tanto che magari, dopo aver incrociato quella che possiamo pensare di credere sia la donna della nostra vita, magari la seconda o la terza o come per me l'undicesima, siamo portati a pensare che l'amore non ha età.

Ma non stavi parlando di una storia?

Vero, l'avevo quasi dimenticato, la colpa è vostra con tutti questi divagamenti e divagazioni che portano fuori strada anche il più coriaceo dei determinati a concludere una storia parlata, e non quella reale che potrebbe, la seconda, interrompersi solo con la fine dei sogni o la lontananza. Meglio di no altrimenti la sofferenza dell'anima sarebbe atroce. Che poi lo sanno tutti che la lontananza è come il vento, che fa dimenticare chi non s'ama, ma è già passato un mese e quell'incendio che mi brucia l'anima non accenna a finire (grazie Domenico per l’ispirazione). Una storia imbastita con un filo forte che non sfila e non si stacca, con tanto affetto e tanti sogni e rispetto e dedizione e poi viene da chiedersi come si fa a vivere così.

Uh ma che noia, continui a girarci attorno ma non se ne vede la fine.

È cominciata per caso, avevo chiesto a una persona di aiutarmi a trovare un indirizzo, e quella si era adoperata per farmi avere la paginetta dove era pubblicato quell'indirizzo corredato da fotografie e descrizioni varie. Poi parlando con un amico scopro che lui mi può accompagnare e, dimenticandomi di aver chiesto aiuto, lo seguo e spendo la giornata con lui parlando di mogli, di fidanzate, di figli, del presente e del passato, e magari anche del futuro, come due pensionati che non si decidono a lasciare la panchina sulla quale oziano ogni giorno pur di non perdere quell'attimo magico dello stare in compagnia.

Lo so che qualcuno potrebbe pensare che comincio da molto lontano, tuttavia è tutto qui. Un paio di fine settimana dopo mi ricordo del mio amico che mi aveva suggerito di andare a visitare un museo, quello della guerra dei trent'anni, a suo dire interessante. E chiedo. Chi mi risponde è lei. All'inizio abbozzo, non nutro particolare attrazione, anche perché a me va a finire sempre in un bel matrimonio, non penso a una undicesima moglie il che vorrebbe dire una sfilza di figli e figlie da aggiungere alla lista invero già lunga. 

Nonostante questo la prendo per mia temporanea accompagnatrice e partiamo all'avventura. A lei del museo della guerra dei trent’anni non interessa poi tanto, lei propone e io accetto, andiamo a teatro e poi a vedere spettacoli di inaudita bellezza nei parchi cittadini, e quelli sull'acqua e un tripudio di luci e colori dei mercati e piano piano sento quella porticina che si apre, lasciando filtrare sempre più luce, prima solo una lama e poi un abbagliante raggio di sole. 

Non voglio sembrare sentimentale semmai sono romantico. Il fatto è che i sentimentali credono che le cose durino a lungo, si sviluppano in contorti percorsi dell'anima e sfociano in un mare di luce immaginario, io sono romantico, penso di aver dato tutto di me e per quello devo essere amato, magari odiato, picchiato, malmenato e... attenzione a non farmi troppo male perché più infierite su di me e maggiore sarà il mio amore per lei. Quindi state buoni e godete l'attimo sfuggente di questa storia d'amore che vive e non morirà mai.

Tutto qui? Nella tua banalità hai dimenticato di parlare di te, di lei, dei suoi occhi, dei sentimenti.

Potrei parlarne per mesi di questa lei, di questo amore infinito, invece il blog mi limita, si scompone e ricompone e non da adito di capire lo sconforto di un uomo alla soglia della vecchiaia, che dire quasi decrepito, che si accorge, e non ditemi mio malgrado perché non è affatto vero, che una luce è entrata e si è ricavata uno spazietto importante nel suo cuore. Sono tornato giovane, con le mie angosce, i miei sussurri, con le cuffie attaccate alle orecchie quasi fossi un teppistello di quelli di oggi, uno che ascolta sempre musica a livelli fonometrici tali che il mio vicino di casa che abita al sesto piano, mentre io sto al quarantasettesimo, definisce catalettici. Io ascolto una musica sola, sempre la stessa, una monotona ripetizione che frulla da sola nel cervello, entra da un orecchio e esce dall'altro tornando alla fonte e ricomincia il giro. Io sono un uomo d'altri tempi e, non me ne vergogno a dirlo, ascolto solo Luigi Tenco, un mito della mia generazione finito troppo presto per amore. Ahi noi innamorati persi. 

Ho persino, udite udite, ricominciato a pedalare alla cyclette, almeno per dare l’impressione che sia dimagrito quel tanto che basta per dire che è merito dell’amore. Mia figlia, quella grande, parla di un miracolo della natura, i nipoti invece si affacciano alla porta della palestra ridendo come solo i bimbi son capaci e poi corrono dalle rispettive mamme dicendo che il nonno è diventato matto. Il nonno non è matto, ma innamorato e scusate se è poco.

Va bene abbiamo capito, straparli e non connetti, non vuoi raccontarci una storia, ma lei come si chiama? 

Troppo facile signori miei. Se vi dicessi il nome qui subito si spezzerebbe l’incantesimo, potrei venir tacciato malamente e pesantemente da stuoli di arrabbiatissimi teenagers che guardano con invidia ai miei successi in amore e ai loro insuccessi nello stesso campo. Sono già oggetto di frecciate feroci quando io e lei camminiamo mano nella mano in città, il nonnetto e la nipotina, se dovessi scrivere qui il suo nome sarebbe per lei la fine, io sono forte e resisto alle bordate ma lei no, ne perirebbe, sono sicuro. Lasciamo tutto come è ora e lasciate correre l’immaginazione....

Di questa storia Uno può immaginare quello che preferisce. Ogni casualità è ammessa. Nessuno tuttavia può permettersi di dire che non sia vero. Grazie a chi mi mantiene in vita. Ho tanti segreti, accumulati e custoditi con grazia, e sentimento. Uno di quelli che il mondo di sopra vorrebbe far conoscere al mondo di sotto, passa attraverso le porte di Yangon. E li si vede chi vince e chi perde, e se poi vinco io? Non ditemi che non vale. Come tutte le belle storie anche questa Ha un significato. Uno soltanto che deve essere scoperto affinché Nessuno sia veramente perfetto. Grazie a tutti per aver letto il mio messaggio di amore, psyche e follia.  I LOVE YOU.



Don't fall in love with someone you can live with, fall in love with someone you can't live without.


2014/06/14

Alitalia: ali spezzate?


Quando uno è con l’acqua alla gola e sull’orlo del fallimento ha sempre poco da fare: accetta le proposte di strozzini e creditori e cerca di salvarsi come può.

E’ il caso di Alitalia che pare abbia scelto, come ultima spiaggia, gli arabi di Etihad con base a Abu Dhabi negli Emirati Arabi Uniti che – ovviamente – per il loro parziale salvataggio si fanno pagare, e salato.
Quello che però mi resta sullo stomaco è come si sia arrivati a questo sfacelo. Centinaia di milioni (di euro) di deficit, ma una crisi conclamata che dura da sempre, con una azienda di fatto in mano pubblica dove tutti hanno pescato a man salva e dove sono man mano approdati manager pubblici che prima di tutto si sono riempiti le tasche non senza ringraziare i propri sponsor politici.

Il tutto con comandanti e personale strapagato rispetto alla concorrenza e con benefit assurdi per decenni. Furibondo “no” a tutti i partner man mano interessati a collaborare nel Nord Italia, Malpensa prima costruita e poi dimenticata a favore di Roma, quasi che i milanesi per un volo intercontinentale non preferiscano ora Parigi, Zurigo  o Francoforte visto che Milano è stata di fatto cancellata.
Adesso ci sono migliaia e migliaia di dipendenti in esubero (ancora?!) e c’è da chiedersi  quante decine di migliaia di dipendenti erano allora di troppo visto che i piani di ristrutturazione vanno avanti da anni. 
Certo sarebbe interessante vedere la residenza di tutti questi dipendenti visto che sono stati assunti in una azienda “di bandiera” ma di fatto da sempre romanocentrica che ha fatto errori clamorosi e ricorrenti alla faccia dell’intero paese sottraendosi poi sempre alle proprie responsabilità. 

Ma possibile che non ci sia un Magistrato che non colga anche le responsabilità personali  di management incapaci? 
Quando Berlusconi volle fortemente il salvataggio “italiano” della Compagnia perché si è insistito a scegliere Roma come hub peggiorando ulteriormente i conti? Queste sono le risposte che vorrei ascoltare dal Ministro Lupi che – da lombardo e persona seria – penso se le sia poste anche lui. Per quello che serve...

Alitalia, ali spezzate! 

2014/06/11

Why this is important to me


Change the New Immigration Laws in S.Africa passed on 26 May 2014. We call for an immediate revise by the HA Committee.

Dear Mr. Galusi Gigaba,


The Portfolio Committee on Home Affairs needs to meet immediately in order to revise and debate the new legislation brought into effect without public appeal or grace period on the 26th of May 2014. The reasons for the immediate revision of the laws are listed below and have been collected from various South Africans and foreigners working in SA and which have since been published on a multitude media channels across South Africa and abroad since the new laws were passed:

- The department did not allocate sufficient time for public comment in February when the draft regulations were gazetted.

- The regulations’ various omissions and lack of definitions and criteria raise serious concerns and will be subject to misappropriation and abuse by the department and its officials. 

- The new immigration law prohibits foreigners from using agents or lawyers for visa applications, calling for all applicants to apply in person. 

- People who enter South Africa as visitors are barred from renewing or changing their visa status while in the country. Foreigners must renew visas from the country they reside in.

- It has left thousands of people trapped both in and outside the South African borders with no body/ organization / institution or entity not even the newly appointed VFS Global to turn to in order to resolve each case.

- Mothers and/or fathers are being declared "undesirable" and banned for 12 to 60 months, often because the Department concerned is unable to process their applications within a reasonable time.

While the regulations governing travel for foreigners residing in SA, and children, may well be correct and good, their implementation without a period of grace leaves much to be desired.

- The new regulations also affect businesses looking for workers with skills they cannot find locally and could frustrate highly skilled foreigners seeking to live and work here lawfully.

- The fact is that some people applied for permits/visas up to two years ago, and now find themselves unable to leave the country for fear of being banned and thus separated from their families.

- It’s going to be longer processing times; it’s going to be a lot more documentation. The process is going to be very cumbersome and it is almost certainly going to detract from foreign investors wanting to invest, start businesses and work with South African businessmen.

- A British national Olivia Lock, like many others, who is married to a South African, was banned in May for 12 months for leaving South Africa while on an expired visa. She had been waiting for the outcome of her visa renewal application.

- Before, one could travel using a receipt from home affairs indicating their application was pending but now this is no longer the case and anyone travelling on an expired permit could be declared “undesirable” and banned from returning to the country for up to five years.

- Under the new regulations applicants for general work visas will be required to obtain certification from the department of labour, stating among other things that their salary and benefits are commensurate with those paid to South African citizens in similar positions. How long this will take to process “remains to be seen”.

- The revised immigration rules do not take into account South Africa’s labour context and skills shortages, which might discourage foreign investors.

- The Board of Airline Representatives South Africa (Barsa) said in a statement made available to APA on Tuesday that the new immigration rules would cost the country billions in lost tourism business.

- Furthermore, the full cost of these regulations to our local economy and country’s reputation remain to be seen.

In less than a month the new regulations have already ripped apart families, dissuaded investors, and led to the suspension and even cancellation of multi-million rand film and tourism ventures and much more. As FIPSA chairman, Gershon Mosiane, pointed out “The Constitutional Court says you cannot deprive someone the right to live (as they want). We don’t want an environment of anarchy; we want a constitution in line with the international law." Chairman of the Immigration Law Specialist Committee of the Law Society of South Africa Julian Pokroy agrees: “Family life (is sacrosanct) and anything that prevents people from being together is unconstitutional”. Thus we ask for the following actions to be put into place and emergency meeting of the Home Affairs Portfolio Committee to discuss the following:

IMMEDIATELY:

We propose the implementation of a period of grace (six months) in the implementation of the new regulations, so that:

- Foreigners resident in South Africa can travel in and out of the country with receipts proving that the necessary applications for visas or permits have been made for that period, and until their applications have been finalized; 

- People can travel with their children;

- People have sufficient time to obtain all necessary documents, such as unabridged birth certificates, passports, identity documents and visas or permits, before issuing new regulations, which require these documents.

-A meeting of the Portfolio Committee on Home Affairs and request that these regulations be reviewed and debated by the committee and a sufficient grace period be given to current applicants in order to clarify and determine the below points:

• The list of skills eligible for the newly instituted Critical Skills work visa;
• What according to the Department and its regulations is considered businesses in the ‘national interest’; and
• What the Department and its regulations consider "undesirable business" among other things.
We understand that your objective is to protect the integrity of our borders and the sovereignty of our country, but the above reasons are enough proof that they in fact do not facilitate socio-economic development of this great country. We therefore ask that this matter be brought to your immediate attention and the above points and issues raised be resolved in accordance with our constitution. 

2014/06/09

L'ASSALTO AL CILIEGIO - ESTATE 1977




A Dalmine, in un giardino che ometto di dire dove ubicato per rispettare la privacy, c'era uno ciliegio gigantesco. Grossi frutti amaranto pendevano da questa enorme pianta invitando noi ragazzini come le sirene di Omero. Passavamo pedalando ipnotizzati e attratti dal grave carico pendente della pianta che ogni giorno si incurvava sempre di più sul peso enorme dei suoi stessi frutti.

Non si può dire che non ci avesse provato nessuno a chiedere al proprietario di prenderne una manciata, il quale però era burbero e scorbutico come un rottweiler con l'orchite, e non permetteva a nessuno di avvicinarsi a quel miracolo della natura. Essendo il mastino stesso incredibilmente disinteressato al frutto della sua gigantesca pianta la quale non faceva altro che sganciare a terra frutti enormi, succosi e zuccherini destinati a marcire o alla meglio a venir mangiati dai merli. Condizione insopportabile. Cadevano a terra facendo un sordo "Splat", quasi da pesca matura. Era un suono pari ad una pugnalata al cuore per qualsiasi giovincello che avesse provato almeno una volta le dolcezze di quel mostro fruttifero. A peggiorare le cose c'erano le ciliegie vendute al mercato del Giovedì o quelle che raramente arrivavano nei negozi del quartiere, le quali a confronto con quelle angurie rosse che crescevano sulla pianta del mastino, sembravano acidi semi di chissà quale pianta esotico-tropicale.

Le leggende sulle ciliegie di quella pianta rasentavano il paranormale. Si narrava di frutti grossi come pesche e croccanti al punto che nel mangiare tali frutti i semi in essi contenuti, segnale inequivocabile che il pantagruelico pasto era finito tutto nello stomaco, erano scomparsi quasi del tutto.

Fu così che la frustrazione raggiunse il suo culmine. Bisognava agire. L'oratorio fu la sede della prima riunione carbonara del gruppo d'assalto. Il piano prevedeva un diabolico attacco al tramonto. Obbiettivo: mangiare l'intero raccolto in una sera!

Il mastino era uso nell'andare a dormire ad orari piuttosto gallineschi, e d'estate significava avere la pianta praticamente incustodita nelle fasi immediatamente antecedenti il crepuscolo, il che consentiva a qualche "dolce" ladruncolo di arrampicarsi sulla pianta in sicurezza e al chiaro. Poi, con il calare della sera, essendo già all'altezza adeguata, mangiarsi in santa pace l'intera pianta.

Tutto fu organizzato nel minimo dettaglio. Al calar del sole, la luce del bagno del mastino si doveva accendere, poi spegnere, poi accendere quella della camera da letto, poi spegnere, bisognava aspettare 10 minuti, e il caratteristico russare (la finestra era aperta) era il segnale per l'assalto. Basisti del colpo erano alcuni non-partecipanti per evidenti limiti di età (16-17 anni) i quali avevano agito rocambolescamente negli anni precedenti e conoscevano il campo di battaglia.

Furono diligentemente distribuiti i ruoli e le gerarchie. Non meno di 40 ragazzi fra gli 8 e i 13 anni erano coinvolti nell'attacco frontale. La discussione dei ruoli causò alcune animate discussioni che finirono ovviamente con delle litigate furibonde con orecchie rosse e guancie in fiamme. Poi, una volta ristabilito l'ordine, si stabilì la data dell'assalto. Il Mastino sarebbe andato a dormire fra le 8 e le 9 di sera, sicuramente il martedì. Non che si sapesse il motivo del martedi in particolare, ma tutti si fidarono di quello che dicevano i veterani.
Insomma, vestiti scuri, se possibile e tanta pazienza.
Nella fase iniziale tutto si svolse come da copione. Luce accesa in bagno, luce spenta. Luce accesa in camera, luce spenta. Russare profondo. Via.

I primi a salire, silenziosissimi e veloci come il ghepardo furono i tre fratelli Bordin (NdB: nome di fantasia, molto meglio delle X dell'autore), i quali essendo magri e agili arrivarono laddove i rami erano più ricchi di succosi frutti. Subito dopo fu il turno di Mario e Robertino, addetti alla parte medio-alta della pianta, e in seguito, con audaci movenze pari solo a certi artisti del circo, fu il turno della terza linea di raccolta, formata da alcuni dei più dotati fisicamente ma meno agili. Il loro compito era quello di portare con il massimo del silenzio possibile una trentina di sacchetti bianchi a marchio "Vegé" in blu, meticolosamente raccolti nella settimana antecedente il colpo a tutti i componenti della banda. 

I tre fratelli Bordin in cima alla pianta avrebbero ricevuto i sacchetti una volta messa in sicurezza e assestata la loro postazione di assalto, riempiendoli con il tesoro e passandoli, una volta pieni, alle postazioni più in basso. Ai piedi della pianta c'erano a questo punto alcune staffette che maschiamente avrebbero dovuto recuperare i sacchetti trabordanti il maltolto, staffettando verso la rete di recinzione ove un nutrito gruppo di ciclisti in erba avrebbero dovuto portare il bottino in un luogo sicuro convenuto precedentemente.

Insomma, tutto si svolse come nei piani almeno fino alla prima parte.

Il Mario probabilmente era soggetto ad una forma di colite che lo affliggeva già in tenera età, ed era suo uso emettere delle violente sonorità per le quali si era reso famoso ben oltre i confini del quartiere, facendosi soprannominare da tutti "Rombo di tuono". Nemmeno in questa occasione mancò di esibirsi in tale performance, e fu l'inizio della Caporetto dei ciliegiai dalminesi. Una piccola parentesi: alcuni amici con i quali sono ancora in contatto oggi, asseriscono che Mario, letteralmente scomparso alcuni anni dopo, non solo era soggetto attivo in questa singolare disciplina musicale, ma ne era vittima in quanto per una misteriosa malattia ereditaria era praticamente costretto ad abbandonarsi alla performance ogni qualvolta si fosse presentata, diciamo così, l'occasione. Una bomba ad orologieria, praticamente. Si mormora che sia partito per l'India, dove tale pratica non è soggetta a tabù come da noi, ma anzi, è usanza comune. Chi lo sa.

Immaginatevi perciò, nel silenzio operativo, un boato di Mario mentre tutta la truppa era schierata nelle postazioni di combattimento. La pianta ebbe un fremito improvviso. Ognuno dei combattenti ora lottava per trattenere le risate che si facevano largo prepotentemente oltre ogni ragione. Il prezzo da pagare sarebbe stato altissimo, se il Rottweiler si fosse svegliato.

Mario pensò bene di dare nuovo slancio alle sue ragioni con un'altra bordata di potenza inusitata. Ormai due dei tre fratelli in cima alla pianta erano partiti a ridere cercando di trattenersi il più possibile, e gli altri ragazzi sui rami di mezzo non erano molto lontani dall'esplosione. Qualcuno di quelli a terra si indignò per quello che stava accadendo sibilando: "Mario! Mòchela docà!". Lui rispose con un "pota..." e con un'altra botta che causò il tracollo definitivo. Luce accesa in camera. Segnale d'allarme. "Via via!!"

Tutti i presenti ai piedi della pianta riuscirono a dileguarsi, mentre gli scalatori rimasero appollaiati sulla pianta in attesa che le acque si calmassero. Ma il rottweiler fece la sua comparsa in giardino. "Tò èst! Ti ho visto! Cognòse tò pàder! Ghèl dighe! Tà ederèt!" (Conosco tuo padre, glielo dirò, vedrai!) urlava nel buio il mastino.

Poi, una volta verificata l'integrità della rete di recinzione, non senza aver pronunciato dei sonori porconi destinati a farsi sentire nei dintorni, sicuro di essere ascoltato, il mastino se ne tornò verso l'ingresso di casa. Ma a questo punto accadde l'inpensabile: da una delle postazioni mediane il povero Robertino, che insieme agli altri 10 o 11 e con la complicità del didietro di Mario sulla pianta aveva mantenuto il più rigoroso silenzio, persè l'appiglio e rovinò a terra proprio davanti ai piedi del mastino.
Costui, sorpreso dalla caduta di una ciliegia di così importanti dimensioni, non ci mise troppo tempo a scoprire che la massa informe che stava ai suoi piedi era il cucciolo di un essere umano, e nemmeno tanto carino.

Accertatosi prima di tutto che il poveretto caduto dall'alto non si fosse fatto male più di tanto (era balzato in piedi come una molla subito dopo aver toccato il suolo, a riprova della sua natura gommosa), il mastino prese le notevoli orecchie del malcapitato così come si afferra un'otre carico d'acqua, e sollevandolo di peso lo portò oltre il cancello d'ingresso, calciandolo fuori quasi fosse un pallone da rugby verso la porta avversaria. Robertino, che a dispetto del nome aveva una massa adiposa in costante crescita, si ritrovò a galleggiare a mezz'aria per alcuni istanti, per poi ricadere poco distante. Era la sua seconda esperienza di volo in meno di 10 minuti.
A questo punto il mastino aveva realizzato che la sua pianta contava più abitanti di Guzzanica. Disse, con voce ferma: "Egnì zò..." (venite giù). "Egnì zò PORCO .....!!" Silenzio. Si diede inizio così ad una breve trattativa.

"Me egne zò, però te ta ma lasèt indà!" (Io scendo, ma tu mi lasci andare!)

"Te cumincia e ègn zò!" (Tu comincia a scendere!)

"No me ègne mia zò perché te ta ma pìchet. Me stò ché" (No, io non scendo perché tu mi picchi. Io sto qui.)

Insomma, la cosa andò avanti fino ad un certo punto, quando il mastino si rese conto che la massa presente sull'albero avrebbe avuto la meglio sulla sua voglia di prenderli a scarpate uno per uno.

"Alura, pudì tirale zò, se ùlif. MA GHI TEMP DES MINUCC!!" (Allora, potete tirarle giù [le ciliegie] se volete, ma avete dieci minuti di tempo!)

Fu così che al punto di raduno, dove si stavano facendo le ipotesi più funeree sulla fine dei poveri soldati rimasti sulla pianta, abbattuti al pari della "piccola vedetta lombarda", lo stupore fu immenso nel veder arrivare il gruppo degli scalatori con ben 4 sacchetti del "Vegè" pieni di succulente ciliegie.
Il povero Robertino era corso a casa dolorante, con il 45 abbondante del mastino stampato sul didietro, un grosso livido sulla coscia destra e le orecchie in fiamme.

Fu un'estate straordinaria, come tante altre estati straordinarie e primavere ricche di profumi e di gente che ride, o come gli inverni dove il freddo ti tiene incollato al termosifone o alla stufa, o quegli autunni dove non vedi altro che le castagne che scoppiano una-si-e-una-no, una si, e una no. Bastava tagliarle, o chiedere a mio nonno. Lui le cuoceva senza tagliarle e senza farle scoppiare. Mah.

Chissà dove siete finiti tutti voi, bambini del ciliegio...

(Da un racconto di Aldo Villagrossi, pubblicazione autorizzata dall'autore).

2014/06/02

I'm in love with you, why?

I'm in love with you, why?

(to listen the song just click the link above)

I fell in love with you
because
I had nothing to do
the day
I wanted someone to see
the night
I wanted something to dream
I fell in love with you
because
I could not be alone
the day
I wanted to talk of my dreams
the night
talk about love
and now
I would have a thousand things to do
I feel my dreams fade away 
but I can not think
nothing better than you
I fell in love with you
and now 
I not even known what to do
the day 
I'm sorry I ever met you
the night 
I come looking for you.

This song (translated from Italian without changing original words) 
by Luigi Tenco is dedicated to a special person, 
a person who knows how to give security, and love and care. 
I'm glad to have met you.
Beginning of a long, or perhaps short, talk about love. Love the real one and not occasional, and not of convenience, such as Luigi Tenco sang, because we have nothing to do. Yet it happens, even if you do not want, even if everything moves like a kaleidoscope, the speed of light, a flurry of color and sound, looks at flirting, him, her, there, touch, hs hand touches yours, mine, a great feeling for a moment and then ... 
And then those details which escape at glance careless, I protect you, walk on the safe side of the road, I'll take you, I love you, quiet, go slow do not drive fast.

I love you and all the rest does not matter, I love you and love blinds us, and I still love you and I do not even know why, but when I saw you, everything else does not matter. 
I love you, I love you so much but then I would say, if you think the meaning of this word you could escape. And I love you and I think of you and I can not sleep, an image inside of me. When you fall in love you never know really why .. if we knew love would become something to be explained rationally, and rationality has little to do with love ...

I love you because crossing the road with you by my side, gives me security even when security there's not, I love you because you can eat ice cream, when is only a cream and less ice, and I love you because I like as you look at me. 

I love you and there is nothing else for me.