<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2014/12/29

PINOCCHIO PATOLOGICO

Questo post è dedicato a qualcuno che sa di essere
un bugiardo cronico ma che non lo ammette.

Perché questo testo anche se sarebbe più corretto scrivere "per chi"?
Viviamo in un mondo di bugiardi, tutti imbrogliano il vicino, l'amico, il fratello, l'amante, la moglie, il marito, i figli e aggiungiamoci il collega, il partner, il capo, il direttore e la lista sarebbe infinita.

Limitiamoci pertanto a una sfera privata, rimaniamo nell'ambito dell'amicizia e consideriamo che, forse, la persona con la quale stiamo per concludere affari d'oro altro non è che un bugiardo patologico, capace di infinocchiare chiunque per suo unico vantaggio. Diffidate di persone come questo descritto, diffidate.

Chi è bugiardo patologico, affetto dalla cosidetta sindrome di pinocchio, manifesta un vero e proprio disagio psicologico, di cui tende a escluderne la gravità, fino ad arrivare a non riconoscerlo neanche. Ciò causa molta sofferenza a sé stesso ed agli altri.

Le principali caratteristiche del bugiardo patologico sono:

Mentono gratuitamente, anche se non è necessario
Sono impazienti
Sono manipolativi nei confronti degli altri
Sono seduttivi e disinibiti
Sono intolleranti alle critiche
Pretendono perché è tutto dovuto loro
Non provano nessun rimorso
Sono incapaci di relazioni affettive mature
Il comportamento di chi “subisce” un bugiardo psicologico prevede tre strategie in tre tempi diversi:

Non tollerare assolutamente le bugie, anzi bisogna smascherarle sistematicamente, affrontandone l'onere di farlo, senza nessuna indulgenza.
Chiedere al bugiardo patologico l'auto-riconoscimento del proprio stato patologico ed invitarlo a chiedere un aiuto esterno per combatterne cause e sintomatologia.
Nel caso che le prime due strategie non siano accettate, prendere in considerazione l'opportunità di “abbandonare” il bugiardo patologico. Spesso questa si rivela l'unica strategia efficace nei confronti di chi è affetto da Sindrome di Pinocchio. Infatti il bugiardo patologico non accetta di rimanere solo.
La sindrome di Pinocchio, all'interno delle problematiche e dipendenze affettive e relazionali, si manifesta attraverso il negare, anche di fronte all'evidenza, tradimenti ed inventare attorno a tali situazioni vere e propri castelli di bugie.

Il partner che accetta tale tipo di comportamento o tende ad essere indulgente verso lo stesso, deve seriamente interrogarsi sul perchè non pone in atto un proprio efficace comportamento di contrasto. Come già accennato prima il bugiardo patologico necessita della presenza dell'altro.

Dal punto di vista clinico il bugiardo patologico può essere affetto da disturbo istrionico di personalità che è caratterizzato da un tipico quadro pervasivo di emotività eccessiva, ricerca di attenzione, ed appaiono a prima vista attivi, interattivi e disinibiti.

Per essere diagnosticato come disturbo il DSM IV prevede che deve manifestarsi in una varietà di contesti con la presenza di almeno cinque dei seguenti sintomi:

la persona è a disagio in situazioni nelle quali non è al centro dell'attenzione
l'interazione con gli altri è spesso caratterizzata da comportamento sessualmente seducente o provocante
manifesta un'espressione delle emozioni rapidamente mutevole e superficiale
costantemente utilizza l'aspetto fisico per attirare l'attenzione su di sé
lo stile dell'eloquio è eccessivamente impressionistico e privo di dettagli
mostra autodrammatizzazione, teatralità, ed espressione esagerata delle emozioni
è suggestionabile, cioè, facilmente influenzato dagli altri e dalle circostanze
considera le relazioni più intime di quanto non siano realmente.

IO NON CI STO!

No a Prodi, Severino o Amato come prossimo presidente della Repubbica,
no ai ladri ai disonesti, ai corrotti. No a chi ha venduto alla UE il popolo italiano.
Io dico NO, noi, popolo italiano dobbiamo dire no o, forse,
sia questa la volta buona che il popolo si ribellerà!

Infrango solo per un momento il proposito di silenzio stampa fino al 2 gennaio per riproporre qui un articolo di Magdi Cristiano Allam a proposito del prossimo Presidente della Repubblica.
Il servo di Bruxelles Matteo Renzi pensa di candidare Romano Prodi detto il mortadella (con la faccia di culo di cane da caccia), Paola Severino o Giuliano Amato e questo sarebbe inaccettabile.
Urliamo il nostro dissenso davanti al popolo italiano e a quello del mondo intero, questa volta posso affermare con cognizione (ma che sia un pensiero comune):

IO NON CI STO!  


Non mandate al Colle l'ennesimo servo di Bruxelles
I nomi di Prodi, Amato e Severino lasciano allibiti gli italiani che credevano di essersi liberati per sempre di simili personaggi. Ma ci ricordano che proprio da queste persone siamo stati venduti alla Ue

Nessun popolo è stato tradito durante tutta la sua storia dai suoi governanti in maniera così determinata, cinica, perversa quanto gli italiani. Governanti che, a partire dal predominio del cristianesimo, hanno odiato, disprezzato, calpestato i loro sudditi in modo tale che la storia degli italiani potrebbe configurarsi come una «storia per tradimenti».

Se si esclude la breve parentesi del periodo del Risorgimento, non si vede altro che i detentori del potere intenti al disprezzo, ossia a poggiare i piedi sugli italiani come «corpo», come pedana dalla quale slanciarsi per raggiungere i propri scopi, offrendo ai magnati di turno, di volta in volta papi, re, imperatori, dittatori, banchieri, commissari europei, il territorio, l'indipendenza, la civiltà italiana. L'Italia è il loro «mezzo», il loro ricchissimo patrimonio-strumento.

Così ha fatto Prodi da quando si è presentato sulla scena politica offrendo l'Italia alla super loggia di Bruxelles: senza lo Stato italiano, senza il territorio italiano, senza la civiltà italiana, nessuna Europa unita è possibile. Altrettanto ha fatto e sta facendo Renzi: le sue famose «riforme» non sono altro (come ripete con vigliacca soddisfazione il ministro Padoan) che l'esaudimento delle pretese dei commissari europei. Bruxelles, del resto, è talmente sicura che il nostro capo del governo sia al proprio servizio che Renzi può permettersi d'ingannare gli italiani lanciando ogni tanto con la sua abituale villania qualche finta sbruffonata contro l'Europa senza turbare nessuno. Renzi del resto è un politico che aspira alle cariche più alte: l'impero europeo è stato costruito appositamente per questo tipo di politici, calpestando ogni diritto del popolo italiano.

«Meno tasse, meno tasse, meno tasse», grida Berlusconi. Ma il problema delle tasse è nato con gli obblighi dell'Unione europea, con il fiscal compact, con i limiti di bilancio imposti da Bruxelles, con la montagna del debito pubblico, con la rinuncia alla sovranità monetaria, non per un capriccio di Renzi. Berlusconi dovrebbe dire con più forza che il problema vero dell'Italia è la sua appartenenza alla Ue e alla moneta unica. In una democrazia il compito dell'opposizione è quello di opporsi, altrimenti si suicida, ma uccide anche la democrazia. La Consulta ha forse dichiarato che non è valida la sentenza con la quale ha sancito l'illegittimità della legge elettorale?

Un'opposizione degna di questo nome non dovrebbe mai aver paura delle elezioni e avrebbe dovuto obbligare le forze politiche a rientrare con il voto nell'ambito della legittimità. L'attuale degrado anche morale in cui vive l'Italia con gli scandali che scoppiano ogni giorno nell'ambito dei politici e degli amministratori deriva anche da questa atmosfera di abbandono di ogni norma scaturito dall'illegittimità generale. 

Quale validità possono riconoscere i cittadini a un governo non eletto da nessuno, che cambia la Costituzione con un Parlamento illegittimo e che si appresta a nominare il presidente della Repubblica con elettori illegittimi? Sarebbero sufficienti i primi nomi venuti alla ribalta come quelli di possibili presidenti della Repubblica (Prodi, Amato, Severino), lasciando allibiti gli italiani che credevano di essersi liberati per sempre di simili personaggi, a ricordarci invece che proprio da queste persone siamo stati venduti alla Ue e che è ancora dalla Ue che siamo governati.

2014/12/20

Natale è Rinascere


Tra pochi giorni è Natale anche se ce lo ricorda soprattutto la petulanza della pubblicità forsennata che ne ha distrutto il senso. Fermiamoci invece un attimo a riflettere e cerchiamo di ricordarci cosa sia e cosa possa significare “Natale”. Vale per i cristiani, ma in fondo anche per tutti: Natale è il simbolo del rinascere, del ricominciare, dell’affermare e credere che tutto sia possibile anche quando “Non c’è posto” e quindi si nasce in una stalla.

Ciascuno deve allora trovare un po’ di tempo per riflettere dentro di sé sulla difficoltà di far “rinascere” sé stesso. Se ne comprendiamo l’importanza e la necessità proprio per questo non possiamo e non dobbiamo abbandonarci al pessimismo, al solito tran tran, alla pancia piena, al dimenticare le radici che sono l’essenza della vita. Soprattutto dobbiamo chiederci quale possa essere il nostro contributo a chi ci sta intorno.

L’invito del Natale è di riscoprire sentimenti di amicizia, di pace, di solidarietà, non scambiarsi telefonini nuovi o panettoni. Ma soprattutto è la sfida a volersi ripulire “di dentro” di tanti pesi e di tanti sbagli che abbiamo fatto per cercare di ripartire rinnovati, rinfrancati, guardando le cose con gli occhi puliti di quando eravamo bambini. L’augurio che quindi mando a tutti i lettori di "Più Alto e Più Oltre" è di avere “occhi nuovi per una terra nuova” e che il vostro, il nostro Natale sia così un voler ricominciare, nonostante tutto, perché solo rinascendo e migliorando - prima di tutto dentro di noi - ha un senso la festa che viene. 

"Più Alto e Più Oltre" si ferma durante le feste di Natale e fino al Nuovo Anno per tornare a deliziarvi a partire dal 3 Gennaio 2015.

A tutti un caro Augurio di Buon Natale e Felice Anno Nuovo.





Iva al 22% sul pellets? Harakiri all'italiana.

Per ora li ci sono gli italiani, virtualmente, la provocazione potrebbe essere:
Mettiamoci il bimbo minchia Renzi?
Perché Renzi e non qualche altro politico? Per quale motivo dobbiamo pensare o desiderare che sia lui quello a rischio di perdere la testa? La ragione è evidente, lui sta portando, ancor piu' dei suoi predecessori, la nazione al fallimento, taglia le risorse, i gangli vitali, la voglia degli italiani di rialzare la testa e di ricominciare a vivere, a spendere a far crescere la nazione.

I motivi li conosciamo bene, l'Italia fa parte dell'Europa, anzi dell'Euro e il solo esserci impone il rispetto di determinate regole che fanno fatica a rispettare paesi ben più forti di noi, paesi abituati da sempre al rispetto delle regole e al sacrificio per il bene della patria. Ecco l'ennesima presa per il culo: l'aumento dell'IVA sul pellets non si doveva permettere.

Non solo, la giustificazione è invereconda e banale, prendono i quattrini di maggiori introiti IVA per foraggiare il fondo per la riduzione delle imposte e su questo combustibile è paradossale: per ridurre la tassazione diretta, proporzionale al reddito, si applica una forma di tassazione indiretta che colpisce il bilancio delle famiglie che hanno scelto di scaldarsi con il pellets, in gran parte famiglie dei ceti popolari che scelgono questo combustibile proprio per risparmiare.


Ma il giochino è sempre lo stesso. E' accaduta la stessa cosa anche con la fornitura domestica di metano (che inizialmente faceva risparmiare moltissimo: appena lo hanno messo tutti, i prezzi sono lievitati) e in molti altri casi.

Ora che molti hanno investito per riscaldare la casa con il pellets, per risparmiare, arriva la stangata. Che vanifica il risparmio che aveva indotto a scegliere di investire in questa direzione.

IVA al 22% sul pellets? Non si può accettare supinamente.


Questo è il problema di oggi.

Governanti insensibili ed incapaci di vedere oltre il proprio naso. Almeno il 50% del pellets (ma forse di più) è usato da industrie energivore che oltretutto percepiscono i contributi per essersi trasformate a pellets. Queste aziende porteranno in detrazione l'IVA pagata per cui per le casse dello stato saranno a beneficio ZERO, quindi le maggiori entrate saranno esattamente della metà. 


Cioè quello che pagheranno i soliti poveri cristi che per tirare avanti hanno cercato una soluzione che doveva essere più economica ed oggi invece con la minaccia di questo consistente aumento, peggiorerà la loro situazione. Come successo quando fu messa la supertassa sulle auto diesel, che portò il blocco dello sviluppo e se ne avvantaggiarono le altre nazioni. 

Similmente oggi si bloccheranno le aziende produttrici di impianti per la produzione del pellets mentre le altre nazioni spingeranno sull'acceleratore della ricerca dell'innovazione e di nuovi impianti e saranno in grado di ribassare i costi, mentre le nostre fabbriche metteranno altri operai in cassa integrazione. 

Bravi politici che non vedete più in la del naso. Nel resto del mondo si prevede il raddoppio del consumo di pellets entro il 2020, quindi notevoli investimenti a cui le nostre fabbriche rischieranno di non partecipare perchè in Italia il settore sarà bloccato - 


3,300,000 tonnellate il consumo in Italia – 300.000 tonnellate la produzione italiana - chiunque capirebbe che bisogna incrementare le fabbriche, invece si preferisce fare una politica, che paralizza gli investimenti e che non danneggi il settore petrolifero, ma che aggrava la bilancia dei pagamenti. 

Che gli sprovveduti politici nostrani, che sanno solo perpetrare truffe ai danni del popolo sovrano che li vota, prendano esempio dalla Spagna che ha investito 800 milioni di Euro per varare un piano di incentivi per chi impianta fabbriche di pellets a seguito del quale contano di creare 80.000 posti di lavoro, da cui deriverranno tonnellate di pellets da riversare su altre nazioni europee e trarne utili per tutti loro. Un intervento simile è troppo complicato per le menti atrofizzate dei nostri politici, ma ben sviluppate, le loro menti, per creare danni alla nazione. 

Invito tutti gli operatori del settore a prendere posizione ovunque possibile e divulgare queste notizie, integrandole con loro nozioni, nella speranza che possano arrivare a qualche politico illuminato che faccia bloccare questa ennesima assurdità che nel suo piccolo, sta facendo il giro del mondo, come la candidatura di Roma alle olimpiadi del 2024. 

Colleghi del settore mi hanno scritto persino dall'Alaska per commentare questa che definiscono "tassa assurda ed incredibile"

2014/12/14

DI male in peggio!


Giusto tre anni fa veniva cacciato il governo di Silvio Berlusconi. Lo spread era inspiegabilmente salito in poche settimane alle stelle e – si diceva - la sua caduta era indispensabile per rilanciare l’economia e salvare l’Italia dalla bancarotta. 
Si è scoperto poi che era tutta una manovra politico-finanziaria, che quell’indice era volutamente “gonfiato” per allontanare l’inquilino da palazzo Chigi (con grande lavorio sotterraneo di Giorgio Napolitano, quello che oggi fa tanto il verginello dicendosi nauseato dalla politica…). Il bilancio successivo è sotto gli occhi di tutti: l’Italia non è economicamente cresciuta né in questi anni è uscita dalla crisi nonostante abbia avuto 3 governi, tutti dati regolarmente affidati a persone NON elette alle elezioni. 

I numeri non sono opinione ma realtà, ed è una realtà impietosa se - dopo Monti, Letta ed ora Renzi - la disoccupazione è salita di 4 punti, quella giovanile raddoppiata, il PIL è andato in recessione e continua a scendere, il debito pubblico è esploso anziché ridursi, la pressione fiscale è passata dal 41 al 43,3% ed è in crescita, le tasse sulla casa rasentano la follia, c’è un caos quotidiano di leggi caotiche e sovrapposte, sono state annunciate riforme che non arrivano, sono ora ipertassate pensioni e previdenza e il governo è ingolfato di “deleghe” (l’ultima quella dello Jobs Act) ma non ne conclude nessuna. 

Non solo: pensate a quanti marchi, aziende, industrie, imprese italiane sono state vendute a stranieri in questi 3 anni con una perdita incalcolabile per il “made in Italy” e per le generazioni future e si capisce cosa sarà del futuro della nostra economia. 

Il Cavaliere (anzi, ormai ex anche di questo titolo) può essere molto criticato, ma la realtà è che i suoi successori stanno facendo - almeno in campo economico - ben peggio di lui e bisognerebbe avere il coraggio di ammetterlo. Certo viene da chiedersi soprattutto il “perché” di quella scelta così fortemente voluta dal Quirinale, complici gli omini di Bruxelles e la manina di Berlino. 

Ovvero quelle stesse banche che - come in Grecia – pensano prima di tutto a fare buoni affari.